Jump to content

Tesina - Etologia Aracnidi


Recommended Posts

Ciao a tutti!

Mi sono iscritto da poco al forum :D

 

Sono sempre stato un appassionato di aracnidi ed insetti ed ho trasformato la mia passione in studio :D

 

Quest'anno mi laureerò in Biologia (laurea triennale) e ho proposto al prof di fare una tesina sugli aracnidi, come tema mi ha consigliato il "comportamento".

 

So che detto così è un po' vago ma voi cosa mi consigliate, magari sapete consigliarmi qualche tematica che è stata già trattata con una discreta bibliografia?

 

O anche + in generale... sapete consigliarmi dei buoni libri sul comportamento?

 

Grazie!!

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Benvenuto!

 

Effettivamente è piuttosto vago dire "comportamento degli aracnidi", così, in generale... :D

Gli aracnidi sono tanti, come anche i comportamenti... Prima dovresti inquadrare un po' meglio l'argomento...

Dei buonissimi testi che trattano degli aracnidi in generale, con anche una parte etologica, sono "biology of spiders" di Rainer F. Foelix e "biology of scorpions" di Gary A. Polis... il secondo devi trovarlo in qualche biblioteca, perchè non è più in stampa...

 

poi spulciare un po' nei topic vecchi del forum, che non fa mai male... :D

 

E poi, ti consiglio vivamente di dare un'occhiata a questo sito: http://www.webalice.it/rocco.lucio/1.htm

Roccolucio è un maestro nell'osservare i comportamenti dei ragni! :D

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la risposta!

 

Io restringerei il capo ai ragni per prima cosa...

 

Poi come comportamenti penso siano interessanti quelli di tipo riproduttivo (corteggiamento, cura della prole) e predatorio. ( se ne aveta altri sparate!! :D )

Oppure anche il comportamento nell'utilizzo della seta!

 

Se avete idee non esitate!! :clown:

 

Preferirei occuparmi di ragni nostrani, non esotici, magari in modo da fare anche osservazioni sul campo.. voi che specie mi consigliate di seguire, sono troppi!! :D ( a me personalmente hanno sempre interessato i salticidi )

 

Se mi date una mano ve ne sarò molto grato! :D

Link to comment
Share on other sites

Per prima cosa ti consiglierei di scegliere una famiglia o un genere.

Parlare di comportamento di ragni in generale non è da tesi di laurea in biologia. E' una ricerca e stop (a meno che tu non voglia passarci 5 anni)... Sinceramente penso che una tesi per essere tale dovrebbe provare ad aggiungere qualcosa all'argomento che si sta trattando. Magari solo in termini di rilettura ragionata e organizzazione di dati già pubblicati... Andare avanti, insomma.

 

Ci sarebbero tante famiglie molto interessanti da prendere in esame. Ma non tutte. Ti consiglio di leggere dei libri generali (quelli consigliati sono una OTTIMA partenza per un quasi-biologo) per trovare la famiglia (o il genere) da approfondire. Quindi di leggere tutto quello che puoi in merito e in defintiva capire cosa vuoi scrivere... cosa hai deciso di studiare. E come intendi farlo...

 

Il comportamento dei ragni è troppo generale. Una tesi potrebbe essere: perchè quel determinato ragno si comporta così? oppure: In un determinato ambiente come si comportano i ragni?...

 

Prova a stringere un po' il campo. Vedrai che saremo molto più specifici anche nell'aiuto che possiamo darti. :D

 

Matteo

 

magari in modo da fare anche osservazioni sul campo

 

Stai scherzando vero? Vuoi fare una tesi sul comportamento dei ragni e MAGARI dargli un'occhiatina pure dal vero!? Ma siii che scherzi.... :clown:

Link to comment
Share on other sites

Ti spiego il problema..

 

Essendo una tesi triennale è di tipo compilativo.. è un po' una presa in giro.. :D

 

Non è sperimentale, in teoria io doveri solo leggere dei libri e fare un copia incolla.

 

Scusate se sono così generico ma l'argomento l'ho concordato solo ieri :w00t:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Alb, benvenuto. Sono biologo al terzo anno di dottorato di ricerca, di studenti nella tua situazione ne vedo tutti i giorni, e allora ti do un paio di consigli bibliografici al volo:

 

Spiders di Michael Chinery - http://www.amazon.co.uk/exec/obidos/ASIN/1...3101745-7259050 -

 

The Natural History of Spiders di Ken&Rod Preston-Mafham - http://www.amazon.co.uk/exec/obidos/ASIN/1...3101745-7259050

 

Te la cavi con poche lire, te li spediscono in pochi giorni, li leggi con grande facilità e puoi trarre i tuoi spunti, dopodiché se avrai richieste più specifiche sarò prontissimo a consigliarti.

