Jump to content

Recommended Posts

Salve a tutti,

 

Vorrei spendere due parole su questa categoria di "microscopi" molto economi e pratici, acquistabili a poche decine di euro online.

 

ho provato a testare un pò fin dove si possono spingere e che risultati si ottengono, sperando che possa essere d'aiuto a chi si avvicina per la prima volta all'identificazione fino al livello di Specie.

 

 

il modello in questione viene venduto come "AGPtek Black USB Digital Microscope 2 Megapixel Video Camera Microscope 20-200X" anche se la marca sembra ignota (molte volte lo stesso prodotto viene riproposto con un paio di nomi diversi)

 

Gli ingrandimenti vanno da 20x a 200x anche se, dell'affidabilità di questi valori dubito molto. L'ingrandimento di cambia agendo direttamente dalla ghiera di messa a fuoco.

il primo riscontro negativo si ha sulla distanza di lavoro: il microscopio viene venduto insieme ad un supporto (di cui io non dispongo) che permette all'ingrandimento minimo di lavorare a diverse distanze,

il discorso si complica per l'ingrandimento massimo, che non mette a fuoco a più di (circa) 1,5 cm. (praticamente attaccato al campione)

 

l'illuminazione è data da 8 led bianchi disposti in modo circolare all'obiettivo. l'illuminazione è regolabile in 2 diverse intensità

Sotto l'interruttore per la regolazione dell'illuminazione è inoltre presente un pulsante che permette di scattare direttamente le foto.

 

Nel pacchetto è incluso un CD-ROM per l'installazione dei driver necessari per Windows ed un'applicazione che gestisce il microscopio.

Per sistemi Mac e Linux non è necessaria l'installazione, e viene rilevato da qualsiasi applicazione che permetta di scattare foto attraverso webcam (è come tale infatti che viene rilevato).

La risoluzione massima delle immagini ottenute è di 1280x1024, anche se, almeno per Linux, la risoluzione massima è di appena 640x480.

 

 

2016_06_19-21_17_59_8e690.jpg

​​

2016_06_19-21_18_24_66147.jpg

 

Passiamo adesso ai risultati che sono riuscito ad ottenere, che tutto sommato non mi hanno deluso.

 

ho preso in esame due esemplari di Oecobius navus Blackwall, 1859 (un maschio ed una femmina)

ed una femmina di Enoplognatha mandibularis (Lucas, 1846)

le due femmine sono state analizzate vive, servendomi del vecchio "spi-pot" descritto da Roberts (di cui non trovo più la discussione sul forum)

Quella sullo sfondo è carta millimetrata

 

O. navus

habitus ad ingrandimento minimo

 

2016_06_19-21_18_39_2b216.jpg

​​

2016_06_19-21_19_20_9ca40.jpg

 

Epigino ad ingrandimento massimo

 

2016_06_19-21_19_33_4adb3.jpg

 

Disposizione oculare ad ingrandimento massimo

 

2016_06_19-21_19_52_4bdd6.jpg

Palpo del maschio ad ingrandimento massimo

 

2016_06_19-21_21_15_7f3f2.jpg

in questo caso l'illuminazione massima non era soddisfacente, e per rimanere in tema di arrangio, ho utilizzato il flash del telefono per aumentarla un pò

 

2016_06_19-21_21_28_2668a.jpg

E. mandibularis

la qualità di queste ultime è un pò compromessa dal riflesso prodotto dal cellofan.

 

Habitus

 

2016_06_19-21_21_49_52bf9.jpg

Dettaglio unghie tarsali

 

2016_06_19-21_22_22_cf1cf.jpg

 

Dettaglio denti cheliceri

 

2016_06_19-21_22_45_b3eba.jpg

 

Dettaglio epigino

 

2016_06_19-21_23_00_7f4e7.jpg

In conclusione posso dire che tutto sommato vale i soldi che costa, se si cerca un metodo veloce e pratico per avere un ingrandimento accettabile.

la qualità e la ridottissima distanza di lavoro di contro sono i punti più dolenti.

 

Al massimo ingrandimento strutture quali epigino, palpi, unghie tarsali, denti, filiere e disposizioni oculari sono abbastanza apprezzabili, anche se non sempre ad una qualità soddisfacente.

La difficoltà sta sopratutto nel dover operare con una sola mano (dato che l'altra è impegnata nel sostenere lo strumento) sull'esemplare, e non è molte volte una soluzione immediata come lavorare sotto stereoscopio.

 

Lo consiglio a chi non vuole spendere molto, ed iniziare a divertirsi nel distinguere i vari caratteri morfologici.

 

Spero di non essermi dilungato troppo, e che questa mia esperienza possa essere d'aiuto a qualcuno :)

 

Un saluto a tutti,

Mattia

Link to comment
Share on other sites

Io sono in procinto di acquistare.... ma avevo puntato una fascia un pò più alta.... Vi farò sapere quando ci ho messo le zampe sopra e avrà tempo per combinarci qualcosa....Ultimamente non ho il tempo neanche per respirare! :ph34r:

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la condivisione! Un consiglio, la prossima volta sommergibile interamente i l'esemplare per evitare riflessi fastidiosi. :) comunque si, con poche decine di euro non si poteva pretendere chissà che, però almeno per arrivare ad una identificazione di esemplari relativamente poco complicati può effettivamente servire :)

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la condivisione! Un consiglio, la prossima volta sommergibile interamente i l'esemplare per evitare riflessi fastidiosi. :) comunque si, con poche decine di euro non si poteva pretendere chissà che, però almeno per arrivare ad una identificazione di esemplari relativamente poco complicati può effettivamente servire :)

In realtà, come ho scritto, gli esemplari sono stati osservati in vivo, (a parte il maschio di O. navus) quindi senza bisogno di dover necessariamente uccidere e conservare l'esemplare. I riflessi sono quindi dati dalla pellicola che riveste lo "spi-pot".

