Jump to content

imbalsamare migali


Recommended Posts

  • Replies 49
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Detto in due parole, la cosa migliore è farle seccare nella posizione che tu preferisci (di solito a zampe aperte e ben distese) fissate con degli spilli.

Di solito in 2 giorni sono completamente irrigidite.

 

 

Nel caso di animali molto grossi, specialmente femmine, è possibile riempire l'addome con materiale come cotone per mantenerlo turgido.

 

 

Comunque Alvise (che ha una raccolta vastissima di migali tassidermizzate) saprà dirti più dettagliatamente cosa fare.

Link to comment
Share on other sites

Qualcosa c'è comunque o qui o su un altro forum, prova con migali spillate o migali conservazione... :4fuu9h1: E non credere che un "tassidermista" come lui ti sveli i segreti più reconditi.... neppure sotto tortura. :sisi:

Link to comment
Share on other sites

Ecchime!

Qui si va sul mio campo prediletto...

In linea di massima per una buona resa occorre che la migale sia ancora morbida...

Si procede quindi a svuotare l'addome e lo si riempie con palline di cotone, alcune delle quali imbevute di alchol.

Si sigilla l'addome con della colla cyanoacrilica e con le dita piano piano si cerca di sagomarlo al meglio in maniera che risulti naturale (occhio che l'addome deve essere riempito tenendo conto che la pelle asciugandosi si ritirerà, quindi bisogna avere un po' d'occhio e d'esperienza per capire quando basta e ottenere il risultato migliore).

A questo punto si procede alla spillatura vera e propria.

Anche qui ci sono diversi tipi di tecnica in base al risultato che si vuole ottenere.

In linea di massima la tecnica più semplice è posizionare uno spillo per ogni zampa.

Due spilli ai lati del cefalotorace (tra il secondo e il terzo paio di zampe) e uno alla base dell'addome posizionato tra le filiere.

I tempi di essiccazione variano a seconda della taglia dell'animale.

Si va dai 3/4 giorni per esemplari di piccole dimensioni fino ad alcune settimane per esemplari più grossi; il mio consiglio e di farlo asciugare in una scatola ben chiusa con un paio di palline di naftalina per contrastare l'odore.

Una volta asciutte basterà trasferirle nella scatola entomologica.

 

Se ci sono altre domande sono a disposizione!

 

Alvise

 

Ps aggiungo che sono felice di vedere qualcuno che si appassiona alla tassidermia delle migali, a parer mio un metodo fantastico per riuscire a scoprire e osservare particolari che difficilmente si possono apprezzare col solo allevamento.

Link to comment
Share on other sites

Ecchime!

Qui si va sul mio campo prediletto...

In linea di massima per una buona resa occorre che la migale sia ancora morbida...

Si procede quindi a svuotare l'addome e lo si riempie con palline di cotone, alcune delle quali imbevute di alchol.

Si sigilla l'addome con della colla cyanoacrilica e con le dita piano piano si cerca di sagomarlo al meglio in maniera che risulti naturale (occhio che l'addome deve essere riempito tenendo conto che la pelle asciugandosi si ritirerà, quindi bisogna avere un po' d'occhio e d'esperienza per capire quando basta e ottenere il risultato migliore).

A questo punto si procede alla spillatura vera e propria.

Anche qui ci sono diversi tipi di tecnica in base al risultato che si vuole ottenere.

In linea di massima la tecnica più semplice è posizionare uno spillo per ogni zampa.

Due spilli ai lati del cefalotorace (tra il secondo e il terzo paio di zampe) e uno alla base dell'addome posizionato tra le filiere.

I tempi di essiccazione variano a seconda della taglia dell'animale.

Si va dai 3/4 giorni per esemplari di piccole dimensioni fino ad alcune settimane per esemplari più grossi; il mio consiglio e di farlo asciugare in una scatola ben chiusa con un paio di palline di naftalina per contrastare l'odore.

Una volta asciutte basterà trasferirle nella scatola entomologica.

 

Se ci sono altre domande sono a disposizione!

 

Alvise

 

Ps aggiungo che sono felice di vedere qualcuno che si appassiona alla tassidermia delle migali, a parer mio un metodo fantastico per riuscire a scoprire e osservare particolari che difficilmente si possono apprezzare col solo allevamento.

ma la scatola entomologica sarebbe la cornice??? :mah:
Link to comment
Share on other sites

Esatto. La scatola entomologica è il posto finale dove il ragno verrà esposto., ce ne sono di vari tipi, fatture e prezzi.

Tutto sta a come

Vuoi impostare tu la tua futura collezione (se poi alla fine deciderai di iniziarne una).

 

Alvise

Link to comment
Share on other sites

Sono delle scatole entomologiche preparate da ditte varie.

In Italia c'è una ditta di Torino che le prepara anche per vari musei che le vende.

Le puoi trovare in vendita sia in internet sia a manifestazioni come Entomodena.

 

Alvise

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.