Vai al contenuto
einszweidrei

Basiglio (MI) - Parasteatoda tepidariorum

Recommended Posts

Buona sera a tutto il forum, Questa la schedina per l'identificazione: 

Data: Foto scattata il 29/09/2018, nel pomeriggio. Ragno avvistato circa 6 giorni prima sempre di pomeriggio, faceva ancora molto caldo (prima del mellifluo calo termico, fa ancora molto caldo adesso). l'ovisacco è apparso circa 4 giorni dopo l'avvistamento, sempre in condizioni miti.

Luogo: BASIGLIO, Provincia di Milano, Pianura lombarda. 

Microhabitat: come tutti i nostri amici a 8 zampe ha scelto proprio il posto migliore: il tettuccio di fianco alla casetta di Stevenson al cui interno tengo il sensore termo-igrometrico per la mia altra insana passione, la meteorologia. è sul terrazzo di cucina, zona esposta a Nord-est semi-ombrosa, c'è solo un pò di sole diretto la mattina.

Dimensioni: non sono molto bravo posso dire sia più o meno quanto una moneta da due euro Zampe incluse; sicuramente è ben più grande di una semplice Steatoda triangulosa, di quelle ne ho una buffa in sala ( buffa per i comportamenti) e sono molto più piccoline. questa è quasi il doppio.

 

 

attachment.php?attachmentid=491645&d=153

 

Ultima domanda: di fianco a lei come detto c'è il sacco ovigero, mi è parso di leggere proprio su queste pagine, pur senza aver capito bene a riguardo quindi richiedo, che l'ovisacco può essere generato pure se sterile. Dalla foto si capisce se lo sia o meno? nel caso da qua non siate sicuri io come potrei capirlo? 

Grazie come sempre a chi gentilmente risponderà. 

Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, einszweidrei ha scritto:

Questa la schedina per l'identificazione: 

Data: Foto scattata il 29/09/2018, nel pomeriggio. Ragno avvistato circa 6 giorni prima sempre di pomeriggio, faceva ancora molto caldo (prima del mellifluo calo termico, fa ancora molto caldo adesso). l'ovisacco è apparso circa 4 giorni dopo l'avvistamento, sempre in condizioni miti.

Luogo: BASIGLIO, Provincia di Milano, Pianura lombarda. 

Microhabitat: come tutti i nostri amici a 8 zampe ha scelto proprio il posto migliore: la casetta di Stevenson al cui interno tengo il sensore termo-igrometrico per la mia altra insana passione, la meteorologia. è sul terrazzo di cucina, zona esposta e Ne semi-ombrosa, c'è solo un pò di sole diretto la mattina.

Dimensioni: non sono molto bravo posso dire sia più o meno quanto una moneta da due euro Zampe incluse; sicuramente è ben più grande di una semplice Steatoda triangulosa, di quelle ne ho una buffa in sala ( buffa per i comportamenti) e sono molto più piccoline. questa è quasi il doppio.

 

 

attachment.php?attachmentid=491645&d=153

 

Ultima domanda: di fianco a lei come detto c'è il sacco ovigero, mi è parso di leggere proprio su queste pagine, pur senza aver capito bene a riguardo quindi richiedo, che l'ovisacco può essere generato pure se sterile. Dalla foto si capisce se lo sia o meno? nel caso da qua non siate sicuri io come potrei capirlo? 

Grazie come sempre a chi gentilmente risponderà. 

Andrea

Ciao, sulla specie avrai sicuramente delucidazioni dagli esperti, poichè io non sono in grado di andare oltre il genere. Inoltre, non credo si possa vedere dall’esterno se un ovisacco è sterile o meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille delle prontissime risposte, in particolare a Federica: sì, è lei. ho guardato su Google corrisponde totalmente. c'è anche una bella pagina su wikipedia English sul ragno in questione, mi permetto di linkarla per quelli più a digiuno come il sottoscritto,https://en.wikipedia.org/wiki/Parasteatoda_tepidariorum. alcuni dettagli sono interessanti.

