Jump to content

EffeCi

Utenti
  • Posts

    1,770
  • Joined

  • Last visited

About EffeCi

  • Birthday 09/15/1961

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.pest2000.it
  • ICQ
    0

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Piemonte
  • Interests
    Zoologia, botanica (orchidee spontanee e flora alpina o comunque insolita, piante ornamentali), computer, lettura, pesca, fotografia e macrofotografia, musica, etc etc

    E, su tutto, Cimex lectularius, s'intende... ;-)

Previous Fields

  • Nome
    Franco
  • Località
    Invorio Superiore
  • Provincia
    NO
  • Regione
    Piemonte
  • Socio
    non associato

Recent Profile Visitors

1,003 profile views

EffeCi's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

0

Reputation

  1. Più che a Cimex lectularius, a me verrebbe da pensare a Scleroderma domesticum....
  2. Grazie a entrambi, contavo sul vostro contributo... La foto ventrale può attendere (ma poi la faccio, giuro)... mi serviva una conferma della mia identificazione "al volo" per tranquillizzare definitivamente il cliente. E' da una decina di anni che ho poco a che fare con gli Euscorpius, e avevo la memoria un po' appannata sugli immaturi. Grazie ancora Franco
  3. Ho bisogno di una mano abbastanza urgentemente....(sì, esatto, faccio il figliol prodigo... ) Mi ha chiamato oggi un hotel di Milano in quanto hanno trovato un piccolo scorpione in uno dei bagni. Così a prima vista parrebbe semplicemente un immaturo di Euscorpius sp., ma siamo piuttosto fuori stagione e, oltretutto, nella camera è arrivato da pochi giorni un ospite dal Brasile, per cui non si può escludere a priori l'ipotesi di un trasporto accidentale con i bagagli. Qualcuno di voi riesce a dirmi qualcosa di più preciso?
  4. (ancora più in ritardo) Grazie a tutti di cuore
  5. EffeCi

    Auguroni a...

