Jump to content

domanda


Guest spyck
 Share

Recommended Posts

Guest spyck

ciao a tutti

io quasi ogni anno vado in montagna e nel mio giardino trovo dei regnetti della grandezza hemm

più o meno di una moneta da 2 euro comprese le zampe

il primo è nero ed ha delle macchie rosse sull' addome

il secondo è uguale ma le macchie sono gialle assomigliano tutti e due gli esemplari alla vedova nera !

che ragno è ?

questa estate volevo provare ad allevarne 1 consigli ?

grazie mille a tutti

 

PS.

mi spiace ma non ho foto

Link to comment
Share on other sites

attenzione! ... ci siamo ... in che zona ti trovi? ... potrebbero essere proprio loro ... le Latrodectus tredecimguttatus (fai una ricerca su internet per un confronto visivo con i tuoi ricordi) ... quella con le macchie gialle-arancio forse sono femmine subadulte che non hanno ancora i colori così spinti sul rosso ... inutile dilungarmi su prudenti consigli nei loro riguardi ... anzi (secondo la legge attuale) è meglio se le lasci li e gli fai solo delle foto (sopratutto a quelle con le macchie gialle) ... proprio li sul luogo dove le hai viste ... (puoi descriverci com'era fatta la loro ragnatela?) ...CIAO

Edited by roccolucio
Link to comment
Share on other sites

Guest spyck

il luogo è il piemonte vicino alla svizzera !

ma potrebbero essere d' avvero loro ?

la ragnatela non la hanno sono sempre sotto la lastra di pietra che copre l' accensione dell' acqua.

 

a mi ricordo che insieme alle 2 grosse ce ne erano 2-3 più piccoli non ricordo i colori ma cmq di base erano neri.

Link to comment
Share on other sites

Guest spyck

ho appena dato un' occhiata a delle foto su google.

e mi sembrano loro ma è possibile ?

è una spece italiana ?

no sai com' è io li ci accendo tutti gli anni l' acqua d' estate se sono loro le prelevo e le sposto !

Link to comment
Share on other sites

per accensione dell'acqua intendi una chiave d'arresto della conduttura idrica? ... Se ho capito bene ... faresti bene a prendere delle precauzioni ... è meglio che nessuno corra rischi introducendo una mano inesperta in quel posto per girare la manopola ... sarebbe però opportuno farlo fare a qualcuno competente o molto pratico ... però la mancanza di ragnatela è una cosa strana ... servirebbero proprio delle foto ... con tutte queste incertezze potremmo continuare a parlarne per ore senza raggiungere una significativa conclusione e l'argometno è troppo delicato per trattarlo così basandoci solo su ricordi ...CIAO

Edited by roccolucio
Link to comment
Share on other sites

Guest spyck

si appena vado su le faccio e le posto subito !

cmq è da anni che si apre l' acqua lì e che io sappia non ci sono mai stati problemi !

ma le Latrodectus tredecimguttatus sono ragni italiani ?

domanda se non sono loro si possono allevare senza problemi ?

Link to comment
Share on other sites

Latrodectus tredecimguttatus è una specie diffusa prevalentemente in Liguria, Toscana, alto Lazio e Corsica. E' presente anche in altre regioni come l'Abruzzo. Onestamente non credevo che si spingesse così a Nord, vicino alla Svizzera.

Se si trattasse di Steatoda spp. potresti anche allevarle; non saresti l'unico: Diana e Rocco le hanno, se non ricordo male.

Se invece fossere effettivamente Latrodectus tredecimguttatus è decisamente meglio lasciarle dove sono...

Link to comment
Share on other sites

Non mi sembra che la malmignatta sia segnalata in svizzera, per lo meno dal sito della Fauna Europea non risultano dati a riguardo.

E' vero però che sono riportate altre specie del genere in Europa, più precisamente Latrodectus geometricus in Irlanda (proprio irlanda, al freddo) e L.hasselti in belgio. Più L.lilianae dalla Spagna. Inoltre L.tredecimguttatus è presente in Francia, anche se credo solo nella zona meridionale orientale, decisamente più calda, che può offrire un clima mediterraneo consono alla specie. In definitiva, non mi sentirei di escludere a priori che possa essere lei.

