Jump to content

scolopendra morsitans


Recommended Posts

Ciao a tutti, volevo avere qualche informazione sulla velenosita della scolopendra morsitans, o anche se sapete linkarmi dei siti dove trarre informazioni? Inoltre se avete anche qualsiasi altra informazione su sta specie e ben gradita.

Grazie, ciao

 

Ugo

Link to comment
Share on other sites

Sulla velenosità non so dirti niente di preciso, mentre per le altre informazioni posso indirizzarti verso due siti direi indispensabili: www.scolopendra.be e  www.scolopendromorpha.com

 

Dove puoi trovare tutto ciò che serve

 

;) 

Link to comment
Share on other sites

Grazie, quei 2 siti li avevo gia visti pero di informazioni non ce ne sono molte, ah una cosa: scusate l'ignoranza ma volevo sapere se le 2 code delle scolopendre sono anche quelle per la trasmissione del veleno? ah ho trovato un sito con qualche scheda sulle scolopendre(non la morsitans pero purtroppo), se puo essere d'aiuto si chiama petbugs.com e uno chilobase

Ciao

Ugo

Link to comment
Share on other sites

Sì, le appendici del primo metamero nel corso dell'evoluzione si sono trasformate in forcipule contenenti una ghiandola velenifera.

Il veleno dei Chilopodi ha attività emolitica e contiene un cocktail di principi attivi tra cui la serotonina che determina una serie di eventi che vanno dalla vasocostrizione, all'attivazione piastrinica (ha un azione simile a PAF, il fattore attivante delle piastrine, permettendo la formazione del tappo coagulativo di fibrina), alla neurotrasmissione del dolore tramite la stimolazione di nocicettori.

Quindi un morso di S. morsitans darà arrossamento, gonfiore, dolore, (rubor, tumor, dolor), edema, reazione infiammatoria ed emolisi (una necrosi emorragica). Probabilmente ci saranno anche stato di intorpidimento e disturbi gastrointestinali. Nei mesi estivi gli effetti sono più marcati.

Si ha notizia di un solo caso di morte per morso di Scolopendra sp. e si trattava di una bambina morsa alla testa.

Link to comment
Share on other sites

Sì, le appendici del primo metamero nel corso dell'evoluzione si sono trasformate in forcipule contenenti una ghiandola velenifera.

Il veleno dei Chilopodi ha attività emolitica e contiene un cocktail di principi attivi tra cui la serotonina che determina una serie di eventi che vanno dalla vasocostrizione, all'attivazione piastrinica (ha un azione simile a PAF, il fattore attivante delle piastrine, permettendo la formazione del tappo coagulativo di fibrina), alla neurotrasmissione del dolore tramite la stimolazione di nocicettori.

Quindi un morso di S. morsitans darà arrossamento, gonfiore, dolore, (rubor, tumor, dolor), edema, reazione infiammatoria ed emolisi (una necrosi emorragica). Probabilmente ci saranno anche stato di intorpidimento e disturbi gastrointestinali. Nei mesi estivi gli effetti sono più marcati.

Si ha notizia di un solo caso di morte per morso di Scolopendra sp. e si trattava di una bambina morsa alla testa.

 

Ok, grazie mille, anche a henry

Ciao

 

Ugo

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.