Vai al contenuto
sky

Pyrrhocoris apterus

Recommended Posts

http://www.pontext.de/weblog/archiv/entry....uid=standard-71

 

 

Sono interessato a questo insetto, chiunque puo' darmi informazioni su di esso,

di che si nutre altre particolarita' mi sara' utile, infatti intendo allevarlo.

 

Non so' se questo forum e' adatto per questo argomento non trattandosi di un

ragno o simile, se cosi' non fosse perdonatemi :lol:

 

Cmq trovo questo forum interessante.

 

Un saluto a tutti, e grazie cmq.

 

 

Piero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao sky!!io questo insetto lo trovo in campagna e ce ne sono moltissimi!!!!dovrebbe nutrirsi di frutta,e una cosa che ho capito che ai miei ragni non piacciono come cibo vivo :D :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pyrrhocoris apterus appartiene alla grande famiglia dei Rincoti Eterotteri della quale fanno parte tra l'altro le cimici dei letti e più in generale, le cimici delle piante, le cimici predatrici, gli scoprioni d'acqua, etc etc..

E' un insetto molto comune, che si nutre della linfa delle piante, per cui un allevamento "indoor" potrebbe risultare un po' complicato... :D

Lo si trova di solito in gruppi numerosi ai piedi degli alberi (spesso tigli e platani, quantomeno in ambiente urbano) soprattutto se nelle vicinanze c'è un muretto o un mucchio di pietre, dove gli insetti trova riparo e calore.

E' una delle prime specie che compaiono a fine inverno-inizio primavera, in quanto è piuttosto resistente al freddo.

Il fatto che i ragni (ma non solo loro) lo rifiutino come cibo non deve stupire in quanto, come gran parte delle cimici, è dotato di ghiandole repugnatorie che secernono una sostanza repellente sgradita alla gran parte dei predatori. Del resto la loro colorazione rossa e nera (aposematica), che ricorda molto una maschera tribale africana (io le chiamo familiarmente "cimici della maschera" :D ) dà un chiaro avvertimento di questo fatto.

Spesso vengono anche chiamate "insetti trenino" in quanto durante l'accoppiamento il maschio e la femmina viaggiano attaccati per l'estremità dell'addome per un tempo piuttosto lungo...

Al momento non mi viene in mente nient'altro... ma credo che in sostanza sia tutto qui...

 

Tranquillo, il forum è quello giusto, anche se qui gli entomologi sono un po' in minoranza (anche se assolutamente non silenziosa :lol:)

Benvenuto in questa incredibile gabbia di matti e, se permetti un piccolo suggerimento, completa i tuoi dati sul profilo personale (ad es.: se non sappiamo quando sei nato, come facciamo a farti gli auguri? :rolleyes: )

Ciao

Franco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Franco, spero di essere in grado di allestire un terrario come quello

che desidero.

Pyrrocoris e Empusa pennata, sono i due animaletti che attirano la mia attenzione.

Diversi in tutto, ma entrambi hanno delle caretteristiche interessanti.

 

Se mi riesce il progetto postero' delle immagini sul forum.

 

 

Grazie ancora, un saluto a tutti.

 

 

 

Piero ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho notato che oltre alla linfa delle piante si nutre di boccioli caduti, insetti morti, frutta e sopporta lunghi digiuni... L'allevamento non dovrebbe essere troppo difficile, tenendo conto del fatto che sono abbastanza socievoli e si riproducono facilmente.

Molto comuni dalle nostre parti (come diceva scolopendro), anch'io ne trovo a chili...

 

Facci sapere! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche secondo me non dovrebbe essere eccessivamente difficoltoso allevarli.

Il "Fire bug" è un Insetto onnivoro e si nutre principalmente di semi caduti a terra e di altri Insetti che preda attivamente.

Gli adulti ibernano durante la stagione invernale.

 

PS:

Benvenuto Piero!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se ibernassero durante la stagione estiva la cosa mi perplenderebbe* assai... anche perchè poi gli toccherebbe estivare d'inverno, che è sempre piuttosto complicato...

 

Complimenti Kaiser... un pleonasmo da collezione ;) (se vuoi mettici pure i due ossemori qua sopra...in collezione, intendo...)

 

E comunque, per gli insetti, è più corretto definirla "diapausa invernale"...

 

Lo so, Andrea, non te ne passo una... ma è solo perchè ti voglio bene... :(

 

 

 

*renderebbe perplesso (neologismo personale ;) )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diapausa - rallentamento della attività fisiologica durante la metamorfosi, cioè durante il passaggio dallo stadio larvale a quello di adulto

 

Non mi sembra riferito alla riduzione delle attivita' degli adulti per ragioni climatiche

essendo i Pyrrocoris una specie "ELIOFILA" e che dunque scompare durante

le giornate invernali per ripresentarsi nella bella stagione.

 

Non si chiamera' "LETARGO" termine usato piu' propiamente per i mammiferi,

ma leggendo il significato di DIAPAUSA non mi sembra lo stesso processo

ma riferito agli insetti.

 

Posso anche sbagliare, ma partecipo a questo forum per apprendere, se dovessi

dire fesserie accetto senz'altro le vostre correzioni.