Riguardo all'ovisacco quindi non si può capire quella peculiarità?  nel caso partissimo dal presupposto sia Fecondo, quanto tempo ci mette ad effettuare la schiusa? (è comparso circa 20 giorni fa). lo chiedo in quanto quell'attrezzatura vicina è per me molto importante e mi spaventa un poco l'orda di ragnetti intorno che poi si infilerebbero sicuramente dentro... spostarla non so quanto sia rischioso, leggo esser ragno molto poco aggressivo ma non di certo totalmente "innocuo" se dovesse accidentalmente mordere. Se vi sentite di dare un parere... ben venga.spero di non urtare la sensibilità di nessuno  in realtà ho pure pensato di toglierle l'ovisacco con un bastoncino ma forse voi lo trovereste molto crudele... Di certo lei può stare pure lì pacifica, non mi da nessun fastidio anzi prende tutte le cimici asiatiche che come sapete in questo momento banchettano ovunque. però i ragnetti mi fanno un pò paura... comunque già sapere i tempi di schiusa sarebbe utile. Grazie ancora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La schiusa dovrebbe essere imminente. Di solito ci vuole meno di un mese. All'inizio i ragnetti dovrebbero rimanere nella tela.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che bellissima cicciona 😊

È un ragno originario delle regioni tropicali e subtropicali. Per vivere all'aperto, ha bisogno di temperature miti.

In Europa centrale infatti è una specie sinantropa. Pare che prediliga dimorare nelle serre o comunque in edifici riscaldati.

Sulle dimensioni, le femmine di P.tepidariorum raggiungono i 7mm di bL contro i 5mm di S.triangulosa. Aggiungi pure che la conformazione dell'opistosoma è più alto che lungo, a palletta per usare un termine scientifico 😂. Quindi sembrano ancora più grandi rispetto alle "cugine"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Paolina ha scritto:

In Europa centrale infatti è una specie sinantropa. Pare che prediliga dimorare nelle serre o comunque in edifici riscaldati.

Per le mie piccole e umili osservazioni in Lombardia ho trovato sinora S. tepidarorium solo in giardino, di solito tra i ragni di arbusti bassi mentre S. triangulosa l'ho trovata sia in casa che in giardino ma in luoghi chiusi e bui (cassetta dell'impianto di irrigazione).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Darko ha scritto:

Per le mie piccole e umili osservazioni in Lombardia ho trovato sinora S. tepidarorium solo in giardino, di solito tra i ragni di arbusti bassi mentre S. triangulosa l'ho trovata sia in casa che in giardino ma in luoghi chiusi e bui (cassetta dell'impianto di irrigazione).

Ah davvero? Ma anche d'inverno?

Mi sono limitata a riportare quanto rinvenuto nella guida. Qui in Sicilia non c'è secondo la check list

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Paolina ha scritto:

Ah davvero? Ma anche d'inverno?

In casa non mi è mai capitato di trovarne. Avevo trovato dei maschi ma ai tempi non sapevo riconoscere se fossero di S. tepidarorium o S. triangulosa (oddio... con i maschi forse faccio fatica anche adesso).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutte/i e grazie a Paolina per le delucidazioni, effettivamente guardandola prima con la torcia l'avevo molto sovrastimata; moneta da due euro è fin troppo. non è poi tanto più grande della sua cuginetta, solo da quell'impressione, forse per la ciccia. Come tipologie di tele mi sembrano molto simili: "collose" e abbastanza estese in alto. le cimici ci rimangono impigliate che è un piacere! In generale concordo sulla localizzazione delle Steatoda triangulosa, pure io ne ho trovate molte in terrazzo dove ci sono le fioriere, sempre però in zone un pò "sporche" o buie, questa qui invece sarà forse la seconda volta che ne ritrovo un esemplare. Debbo dire le Triangulose siano dei predatori incredibili: Vespe, cimici e mosche grandi sono spesso predate, incredibile dato quanto sono piccoline. molto buffo vederle predare, vanno su e giù per la tela intrappolando la malcapitata... 

Ringrazio pure Elle per la precisazione sui tempi, ahimè so che non farà piacere ma ho agito: ho rimosso l'ovisacco, anche perchè forse non ci sarò per qualche giorno e non si sa mai... so che è molto brutto e insensibile, ma non potevo rischiare di danneggiare l'attrezzatura di fianco alla zona della schiusa da cui inevitabilmente si sarebbero sparsi.. è stato semplice. Mi chiedo lei se ne risentirà "psicologicamente" è pure sempre una futura mamma... povera bestiolina, purtroppo non potevo fare altro!! :( Adesso può stare lì tranquilla.... poteva pure essere una bella documentazione fotografica per il forum.