    Vabbeh... auguri, dai...
  6. La legge può essere definita come preferisci, ma resta in vigore, ed è stata violata. Anzi, ne è stata violata più di una. Il fatto di essere dei "grandi appassionati" e "di non sapere dire di no" è irrilevante. Io potrei essere un grande appassionato di armi da fuoco e di esplosivi, e non essere in grado di dire di no se all'estero mi propongono qualche affarone... ma questo non mi autorizza di certo a portarmi a casa di straforo una Vulcan a canne rotanti, piuttosto che qualche chilo di plastico C4, per poi magari dimenticare il tutto appoggiato sulla stufa accesa*... Se sei convinto che possa ottenere risultati migliori di quanto finora tentato, a prezzo di sforzi e fatica, da parte di molti dei membri di Aracnofilia (l'Associazione, non il forum), fai pure.... Ma portati un amico che filmi il tutto e poi lo metta su Youtube, così quantomeno ci facciam su due risate. Verissimo, a tutti scappa qualcosa, prima o poi. Non a tutti, per fortuna, può scappare un crotalo (un crotalo, mica ceci...). Ma se ce l'hai, e non lo tieni in condizioni di estrema sicurezza, può scapparti. Al di là dell'illegalità, è estremamente pericoloso per te e, soprattutto, per gli altri. E, anche parlando di non velenosi, non si tratta solo di "che schifo!"... se ti scappa di casa il pitone reale (o una migale) e la vicina di casa incinta lo vede e abortisce, sei colpevole e responsabile esattamente come se l'avesse morsicata un crotalo. Allevare è sempre e comunque una questione di responsabilità, in tutti i sensi. I decessi possono avere un sacco di cause, alcune naturali , altre molto meno. La morte per inadeguatezza o trascuratezza non ha nulla di naturale e risulta eticamente ignobile e vergognosa. Ci si documenta e ci si organizza PRIMA di portarsi a casa alcunchè, altrimenti non sei un allevatore, ma solo uno stupido collezionista che non vede l'ora di portarsi a casa il "pezzo" pregiato o proibito. Di nuovo: responsabilità. In termini più generali: Anch'io dissento sul metodo, ovvero il modo che ha Striscia di presentare gli argomenti ( del resto, che si può pretendere?), ma non sul merito, ovvero la situazione di estrema illegalità ed irresponsabilità. Chiaro che cose così non fan certo bene al mondo della terraristica. Credo tra l'altro fosse questo che Jacopo intendeva dire inizialmente, ma temo non si sia spiegato bene e il senso è venuto fuori un po' distorto. * (lo so, non succede assolutamente niente, però rende l'idea )
  7. Ottimo lavoro, come sempre... E, no, non sono geloso...
  8. Lascia lì la scatolina, e abbi fede e pazienza. Il gioco funziona così: Le formiche portano particelle di esca nel formicaio. Alcune le mangiano e muoiono, ma il veleno rimane attivo nel loro corpo e quindi, quando verranno "riciclate" contribuiranno ad ucciderne altre. Questa cosa può andare avanti per 4-5 volte. Nel frattempo altra esca continua ad arrivare nel formicaio. La circolazione del cibo nel formicaio prevede un fenomeno detto "trofallassi", in base al quale alcune formiche provvedono a nutrirne altre. Prima o poi parte del veleno arriva alla regina (che viene nutrita dalle operaie) e la porta alla morte. La regina è la fonte di tutte le istruzioni "operative" del formicaio e, senza i suoi imput, le formiche non sanno più bene cosa fare, smettono di accudire uova e pupe, smettono di cercare cibo e acqua e muoiono rapidamente di fame (e di veleno). Inoltre, la regina è l'unica che può deporre uova. Di norma ci vuole da qualche giorno ad una settimana perchè le esche ottengano il loro pieno effetto. Dipende dalle dimensioni del formicaio, dal numero di regine presenti (in alcune specie ce n'è più di una) e da quanto rapidamente l'esca viene assunta. Non succede nulla di ciò che paventi: semplicemente dopo un po' smetti di vedere le formiche in giro.
  9. No, è che nelle scatolette non ci sono granuli ma gel alimentare Funziona più o meno con tutte le formiche, al limite ci vuole un po' più di tempo se la "base" dell'esca al momento non interessa le formiche. Più facile che ci trovino "da bere"... Non si tratta di uccidere tutte le formiche, ma di riuscire a colpire la regina, dopodichè il formicaio si "disorganizza" da solo. Non c'è bisogno, fan tutto loro Assolutamente no e, se il gioco funziona, comunque non c'è nessuna "nuova generazione"....
  10. Mmmmm...ci sono diverse possibilità: - il prodotto ha funzionato, ma ci sono formiche di un altro nido - il prodotto non ha ancora fatto a tempo ad esplicare il suo effetto (servono almeno 4-5 giorni) - sono cambiate le priorità di rifornimento alimentare, per cui bisogna portare pazienza qualche altro giorno....
  11. Visto che sono stato "evocato".... La gran parte degli insetticidi attualmente in commercio va ad interferire con la trasmissione dei messaggi nervosi, provocando la morte dell'insetto per sfinimento fisico e asfissia. Soffrono? Credo di sì... morire non è quasi mai una cosa simpatica, a nessun livello. Trovo difficile credere che la tua mamma abbia usato "DDT", mentre è assai più probabile che abbia impiegato un comune prodotto "da banco" a base di piretroidi di sintesi (di solito permetrina, tetrametrina o deltametrina) addizionati con piperonilbutossido (aumenta l'efficacia). Al di là del discorso sulla "sofferenza", questo non è il sistema migliore per risolvere i problemi di formiche, perchè uccidere le operaie è del tutto inutile in quanto la regina è in grado di sostituirle assai rapidamente. La soluzione migliore (e definitiva) consiste nell'impiegare esche a base di neonicotinoidi, che vengono trasportate nel nido e distribuite tra le altre formiche (trofallassi), fino a colpire anche la regina. Una volta che la regina è morta, il nido si disorganizza e si scompagina nel giro di qualche giorno, in quanto vengono a mancare tutti quegli "input" chimici che la regina normalmente produce per "guidare" la comunità. Le esche per formiche sono generalmente di due tipi: granulari (Baythion esca formiche, Nexa) o in gel sotto forma di bait-dispenser (Nexa esca formiche). I granulari sono più indicati per l'uso in esterno, i bait dispenser per gli interni.
  12. Si "sgonfia" notevolmente nel giro di una giornata, tranquillo....
  13. Se usi la funzione "cerca" trovi almeno una decina di discussioni su come e dove cercare gli Euscorpius....
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.