Vai al contenuto
Guest carletto

Allevamento camole del miele

Recommended Posts

Guest carletto

Ho letto dei post dove si chiedeva come fare per allevare le camole del miele (Galleria Mellonella)...io posso portare la mia esperienza, anche se le camole io non le uso per nutrire un simpatico aracnide, ma per nutrirmi personalmente (non delle camole, ma delle trote che ci pesco!).

Non è difficile. Le camole del miele (ma sarebbe più corretto camole della cera, infatti è di questa che si nutrono) possono essere facilmente allevate nel loro ambiente naturale. L'ideale è avere un favo già creato dalle api, con tutte le cellette in cera, ma si può fare anche con un foglio cereo (si trova in negozi per apicoltura o anche su internet, il foglio standard misura 46 x 21 cm e pesa circa un etto). Questo sarà il nutrimento e l'habitat delle camole. Metteremo questo favo in un contenitore che lasci passare l'aria (attenzione che le larve appena nate sono molto piccole e poi mangiano di tutto...anche il legno). Il contenitore va tenuto al buio e ad una temperatura di almeno una ventina di gradi, altrimenti lo sviluppo delle camole si arresta. Sul favo depositeremo alcune larve che non tarderanno a imbozzolarsi. Dopo qualche giorno, a seconda della temperatura, uscirà la farfalla...un po' bruttina a dire il vero. Questa vive circa una settimana, giusto il tempo di depositare sulla cera le uova. Queste, sempre a seconda della temperatura, si schiuderanno in pochi giorni e le camole comincieranno a nutrirsi della cera. Il ciclo vitale dura circa due mesi. Di giorno si può maneggiare benissimo l'allevamento perchè le farfalle, essendo notturne, preferiscono restare sul foglio di cera e non volano via. Ogni femmina depone moltissime uova, infatti da poche farfalle si possono ottenere diverse centinaia di camole in poco tempo. Negli alveari questo non avviene perchè le api controllano e limitano la popolazione di Galleria Mellonella, ma a volte succede che la camola abbia il sopravvento e colonizzi l'intero alveare distruggendolo in poco tempo.

 

E' da un po' che faccio questi strani allevamenti di esche, anche se non allevo la tarma della farina e tantomeno il caimano, infatti pur maneggiando tranquillamente la forma larvale, non mi piace per niente il coleottero che ne esce!

Le farfalle di galleria mellonella sono molto più soft di quell'insettaccio nero...sarà che da piccolo ho aperto una scatola con dei caimani lasciata un bel pò di tempo da sola in cantina e ho avuto una bella sorpresa...

 

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente consiglio di recuperare da qualche apicultore dei favi "vecchi", perchè la cera, da sola, non costituisce un pabulum alimentare sufficiente...soprattutto se filtrata e purificata...come quella appunto dei fogli cerei nuovi...

 

I favi vecchi contengono invece molte impurità, residui di miele, etc., e consentono uno sviluppo più regolare e veloce delle larve di Galleria mellonella.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In natura non sono certo una preda comune per i ragni dato che vivono all'interno degli alveari. In molti le usano: dato che sono molto caloriche e facilmente reperibili, vengono impiegate spesso. Alcuni sostengono che vengano ingozzate di porcherie per farle crescere più rapidamente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche se fosse....il nostro amico qui ha ben premesso che le usa per pescare...

 

In un alveare sano, difficilmente Galleria può causare danni, proprio grazie alla diuturna vigilanza delle operaie... si possono invece talvolta avere problemi se la famiglia è indebolita (ad es. dopo l'inverno), malata (pesti varie, Varroa, etc.) o molto trascurata dall'apicultore... o una combinazione delle suddette situazioni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che istruzioni interessanti!

 

Potrei vedere se riesco ad allestire un piccolo allevamento personale.

A me servono per tutti altri motivi (nè pesci nè ragni) e al negozio costano un salasso.

 

Vedrò se riesco a procurarmi un simil-favo ;)

 

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Che istruzioni interessanti!

 

Potrei vedere se riesco ad allestire un piccolo allevamento personale.

A me servono per tutti altri motivi (nè pesci nè ragni) e al negozio costano un salasso.

 

Vedrò se riesco a procurarmi un simil-favo :P

 

Grazie!

;) e a cosa ti servono?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Che istruzioni interessanti!

A me servono per tutti altri motivi (nè pesci nè ragni) e al negozio costano un salasso.

;) e a cosa ti servono?

Ehe don't worry! :P

Mi servono per i nidiacei di varie specie di uccelli. Sono una delle "mamme adottive" LIPU (collaboro con un centro di recupero) e da primavera comincio a preparar pappine apposite per i piccoli becchi aperti e pigolanti, ma talvolta i pulcini hanno bisogno di maggiore apporto calorico e ben accettano i grassi bruchi di camola del miele. Anzi quando i pullus sono più grandicelli li cacciano da soli ed il momento di ambientamento in voliera pre-liberazione è vicino.

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fai un giro su Amici Insoliti, sez. "cibo vivo"....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma che bel sito!! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.