Vai al contenuto

MatteoG

Fondatore
  • Numero contenuti

    5057
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su MatteoG

  • Grado
    Fondatore
  • Compleanno 26/10/1972

Contact Methods

  • MSN
    mtgrotto@live.it
  • Website URL
    http://www.aracnofilia.org
  • ICQ
    10726675

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Biella

Previous Fields

  • Nome
    Matteo
  • Località
    Biella
  • Provincia
    BI
  • Regione
    Piemonte
  • Socio
    Socio Fondatore

Visite recenti

1703 visite nel profilo
  1. Cari Amici, Paolo se n’è andato tra le stelle, ieri sera. Parlare di Paolo Tongiorgi è davvero difficile. Perché al di là del suo immenso contributo all’aracnologia (e non solo) è stato semplicemente un uomo meraviglioso. Ed è difficilissimo parlare degli uomini meravigliosi, soprattutto quando non ci sono più. Paolo è stato un amico sincero per moltissimi di noi e uno dei pilastri fondamentali di Aracnofilia. Molto di quello che c’è qui oggi, trova forza nella sua presenza, nel suo insegnamento e in quello che ha rappresentato per tutti noi. Quando -unico insieme a Claudio Arnò- decise che l’Accademia (e qui parliamo di quella con la A maiuscola) dovesse tuffarsi alla cieca in un gruppo di stravaganti appassionati, lo fece senza risparmiarsi, trasformandosi in uno di noi, difendendoci sempre a spada tratta, senza mai un tentennamento. E questo lo fanno solo le persone che amano profondamente quello che fanno e non vogliono perdersene nemmeno una briciola, gli insegnati veri, le guide, i maestri. Il Prof “Tongi” mancherà, mancherà tanto, mancherà a tutti coloro che hanno avuto la grande fortuna e il privilegio di conoscerlo. Stamattina avevo un biglietto suo in mano, bagnato di lacrime, con scritto “grazie Teo, per tutto quello che hai fatto per l’aracnologia”. Sembra uno scherzo, vero? Paolo Tongiorgi che scrive una cosa del genere a me… io che sono l’ultimo dei miseri autodidatti che nulla ha mai fatto se non fare da collante a personaggi ben più grandi. Ecco, quel biglietto rappresenta perfettamente Paolo: una stella di prima grandezza che voleva (e riusciva), con la sua luce, a far brillare come diamanti pure i granelli di polvere. Grazie Paolo. Grazie con tutto il cuore.
  2. Dubbi non è che ce ne fossero molti; con quegli esami niente fa pensare ad una vipera. Il fibrinogeno sarebbe schizzato a oltre 4000 mg/dl (450 è poco sopra la soglia di attenzione) e i globuli bianchi certamente saliti. "Neurotossine animali" cosa significa esattamente? Hanno fatto un esame specifico? Se si, dicci qualcosa di più! Per il resto tieni presente che senza dispnea e alterazioni cardiache evidenti è difficile che i medici del P.S. optino per il siero antiofidico. Due volte mi è capitato di vedere un morso di vipera. In entrambi i casi i malcapitati stillavano (uno "urlava", l'altro "ululava") dal dolore e l'area colpita mostrava due fori davvero tipici (immagina di piantarti un paio di chiodi da quadro nella carne, ecco...) nel bel mezzo di un edema a dir poco "trionfale". Uno dei due casi riguardava un meticcio pinscher di taglia medio-piccola che è morto nel giro di un'ora. L'altro un signore sulla cinquantina che suppongo stia benone, discreto spavento a parte. Il morso di vipera (anche quando il rettile ti prende male e appena ti graffia) non passa inosservato. Fa un male del diavolo e te ne accorgi subito anche se poi effettivamente la quantità di veleno inoculata e il tuo stato di salute determinano il quadro clinico generale che può essere anche affatto serio. C'è gente che è scesa dal rifugio a piedi dopo il morso di una vipera, ma la prima mezz'ora se l'è comunque fatta con l'arto in mano e i denti digrignati. A me invece sa tanto che sta volta "è colpa nostra" . Quell'ecchimosi limitata ed estesa alla maglia capillare appena sottocutanea assomiglia da matti ad una pinzatura ("morso" è improprio) di ragno... Teo
  3. MatteoG

    Come vola il tempo...

