Jump to content

Tentata riproduzione di Eucratoscelus pachypus


Recommended Posts

Ciao a tutti,

documento questo tentativo di riproduzione di Eucratoscelus pachypus che, purtroppo, non si è concluso con il lieto fine. Spero comunque che possa in qualche modo essere utile per chi in futuro cercherà di riprodurre questa specie.

La femmina, piuttosto giovane e sui 4 cm di corpo, era stabulata in un faunabox medio (23x15x17) con un alto strato (9-11 cm) di torba di sfagno ed una corteccia di sughero posta obliqua su un lato e praticamente non utilizzata se non per tesserci sopra. Il ragno era lì già da molti mesi ed aveva costruito - come del resto gli altri esemplari che ho ed ho avuto - un profondo cunicolo; piuttosto particolare l'apertura, fortemente irrobustita con seta e torba e dalla forma ad imbuto.

 

Gli esemplari si sono accoppiati due volte, la prima il 20 maggio e la seconda il 3 giugno. Sebbene la femmina fosse inizialmente ostile, il maschio in entrambi i casi non ha avuto problemi a bloccare con le zampe anteriori i cheliceri della femmina per poi inserire i bulbi con assoluta tranquillità. Questo è un breve video della prima parte di corteggiamento ed accoppiamento, durato in totale all'incirca un quarto d'ora:

 

 

2017_10_04-21_42_10_37f59.jpg

 

Esattamente 3 mesi dopo il primo accoppiamento, in data 20 agosto, la femmina ha costruito un'amaca di seta in corrispondenza del bordo dell'apertura del cunicolo e deposto le uova lì sospese. Questa foto è stata fatta durante la deposizione, è sfuocata ma non potevo rischiare di disturbare eccessivamente la femmina con più luce o aprendo il contenitore. Si vede la massa di uova appena deposte:

2017_10_04-21_20_15_2c2d2.jpg

 

 

Foto scattate in seguito, il 26 agosto, alla femmina che sorveglia l'ovisacco ultimato:

2017_10_04-21_23_20_abccd.jpg

2017_10_04-21_23_39_af4cd.jpg

 

 

Purtroppo, in data 16 settembre e non diversamente da come aveva già fatto l'anno precedente, la femmina ha mangiato le uova. Sono riuscito a osservarla mentre lo stava facendo: rimanevano solo 3-4 uova e le stava divorando; ho fatto una foto prima di intervenire e provare a recuperarle:

 

2017_10_04-21_26_36_7924b.jpg

 

Le uova, per quanto integre, apparivano comunque compromesse poiché ricoperte da una patina probabilmente dovuta ai resti delle altre che eran state mangiate. Il tentativo di incubarle artificialmente non è andato a buone fine. Mi viene poi il forte sospetto che non fossero comunque fertili e che la femmina se ne sia nutrita per questo motivo: penso sia piuttosto strano che in quasi un mese nell'ovisacco, a una temperatura alta (sempre superiore ai 28°C, mai oltre i 32°) lo sviluppo delle uova fosse così poco avanzato. Ho tra l'altro notato, qualche giorno prima, la femmina tamburellare sopra l'ovisacco in modo molto insolito, che non mi era mai capitato di osservare in un Theraphosidae. Non posso esserne certo ma non escluderei che fosse un modo per vagliare lo stato di salute di uova o potenziali larve.

 

Dopo aver recuperato le uova, ho provato ad osservarle alla luce di una torcia per vedere se riuscivo a distinguere degli embrioni in formazione ma con scarsi risultati:

 

2017_10_04-21_34_40_0a721.jpg

 

Mi dispiace molto sia andata così, tra l'altro piuttosto inspiegabilmente. Nell'eventualità di reperire qualche maschio di questa specie, ci riproverò in futuro. Posterò a breve una foto della femmina su carta millimetrata per chiarire senza ambiguità le dimensioni dell'esemplare.

Link to comment
Share on other sites

Grazie Faby!

 

Per Gaborri: già, rimuovere l'ovisacco sarebbe stata la cosa più prudente da fare o, in alternativa, spostare la femmina e lasciare l'ovisacco nel terrario. Ma osservavo comportamenti positivi della femmina che, oltre a sorvegliare le uova, periodicamente rafforzava l'ovisacco con nuovi strati di seta. Dopo aver visto il temburellare sull'ovisacco mi ero deciso a vedere lo svolgersi del tutto il più naturalmente possibile.

 

Foto della femmina su carta millimetrata:

 

2017_10_05-14_18_20_8f264.jpg

Link to comment
Share on other sites

Si so bene che non c'è paragone nel vedere accudire la prole e prelevarla. diciamo solo che in alcuni casi quando si vuole essere sicuri che almeno una parte riesca a sopravvivere... bisognerebbe togliere (poi sono d'accordissimo con te).

 

se riproducessi G. rosea probabilmente lascerei tutto al caso, con una specie come questa io avrei tolto :) tutto qui

(anche perchè ora chi me li da gli slings???????? :angry: )

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • 4 months later...

ah!!....accidenti....di dove sei ? il 17 andrò a fiano romano per "i love reptiles" non so se sei in zona puoi provare a cercarlo li o chiedere a qualche amico se ci va'....se invece non puoi e solo se ti va posso dartici un occhiata io...poi cerchiamo un modo per fartelo avere....se non costa uno sproposito lo prendo...poi non lo so ci mettiamo d'accordo ..o mi rimborsi quello che pagherei oppure mi darai qualche slings o non so comunque ci possiamo mettere d'accordo in qualche modo bho...ammesso e non concesso però che riesca a trovarlo in fiera però......

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.