Jump to content

Veleni


Alex
 Share

Recommended Posts

Mi rivolgo a tutti coloro che come me,hanno vicino a casa delle zone verdi;1 o 2 volte al mese,passa un camion che spruzza con un grosso tubo dell'insetticida sugli alberi,con il pretesto che sia per evitare lo sviluppo delle zanzare.Come sappiamo le zanzare si sviluppano nell' acqua e non sulle piante; quindi trovo spesso molte specie di ragni ed altri insetti NON nocivi morti sul terreno o agonizzanti.Qui finisce che si uccideranno tutti gli animali in grado di contrastare le zanzare,con il favorire il moltiplicarsi di queste.Voi cosa fareste?Vi e' mai capitato di vedere questo episodio?(molto frequente nel mio condominio).Buona giornata,

Alex

Link to comment
Share on other sites

Mi stava succedendo la stessa cosa, per la mia casa al lago. Un vicino premuroso voleva spruzzare sulle pareti di casa nostra e qua e là nelle piante non so quale porcheria, per contrastare le zanzare (che, al lago, sono ahinoi numerosissime). Gli ho risposto che l'insetticida forse ammazzava le zanzare ma anche altri insetti che rappresentano il cibo per gli uccelli e l'altra microfauna del posto. Perciò, no-grazie, avremmo aumentato il fatturato dell'industria Autan e dei produttori di zanzariere.

 

In un condominio, la cosa è più difficile da attuare. A Milano, non ho visto spruzzare nelle piante, bensì nei tombini e dove c'è acqua stagnate. Auguri, Alex.

 

Ciao.

Lidia

Link to comment
Share on other sites

Più che per combattere le zanzare le sostanze chimiche spruzzate sugli alberi servono probabilmente nella lotta contro varie specie di insetti "dannosi" per le specie arboree ;) : tra questi l'Ifrantia americana (Hyphantria cunea, un l lepidottero originario del Nord-America arrivato nell'Italia nord-orientale negli anni '60 :D . Le larve sono polifaghe e si nutrono a spese di svariate latifoglie - anche di interesse alimentare o ornamentale - che possono letteralmente spogliare (per chi percorre, ad esempio, le strade tra Piacenza e Alessandria è facile osservare che le piante lungo le strade sono completamente prive di foglie). Nelle nostre regioni la farfalla in questione non ha praticamente nemici per cui si diffonde rapidamente (2 generazioni l'anno).

 

tongi

Link to comment
Share on other sites

Qua nelle mie zone in effetti l'Hyphantria (chiamata in dialetto "gatola") è veramente un flagello, quando si sviluppa è veramente come Attila, che "dove passa non cresce più una foglia". Quest'anno però sembra sparita: neanche l'ombra delle tipiche e decisamente antiestetiche "tele" che fanno le larve... speriamo...

 

Informati bene, Alex: se è veramente per le zanzare, fai bene ad opporti. Se fosse invece per i bruchi mi sa che è un intervento necessario.

Link to comment
Share on other sites

Veramente ho chiesto al custode del mio condominio,che mi ha detto chiaramente che è fatto appositamente per le zanzare,l'Hyphantria non credo che ci sia, io abito in zona S.Siro,o almeno non mi è mai capitato di vederla ....Stavo pensando ai poveri pipistrelli e al rondoni che si nutrono di moscerini, che ingeriscono questi,imbottiti di sostanze tossiche.Io nel giardino di casa di alberi ne ho 4,e mi sembra eccessivo "vaporizzarli" di insetticida per delle larve di zanzara inesistenti.

Il problema e' che mi hanno gia' riso in faccia,vedendo 1 ragazzo di 16 anni fare tanto casino per degli insetti (inutili e schifosi per loro).Sono cose che fanno venire il nervoso.....non trovate?

Link to comment
Share on other sites

Si i più deboli,ma pensateci bene. Gli artropodi: abitanti del passato e......... del futuro ! ;)

Link to comment
Share on other sites

Sì, Alex, immaginavo. Ho trovato difficoltà io, che ho molti più anni di te e non abito in un condominio.

Ancora ciao.

Link to comment
Share on other sites

Si i più deboli,ma pensateci bene. Gli artropodi: abitanti del passato e......... del futuro ! 

 

;) :D :D

Sottoscrivo in pieno, gran battuta!

Link to comment
Share on other sites

Effettivamente i trattamenti urbani sul verde vengono effettuati per diminuire il carico di adulti di zanzare che, durante le ore diurne, stazionano nella vegetazione.

Il problema non riguarda solo i condomini ma anche situazioni particolari come parchi, campeggi, zone a verde attrezzato, etc.

Normalmente vengono usati insetticidi ad alto potere abbattente ma a bassa persistenza e tossicità.

Questi trattamenti costano un mucchio di soldi e, sostanzialmente, non servono a nulla, in quanto

1) basta una pioggia anche leggera a vanificarli

2) dovrebbero essere effettuati su aree molto ampie, altrimenti, una volta ripulito il proprio giardino condominiale, si è comunque esposti alle zanzare provenienti dai condomini limitrofi, non sempre trattati.

3) oltre che inutili, questi interventi sono dannosi in quanto, oltre alle suddette zanzare, eliminano un sacco di specie appartenenti all'entomofauna utile e a quella cosiddetta indifferente.

 

Nel caso di Hyphanthria, sono poi assolutamente inutili, in quanto bisogna intervenire sulle larve gregarie di prima età, possibilmente con principi a base di tossina di B.thuringiensis, altrimenti è difficile ottenere risultati apprezzabili.

E' doveroso aggiungere che, dopo un lungo periodo di moltiplicazione e diffusione "esplosiva", il fenomeno Hyphantria appare negli ultimi 10 anni in fase di "lag" o addirittura in regresso, non si sa ancora bene per quale motivo.

 

Per le processionarie del pino (Thaumatopoea pythiocampa) e della quercia (T.processionaea) il discorso è ancora differente: per la prima si tendono ad utilizzare sistemi meccanici (rimozione dei nidi, fucilazione degli stessi) o biologici (diffusione di Formica rufa e di Calosoma sycophanta), oltre a campagne di riforestazione basate sull'impiego di essenze autoctone ed adatte alla zona, meno sensibili agli attacchi del bruco. La processionaria della quercia è assai meno diffusa ma più pericolosa: i peli delle larve sono estrememente urticanti, ed i nidi pedotrofici, che contengono i resti delle mute, ne sono praticamente pieni. La loro distruzione richiede pertanto particolari cautele e l'uso di protezioni della pelle e dell'apparato respiratorio.

 

Tornando a bomba, le disinfestazioni sul verde rappresentano soltanto un grasso affare per quei disinfestatori che decidono di metterle in atto...

 

Personalmente, non faccio parte di questa categoria...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.