 

In bocca al lupo per la tesi,

Daniele

Link to comment
Share on other sites

 

Ottimo! Questo libro è disponibile nella biblioteca del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino dove faccio lo stage!

 

Che tristezza... (non tu ovviamente caro Alb che sei incolpevole). Questa è l'università italiana di oggi, il nuovo corso verso l'abisso... e poi si parla si competitività, di ricerca, di rilancio. Che tristezza! Le tesi compilative...

 

Sono d'accordo con te, purtroppo è così, la tesi "vera" si fa nel biennio della specialistica.

Link to comment
Share on other sites

Oggi ricomincio le lezioni così posso finalmente reperire qualche libro, secondo voi potrei riuscire ad allevare qualche ragno? Anche solo per osservare un po' "cosa fa" :angry:

 

Tenete conto che la tesi deve essere consegnata a luglio se voglio laurearmi a settembre e adesso di ragni in giro non se ne trovano..

Link to comment
Share on other sites

adesso di ragni in giro non se ne trovano..

 

mi permetto di farti un piccolo appunto: magari adesso, con tutta questa neve, all'esterno è un po' difficile trovarli, ma ormai arriva marzo... e di ragni fra un paio di settimane ne troverai a bizzeffe praticamente ovunque. Basterebbe sapere cosa cercare (mi sembra che non hai ancora deciso) e sapresti anche dove cercare.

Ci sono ambienti nei quali puoi trovare ragni in abbondanza anche adesso: ad esempio proprio ieri ho trovato sul soffitto di una stanza questa bellissima Zoropsis spinimana gravida; gli angoli dei muri pullulano di Pholcus e Holocnemus anche in pieno inverno e nei garage cittadini o nelle vecchie case di campagna (anche casolari abbandonati) già ora si trovano Steatoda, Tegenaria, Filistata, Segestria, Scytodes vari etc. etc. etc. che iniziano a riprendere le loro attività.

Tutti questi generi sarebbero interessantissimi per una tesi sul comportamento... mi vengono in mente specialmente Pholcus e Holocnemus e la loro consuetudine di "parassitizzare" le tele degli Araneidi in campagna o delle Tegenaria nelle vecchie case... un altro spunto potrebbe essere l'atteggiamento (spiccatamente tollerante e cooperativo se confrontato a quello di altri generi) delle femmine del genere Steatoda (triangulosa e grossa le più comuni in casa) nei confronti dei maschi o della prole... oppure la tendenza, nelle Tegenaria, a formare negli ambienti più favorevoli colonie numerose e abbastanza pacifiche disposte come "condomini" negli angoli dei muri (un tela sopra l'altra), come tanti appartamenti che il maschio, in questo caso più grande della femmina, visita uno ad uno nel periodo dell'accoppiamento riuscendo a "servire" un gran numero di femmine rispetto a maschi di altri generi... Tutti i generi che ho citato sono facilmente allevabili e osservabili in cattività. Spero di essere riuscita a darti qualche idea :angry:

Link to comment
Share on other sites

Grazie Diana..

 

Mi spiace di essere così impreciso e approssimativo nelle mie domande ma sono proprio all'inizio del "lavoro" e non ho ancora le idee tanto chiare..

 

Vi ringrazio per l'aiuto, anche perchè vorrei fare qualcosa di + che la solita tesi compilativa e sterile, abbiate pazienza e sopportatemi :D

 

Ovviamente sarete ricompensati.... :D forse :angry:

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Interessante sul mimetismo!

 

Da poco ne avevo immortalato uno, non so neanche come ho fatto a vederlo ma l'ho salvato dalla scarpa di una mia amica..si era ribaltato e non riusciva a girarsi, proprio come una tartaruga!

Poi dopo che l'ho aiutato si è subito intrufolato fra la vegetazione ed è diventato ancora più "invisibile" ;)

 

http://sardinainspace.altervista.org/thomisidaeventre.jpg

http://sardinainspace.altervista.org/thomisidaem3.jpg

http://sardinainspace.altervista.org/thomisidaeimboscato.jpg

http://sardinainspace.altervista.org/thomisidaer.jpg

 

Ciauz!

In bocca al lupo per la tesi!

 

Mara

Link to comment
Share on other sites

Magari adesso che fa caldo ne trovo qualcuno in giro :D

Tanto ho tutta la primavera e l'estate di tempo...

 

Sapreste aiutarmi ad organizzare degli "esperimenti" per documentare come sceglie il colore del fiore?

 

Non ho ben capito in base a cosa fa questa scelta. Da una parte ho letto che è una questione "olfattiva" da un' altra che può variare la colorazione in base a dove si trova grazie alla radiazione riflessa dal fiore.

 

Illuminatemi! :lol:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.