    Avete ragione, il tempo vola! 1997... Sono quindici anni che il nome "aracnofilia" ha cominciato a contraddistinguere questa mirabolante avventura. Una vita ragazzi... Che bello pensare che dopo tanto tempo tutto è ancora bello come all'inizio e la passione per gli aracnidi è - oggi come allora - l'unico vero cuore di tutto questo. Siete dei grandi, lo sapete vero!?
  4. MatteoG

    Tanti auguri a...PiErGy

    Auguroni super-piv...
  5. MatteoG

    Video meraviglioso e commovente...

    Mi segnala Emanuele Biggi (grazie!!) questo video stupendo. Giuro, mi sono scese due lacrime... che cosa assolutamente meravigliosa. Matteo
  6. MatteoG

    Auguri Grande Forum!!

    Auguri meravigliosi!
  7. Tantissimi auguri! E' tanto che non ci sentiamo. Un abbraccio.

  8. MatteoG

    Auguroni a....

    Grazie, grazie...
  9. MatteoG

    Auguri .........RiKy

    Riki, vecchio mio... auguroni grandissimi!
  10. MatteoG

    Phoneutria viagra....

    Appunto... Da li al titolo "il nuovo viagra sarà il veleno di un ragno" ci passa un secolo! (e tra l'altro l'espressione "painful erection" non suggerisce niente di buono...)
  11. MatteoG

    Phoneutria viagra....

    In effetti, l'utilità di questo studi è solo quella di riempire le sezioni "off topic" dei forum tematici che se la ridono... (e infatti). Che sia la scienza stessa, intesa come unicum, a dover generare certi mostriciattoli per fornire cinque minuti di ilarità in mezzo a secoli di cose serie? Certo che... Teo PS: poi magari si scopre che la realtà è che è stato fatto uno studio sul veleno, tra gli effetti è stato annoverato il priapismo e qualche giornalista da focus ci ha ricamato su l'indicibile...
  12. Ciao Ragazzi, Domenica mattina 26 giugno 2011 tornerò nella veste di Aracnofilo da diporto... A Biella, la locale Fondazione Cassa di Risparmio organizza una bella iniziativa. Si tratta di una una sorta di wokshop/laboratorio didattico per avvicinarsi agli animali, mirata a ragazzi (e non). Potevo mancare con i ragnotti? Io porterò lo streoscopio e un po' di "mostri" sottalcool per spiegare in poche parole cosa significhi "determinare un ragno" e il fantastico mondo dietro a questa attività scientifica di per se un po' criptica e limitata a pochi addetti ai lavori. Con me ci sarà il noto naturalista Tiziano Pascutto, grande amico di Claudio Arnò e esperto di artropodi di grotta (e non solo). Se c'è qualcuno in zona (Piemonte, Lombardia...) che vuol darmi una mano portando un paio di terrari con ragnozzi "very impressive" (vivi ovviamente), magari cercando di spiegare a chi verrà il significato profondo di allevare ragni... mi contatti. Credo sarà una gran bella mattinata. Teo se interessati mandate email al solito indirizzo.
  13. Si, sono stati "aggiornati e corretti" ma senza snaturare il progetto iniziale che è immutato. Anche io ho ovviamente la prima edizione (Muzio), tra le relique bibliografiche che idolatro (immagino anche tu), mentre quest'ultima versione mi è stata regalata direttamente da Mirella che ringrazio. Ricomprarli? Ovvio... il doppione è di rito e al limite ri-leggi e regali - un classico Nella mia vita credo di averne regalati almeno una decina di copie ad amici, parenti, bimbi e non-più-bimbi. Solo che ultimamente erano diventati un po' difficili da trovare. Ora sarà una pacchia! A Natale infarcirò tutti i nipotrastri!
  14. elleelle, si sono sicuro. Erano - e sono tuttora - formicaleoni. In realtà il luogo era una sorta di "letto" in sabbia sotto una scala a sbalzo che si prolungava in un balconcino, soprastante di circa un metro, profondo quanto il balcone stesso. In piena luce, a volte pure col sole diretto per una piccola parte.
×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.