 

Grazie. Un saluto a tutti

 

ps: aspetto sempre eventuali suggerimenti per l'allevamento del Pyrrocoris.

 

Piero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mmmmmh.... ho scritto un po' di getto... mi sa tanto che hai ragione tu... quando ho un attimo di tempo, più tardi, faccio un controllo accurato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di solito io uso il termine "Diapausa" con i lepidotteri.

Per esempio i bruchi di Limantria dyspar passano l'inverno dentro l'ovatura gialla per poi uscire in primavera quando la temperatura sale.

 

Il termine "Diapausa" lo uso anche con le Mantis perchè nell'ooteca le larve crescono,si trasformano durante l'inverno per poi uscire in primavera-inizio estate come copie in miniatura degli adulti.

Credo che comunque Sky abbia ragione perchè secondo me la Diapausa rappresenta uno stato di passaggio.

Comunque io ho notato che i Pyrrhocoris più che diapausa ,si nascondono per riscaldarsi dentro per esempio i guanti da lavoro(che quando mi servono devo fare una pulizia.. ;)),io credo quindi che più che rallentare il loro metabolismo cerchino più di stare al caldo per passare l'inverno.....che dite ragazzi siete d'accordo??

qualunque richiamo io sono qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diapausa (dal Dizionario del Regno Animale, a cura di Benedetto Lanza, Mondadori, 1982)

"Periodo di stasi spontanea, indipendente dalle condizioni ambientali esterne, che negli insetti determina l'arresto dello sviluppo embrionale, larvale o pupale, o l'arresto dell'attività riproduttiva nell'adulto; di regola la diapausa ha luogo durante l'ibernazione o l'estivazione; il termine è anche usato per indicare lo stato di inattività che in vari animali si interpone fra due periodi di vita attiva e, talora, impropriamente, per indicare fenomeni analoghi alla vera diapausa, ma determinati da fattori ambientali esterni"

 

Per quanto concerne Pyrrhocoris, fare attenzione al fatto che nelle aggregazioni di questo insetto, comuni ad esempio sotto le cortecce dei platani, sono presenti, spesso in gran numero, anche esemplari di altri due Emitteri eterotteri molto simili a Pyrrhocoris apterus: Spilostethus saxatilis (Scopoli, 1763) e Lygaeus equestris (Linnaeus, 1758).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Controllato.

Il Servadei-Zangheri-Masutti "Entomologia Generale ed applicata", mio testo universitario di Ent.Agraria, parla di "diapausa immaginale" ossia svernamento allo stadio adulto e di "diapausa preimmaginale", ovvero allo stadio di neanide o larva...

Quindi direi che ci siamo... ;)

 

Però bravo Fix... mi hai messo in crisi per qualche attimo... ;) e io li insetti li studio da trent'anni....

 

Bye

 

Franco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E aggiungo, sempre in tema di precisazioni...

 

Una specie ELIOFILA, come giustamente viene definito Pyrrhocoris, non ama tanto il calore (verrebbe definita TERMOFILA ;) ) quanto piuttosto l'esposizione alla luce solare diretta (che comunque è un modo assai diffuso per recuperare calore...).

Pyrrhocorys rientra nella prima definizione ma non nella seconda, infatti come ho già detto, è una delle prime specie ad interrompere la diapausa.

Il contrario di eliofilo è SCIAFILO, ma non è tanto usato in zoologia, quanto in botanica...

 

Praticamente tutti gli insetti adulti, quando devono affrontare la diapausa, cercano un posto che sia al tempo stesso riparato, nascosto e il meno possibile freddo.

E' questa la ragione per cui puntualmente, ogni autunno, ai primi freddi le case diventano il posto preferito di cimici delle piante, crisope, coccinelle etc.

Vi sono moltissimi insetti che svernano allo stadio adulto: numerose specie di lepidotteri (Inachis io, Vanessa atalanta, Gonepteryx rhamni, etc), le vespe, i calabroni, un sacco di Rincoti Eterotteri... insomma un elenco lunghissimo...

In molti casi, è sufficiente qualche giornata di sole consecutiva per riprendere l'attività per qualche ora, salvo tornare a "dormire" non appena la temperatura ridiscende...

 

Statemi sani

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Ibernare" è un sinonimo di "svernare"... Non sarà scientifico come "diapausa" ma colloquialmente può essere usato, dato che significa di fatto la stessa cosa.

Comunque le precisazioni sono sempre graditissime.

 

PS:

se vuoi mettici pure i due ossemori qua sopra

Ma non erano ossimori? :D

 

Tranquillo Franco non me la sono presa...Lo sai che fra noi c'è affetto reciproco. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo voi posso utilizzare come alimento anche la frutta magari ridotta

in poltiglia (questo dovrebbe far si che non sia necessario mettere acqua

nel terrario se non sbaglio). Pezzi di carne o il sangue che rimane dalla fettina.

 

Vorrei utilizzare un acquario di 30 litri come terrario, mettendo sul fondo

della torba per facilitare la deposizione delle uova.

Qualche rametto, qualche nascondiglio.

 

Secondo voi manterranno le abitudini "climatiche" in cattivita' ?

 

 

Ok se mi vengono altri quesiti da sottoporvi vi tartassero' ancora.

 

Un saluto a tutti.

 

 

Piero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.