Vai al contenuto

Recommended Posts

Cagliari, Sardegna

Giornata soleggiata 12°, poca umidità, ritrovamento verso le 13.00

Corpo 7 mm circa

Era dentro un contenitore di plastica tutto raggomitolato e non riusciva ad uscire, correva avanti e indietro

2019_02_07-13_27_58_8569c.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Alessandra Atzeni per favore leggi il regolamento del forum 

Avatar. L'utilizzo degli avatar è fortemente regolamentato: Aracnofilia è un forum scientifico e tematico e gli unici avatar consentiti, proprio per non inficiare tali prerogative, sono foto o immagini raffiguranti aracnidi, artropodi e eventualmente altri invertebrati. Prestate attenzione nel caso vogliate usare foto non vostre o contenuti dal web poiché l'immagine non deve violare il copyright. Qualsiasi avatar non idoneo sarà prontamente rimosso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

  • Discussioni

  • Contenuti simili

    • Da Alessandra Atzeni
      Dimensioni corpo: circa 12 mm (é tutto gambe😂)
      Cagliari, Sardegna.
      Trovato di notte, in un muro
      Clima: umido, circa 5°C
      Ha dei grandi pedipalpi, ma purtroppo non son riuscita a fotografarli bene.
      Corre molto veloce ed è tanto che son riuscita a metterlo in un contenitorino per scattare queste due foto.
      A prima vista mi è sembrato un esemplare maschio giovane di Zoropsis ma non ne sarei troppo sicura!
      Grazie a tutti


       
    • Da CesareBrizio
      Data: 22,23,24 Aprile 2018
      Località: Capo Pecora, Fluminimaggiore, CI
      Orario: 21-30-23.00
      Gentili Amici,,
      ho fotografato (dettagli più sotto) diversi Lycosidae a Capo Pecora, emerse dai loro "pozzetti" e evidentemente in caccia. Decine di loro, gli splendidi occhi che brillavano alla luce della mia torcia frontale (ero lì per registrare i canti del grillo Brachytrupes megacephalus). Potete confermarmi che si tratta di Allocosa oculata, compresa l'immagine marcata con numero finale 370, che a tutta prima mi ricordava una Hogna?
      Grazie dell'aiuto! Ecco i dettagli del vetusto apparato fotografico: Sony Alpha DSLRA-850 (20MP); Obiettivo sigma 180mm APO AF 1:5,6 Macro, con e senza tubo di prolunga Kenko da 25mm; flask metz mecablitz a doppio lampeggiatore. F da 9 a 13, esposizione da 1/125 a 1/25. Cavo di scatto remoto, modalità manuale con mirror lockup. Messa a fuoco manuale. Va da sé, macchina su tripode.
      Cordiali saluti, Cesare Brizio









    • Da x-notata
      Data: 14 novembre.
      Luogo: giardino pubblico con olivi piantumati, in un comune della Sardegna centro-meridionale-occidentale a circa 137 m slm; giornata fresca e umida, leggermente piovosa.
      Posizione e microhabitat: sotto una roccia granitica ai piedi di un olivo.
      Dimensione: 2,5/3 mm di corpo.​

      Spero che le foto siano sufficienti almeno per riuscire ad inquadrare famiglia e genere. Gradirei, se è possibile, che le risposte siano giustificate. Grazie!

      ​​


    • Da Grasurek
      Vorrei aiuto da parte vostra, ho visto questo esemplare la prima settimana di novembre, vicino al mio paese nella provincia di Nuoro, a 650m di altitudine nel mio bagno della casa in campagna, il tempo era soleggiato, era pomeriggio e la casa è rivolta a sud.
      Chi potrebbe aiutarmi?
      Grazie
    • Da Marco Colombo
      Ciao a tutte/,i
      segnalo anche qui la descrizione di una nuova grossa specie di ragno botola endemica della Sardegna.
       
      Amblyocarenum nuragicus, da me descritto insieme ad Arthur Decae e Bruno Manunza e nominato in onore della civiltà che ha lasciato molte tracce archeologiche in tutta l'isola, scava un cunicolo nel suolo il cui ingresso è chiuso da un opercolo di terra e tela sottile, morbido e quasi pergamenaceo. I maschi adulti si spostano allo scoperto alla ricerca delle femmine nei mesi di luglio, agosto ed eccezionalmente settembre... si ritrova anche negli stessi luoghi della già nota Cteniza sauvagesi (con la quale spessissimo viene confuso) che oltre a differire dal punto di vista morfologico costruisce una tana con uno spesso opercolo tronco-conico.
      Inutile dire che come tutti i trapdoor di notte si apposta sotto l'opercolo e attende il passaggio di piccoli invertebrati che cattura fulmineamente...
       
      I riferimenti sono:
       
      Decae, A., Colombo, M. & B. Manunza. 2014. Species diversity in the supposedly monotypic genus Amblyocarenum Simon, 1892, with the description of a new species from Sardinia (Araneae, Mygalomorphae, Cyrtaucheniidae). Arachnology, 16 (6): 228-240
       
      Secondo me la cosa interessante di tutta la faccenda è che se abbiamo ancora da scoprire specie di grandi dimensioni, figuriamoci quanto c'è da sapere ancora su quelle piccole!
      Ciao,
      Marco
      -------------------------
      Marco Colombo
      Fotografia Naturalistica
      www.calosoma.it
×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.