Per quanto riguarda le altre due specie nord europee non le avevo mai sentite, ma cercherò di fare qualche ricerca.

Invece per il ragno in questione non escluderei la Steatoda albomaculata che potrebbe ricordare la malmignatta, almeno nel pattern,e che è segnalata per la Svizzera.

Comunque dovesse risultare realmente L.tredecimguttatus, non mi preoccuperei più di tanto, tutt'alpiù mi limiterei a prendere un bicchiere e a spostare gli animali in un posto meno accessibile. Già che ci sei controlla, attraverso il vetro, se sul ventre dell'animale è presente una macchia rossa a forma di clessidra, credo sia un carattere diagnostico per la malmignatta.

Ciao Diego

Link to comment
Share on other sites

se sul ventre dell'animale è presente una macchia rossa a forma di clessidra, credo sia un carattere diagnostico per la malmignatta.

 

Se non erro la "clessidra" è classica della L. mactans, non della malmignatta...

Link to comment
Share on other sites

E' vero però che sono riportate altre specie del genere in Europa, più precisamente Latrodectus geometricus in Irlanda (proprio irlanda, al freddo) e L.hasselti in belgio. Più L.lilianae dalla Spagna. Inoltre L.tredecimguttatus è presente in Francia, anche se credo solo nella zona meridionale orientale, decisamente più calda, che può offrire un clima mediterraneo consono alla specie. In definitiva, non mi sentirei di escludere a priori che possa essere lei.

 

Ecco che torniamo al discorso delle segnalazioni azzardate... non da parte di Hyles ovvio... ma da parte di chi ha scritto che Latrodectus hasselti e Latrodectus geometricus sono presenti in Europa... almeno... di certo sono presenti, ma nelle spider-rooms di qualcuno e non nei giardini di casa... :rolleyes:

Può anche essere che sia stato trovato un esemplare in mezzo a qualche importazione di piante o simili... ma l'introduzione di queste specie in zone così fredde mi pare un po' azzardata...

Latrodectus hasselti è una specie australiana ben distribuita anche in molte zone del sud est asiatico mentre Latrodectus geometricus è una specie cosmotropicale distribuita un po' in tutto il mondo (Centro America, Sud America, Africa, Giappone, ecc.). Latrodectus lilianae invece è una specie endemica della Spagna. Latrodectus tredecimguttatus è presente nel sud della Francia dove esistono popolazione completamente nere chiamata Latrodectus tredecimguttatus lugubris anche se a livello tassonomico devono essere fatti ancora dei chiarimenti.

 

Anche della malmignatta, secondo il Jones.

 

Sinceramente non ho mai visto una sola Latrodectus tredecimguttatus con la clessidra... ho avuto a che fare davvero con molti esemplari provenienti da popolazioni Sarde, Corse, Toscane e Pugliesi ma mai mi è capitato di vederne una con la clessidra... Nella posizione nella quale quasi tutte le altre Latrodectus ssp. hanno la clessidra (anche se nelle specie che comunemente hanno la clessidra completa esistono variazioni o addirittura esemplari nella quale è totalmnte assente) le Latrodectus tredecimguttatus hanno solo due segnettini rossi che coinciderebbero con le due basi della clessidra se questa fosse completa.

 

Esiste un metodo infallibile per il riconoscimento tra Steatoda ssp. e Latrodectus tredecimguttatus ed è la consistenza dei cocoons. Nelle Steatoda i cocoon hanno sempre una consistenza come una pallina di cotone o poco più "grezza", nelle Latrodectus tredecimguttatus i cocoon hanno la superficie completamente liscia e della consistenza simile a quella del cartone.

Link to comment
Share on other sites

Fabio. bellissima spiegazione.

Un giorno poi potremmo ragionare sugli esemplari neri..(non melanici...non si tratta di cromatofori con melanina..).

Per fare capire come non è semplice niente in questo mondo ottozamputo...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.