 

Il mio "test" era proprio basato su quanto di più arrangiato si potesse trovare per cercare di identificare qualcosina, per chi magari è alle prime armi. :)

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Circa un anno fa avevo preso anche io un microscopio usb, per meno di 20 euro ( mi sembra circa 16 )

il mio è leggermente differente:

 

​​

2015_12_21-15_09_06_57818.jpg

2015_12_21-15_07_59_49358.jpg

 

L' ho sempre provato su insetti e ragni vivi e non è facile metterli a fuoco, ma i risultati non sono tanto male

 

2015_12_21-15_09_53_3dea4.jpg

 

A minimo ingrandimento

 

2015_12_21-15_10_45_1031f.jpg

 

a massimo ingrandimento

 

2015_12_21-15_11_11_a6281.jpg

 

Anche nel mio è compreso un dischetto con driver e un programma per utilizzarlo ( CamApp )

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
  • Topics

  • Similar Content

    • By Carlo82
      Data: 08/05/2022 - 17:00
      Luogo: Valpelline (AO)
      Posizione/Micro-habitat: Su un ramo di un albero, tra le foglie
      Dimensione corpo: Media (10-20mm)

      Salve a tutti,
      mi chiamo Carlo, sono nuovo di questo forum. Non sono esperto di ragni ma sono abbastanza curioso e mi piace fare fotografare.
      Ieri  ho fatto un paio di foto a questo ragno, vorrei sapere di che specie si tratta.
      Al momento vivo in Svizzera. Il ragno in questione si trovava in un bosco dalle mie parti, nel cantone Solothurn. Non so se queste informazioni possono aiutare nell'identificazione.
      Spero che le immagini siano abbastanza chiare da facilitare l'identificazione.
      Grazie per l'aiuto.
    • By CARLA
      Data: 13/7/2021 - 14:00
      Luogo: Decimomannu (CA)
      Posizione/Micro-habitat: Sulla porta della dispensa
      Dimensione corpo: Piccola (5-10mm)
      Buonasera a tutti! 
      Questo pomeriggio ho trovato questo ragno in cucina. Stava fermo sulla porta della dispensa. Ho provato a cercare su Google e ho trovato un immagine di un esemplare molto simile, vi allego il link: 
      https://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/ragno_coreano_spunta_dalle_casse_di_un_tir_spavento_in_azienda-3215171.html
      Secondo voi esperti si tratta di una Steatoda grossa? 
      Grazie a chi mi risponderà! Buona giornata a tutti 🙂 
       
    • By Audrey Marsy
      Buongiorno, 
      Ho trovato un scorpione già morto su un cammino vicino ai muri di pietra a secco, in provincia di Genova. Quindi l'ho preso per provare ad identificarlo, seguendo questa chiave  ( http://www.euscorpiuseco.altervista.org/euscorpius.html#aquilejensis) di identificazione arrivo a Euscorpius aquijelensis... Ma come è la prima volta che provo a identificare un scorpione non sono sicura.. Che ne pensate? Conoscete altri chiavi di identificazione? 
      Località : Sori (Ge), cammino vicino ai giardini e muri di pietra.
      lunghezza :3 cm dalla testa all'apice della coda
      data : 19/03/2021, trovato morto.
      Grazie! 




    • By Jakal
      Data: 1/10/2020 - 12:00
      Luogo: Roma (RM)
      Posizione/Micro-habitat: Appartamento in citta
      Dimensione corpo: Piccola (5-10mm) Dietro la porta ho notato questi 2 ragni avvinghiati non si muovono da almeno 1 ora che specie sono e cosa fanno?


    • By Franz
      Data: 02/06/2020 - 2:00
      Luogo: Rovigo (RO)
      Posizione/Micro-habitat: Tra una libreria e le gambe di un tavolino
      Dimensione corpo: Media (10-20mm) Buonasera,
      Ultimamente ho iniziato a girare di notte per casa, imbattendomi spesso in ragni comuni presenti nelle abitazioni, che riesco a distinguere. Ma in questo caso non riesco a capire se si tratti effettivamente di una vedova nera o di una "falsa" vedova nera. Purtroppo non ho potuto scattare foto avvicinandomi ulteriormente perché si sarebbe rifugiata sotto la libreria dove probabilmente ha il suo "nido".
      Dato che non è presente alcun segno arancione sotto l'addome, ho pensato ad una steatoda grossa, femmina. Qualcuno saprebbe aiutarmi nell'identificazione?
      Non credo di poter scattare foto migliori di questa.
      Sarei anche preoccupato, dato che convivo con una persona anziana. 😰

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.