Vedo che Darko scrive dalle mie parti... quest'anno i ragni hanno vita lunga, grazie al clima rivierasco che forse andrà avanti a questo punto fino a fine mese. Mi chiedo però se lì sul terrazzo seppur riparata l'esemplare in questione sopravviverà pure d'inverno. l'anno scorso una Steatoda Grossa mi era sopravvissuta nella parte interna del balcone in un angolo fino a marzo, poi l'ondata di freddo tardiva l'ha stroncata...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, einszweidrei ha scritto:

Debbo dire le Triangulose siano dei predatori incredibili:

Infatti! Nella cassetta dell'impianto di irrigazione trovo sempre decine di isopodi predati e digeriti dall'interno, il che ha dell'incredibile se si pensa alla corazza dura che hanno.

 

8 ore fa, einszweidrei ha scritto:

Mi chiedo lei se ne risentirà "psicologicamente"

Beh, forse parlare di trauma psicologico è un po' esagerato, però ho potuto constatare un comportamento che mi ha sorpreso molto (e di cui abbiamo discusso in questo forum). Avevo una S. triangulosa con ovisacco in un terrario, aprendo il coperchio l'ovisacco era caduto sul fondo del terrario e non sapendo cosa fare lo lasciai lì. Quando sono poi ripassato qualche ora più tardi ho ritrovato l'ovisacco nello stesso punto esatto della tela in cui la madre l'aveva posizionato inizialmente. Quindi la S. triangula è stata in grado di trovare l'ovisacco mancante e riportarlo in alto nella posizione iniziale. Mi chiedo come abbia fatto a indivisuarlo, se con la vista o con altri sensi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, Darko ha scritto:

In casa non mi è mai capitato di trovarne. Avevo trovato dei maschi ma ai tempi non sapevo riconoscere se fossero di S. tepidarorium o S. triangulosa (oddio... con i maschi forse faccio fatica anche adesso).

Di S.triangulosa ho trovato un maschio ma davvero non immaginavo potesse essere così piccolo. Se li vediamo in foto non ci rendiamo conto delle effettive dimensioni e notiamo i particolari solo zoommandoli (davvero a occhio nudo è impossibile e non sono ancora presbite malgrado la veneranda... 😂).

Lo stesso vale per Nomisia sp., anche tu l'hai vista qualche mese fa. Piccola, dai movimenti nervosi e velocissimi, già solo per questo sembra un ragno marroncino e basta.

 

9 ore fa, einszweidrei ha scritto:

 

Vedo che Darko scrive dalle mie parti... quest'anno i ragni hanno vita lunga, grazie al clima rivierasco che forse andrà avanti a questo punto fino a fine mese. Mi chiedo però se lì sul terrazzo seppur riparata l'esemplare in questione sopravviverà pure d'inverno. l'anno scorso una Steatoda Grossa mi era sopravvissuta nella parte interna del balcone in un angolo fino a marzo, poi l'ondata di freddo tardiva l'ha stroncata...

 

In effetti il rischio è quello, se le temperature scendono tanto.. a meno che non riescano a trovare un riparo che li isoli dal freddo eccessivo

 

1 ora fa, Darko ha scritto:

Avevo una S. triangulosa con ovisacco in un terrario, aprendo il coperchio l'ovisacco era caduto sul fondo del terrario e non sapendo cosa fare lo lasciai lì. Quando sono poi ripassato qualche ora più tardi ho ritrovato l'ovisacco nello stesso punto esatto della tela in cui la madre l'aveva posizionato inizialmente. Quindi la S. triangula è stata in grado di trovare l'ovisacco mancante e riportarlo in alto nella posizione iniziale. Mi chiedo come abbia fatto a indivisuarlo, se con la vista o con altri sensi.

Eins, dopo il racconto di Darko, aspettati di ritrovare l'ovisacco al posto di prima, in puro stile horror 😂

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.