Vai al contenuto

Nix novariensis

Utenti
  • Numero contenuti

    39
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Nix novariensis

  • Grado
    Lasiodora

Previous Fields

  • Nome
    Luca
  • Località
    Briona
  • Provincia
    Novara
  • Regione
    Piemonte

Visite recenti

97 visite nel profilo
  1. Nix novariensis

    Che ragno è?

    Potrebbe essere Araneus marmoreus?
  2. Nix novariensis

    Richiesta di identificazione

    Ciao. Mi pare che non sia un ragno, ma un opilione https://it.wikipedia.org/wiki/Opiliones
  3. Nix novariensis

    Ragno su conifere

    Fa ragnatele orbicolari grandi e ancorate anche a diversi metri? Dalle mie parti ci sono un sacco di Araneus angulatus che colonizzano le zone boschive. Nel qual caso, il morso non è pericoloso... sentiresti una pinzatina ma senza conseguenze significative
  4. Guarda, non ricordo se fosse un ragno tutto nero o fosse scuro ma con opistosoma variabile. Ho un generico ricordo di un ragno scuro, ma potevano benissimo esserci macchie o aree di colore diverso che ovviamente, a dieci anni di distanza, posso aver rimosso dalla memoria Possibile che Steatoda grossa adulta raggiunga i 2 cm di bl? Sapevo che le più grosse in assoluto tocchino il cm a fatica... 2 mi sembra tanto a occhio. Sforzando la mia mente, mi pare (ripeto... mi pare) che la ragnatela in questione fosse intrecciata e disordinata, tipo Theridiidae, ma il ragno era ben più grosso delle dimensioni "medie" di una steatoda. Mistero PS Quindi Meta menardi fa una ragnatela simile agli Araneidae, giusto?
  5. Ciao a tutti. Nel 2008 andai in gita a Pian del Re, alle foci del Po. Ricordo che su una pietraia erano "appollaiati" moltissimi ragnoni grossi e neri, di forma tondeggiante, che costituivano una colonia. Erano sparsi in un raggio di una cinquantina di metri ed erano tantissimi, fermi immobili tutti nel lato ombreggiato dei sassi. Allora ebbi anche un po' di timore nell'osservarli, perchè gli esemplari più grossi raggiungevano un BL tranquillamente di 2 cm o più, e avevo paura che la gamba scivolasse tra una roccia e l'altra e andasse a finire in mezzo ai ragni, cosicchè stavo ben attento a camminare solo al culmine delle rocce, senza scivolare negli spazi interni. Iniziando a interessarmi di ragni un paio di anni fa, pensavo che fossero del genere Steatoda, ma poi ho visto che di Steatode così gigantesche non ce ne sono. Allora, informandomi meglio, ho pensato che potrebbe trattarsi di ragni appartenenti al genere Meta (es. Meta menardi, che mi pare sia il più diffuso). Ho alcune domande su questi ragni. - secondo voi, in base alla mia descrizione, si trattava davvero di Meta? Oppure era tutt'altro genere/famiglia di ragni (grossi, neri, tondeggianti, in colonia, su una pietraia) che non ho riconosciuto? - come è fatta la ragnatela dei Meta? E' irregolare tipo Steatoda, orbicolare tipo Araneus, è un bozzolo? Non ricordo questa particolarità - quanto è attivo il loro veleno? Grazie per eventuali risposte
  6. Aiuto? E mica ti mangiano eh Comunque quelle ragnatele le ho anch'io in casa, che è appunto piena di Pholcidae. Secondo me si impregnano di polvere, quindi "collassano" creando quei filamenti lunghi, spessi e ingrigiti
  7. Nix novariensis

    Vigevano (PV) - Cheiracantium mildei

    Cheiracanthium ha cheliceri molto lunghi ma non hanno una grandissima capacità prensile, perché sono sottili. Prima di affondare mandano 2-3 morsi a vuoto con la cute che gli "scappa via" dalle "pinze"
  8. Nix novariensis

    Vigevano (PV) - Cheiracantium mildei

    Nella mia personale esperienza non ho mai trovato morsi particolarmente dolorosi, anche se la pinzata dello Zoropsis è piuttosto significativa, così come quella di grossi Araneidi(sopra i 1,5 di bl) e di grosse Tegenarie. Lo stesso Cheiracanthium mildei (non ho mai provato il punctorium) provoca un bruciore di media entità che dura una ventina di minuti, seguito da intensissimo prurito. Ma rispetto a tutti questi ragni, mi ha fatto ben più male la siringata di un'ape sia nell'immediato che nel dolore post infezione. Non parliamo poi di quando fui beccato sulla mano da una Vespa crabro. Dolore intenso e pulsante per più di un'ora. Mai più... meglio un bel Cheiracanthium, fidatevi. PS chiedo scusa per il mio uso scorretto dei grassetti. Scrivo da un cell che è lento ad attivare tali funzioni
  9. Ha una vaga somiglianza con un Cheiracanthium, se non sbaglio
  10. Nix novariensis

    Germaneto (CZ) - Zygiella sp.

    Anche a me sembra una Zygiella... se sono grosse (8-9 mm, raramente le vedo che toccano il cm) possono mordicchiare anche loro, un po' come tutti gli Araneidae. Per esperienza personale, Araneidae di una certa dimensione ti danno una discreta pizzicata, ma non lasciano conseguenze se non un po' di prurito o lieve bruciorino per qualche minuto. L'intensità del dolore solitamente dipende da quanto a fondo penetrano la cute e quanto veleno infondono con il morso, anche se, per capirci, per fare un paragone comprensibile, è mooolto inferiore a quello provocato dalle punture di imenottero, che è subito acuto e pulsante. Certo, un grosso Araneus angulatus o un Larinioides di 2 cm li senti sulla pelle; una Zygiella è più difficile... per sentirla dev'essere piuttosto grossa, come quella della foto
  11. Nix novariensis

    Novi di Modena (Mo) - Neoscona subfusca

    Non potrebbe essere Araneus angulatus? Anche a me le dimensioni appaiono sovrastimate, comunque... a occhio mi verrebbe da dire che ha un BL di 1-1.5 cm e LS di 3-3.5
  12. Dovrebbe essere la famosa Nephila come genere... o sbaglio?
  13. Dico la mia da inesperto... non potrebbe essere un Araneus angulatus? Il diadematus non mi pare che abbia le due gobbe sull'opistosoma Anche le dimensioni (2 cm BL) sono un po' troppe per un "crociato"
  14. Il Latrodectus è un ragno molto piccolo... se, zampe comprese (leg-span), raggiunge il cm è tanto. La discussione interessa anche a me, ma non credo esistano ragni così grandi quantomeno in Italia... mi sentirei decisamente sicuro nell'affermarlo con certezza. E se fosse un Solifugo? https://it.wikipedia.org/wiki/Solifugae Ma non so se ce ne sono in Italia
  15. Nix novariensis

    Che ragni sono?

    Ci mancherebbe. Al limite sono io a starmene zitto davanti a persone che ne sanno molto più di me ;-) Diciamo che porto una mia esperienza diretta in quanto i morsi delle specie "innocue" sinantrope li ho testati più o meno tutti. Nuctenea pizzica con media intensità; segue prurito e arrossamento tipo zanzara. Nulla più Zoropsis fa male con i suoi cheliceri potenti, tipo spina, ma non ho visto particolari reazioni cutanee (anche meno di Nuctenea) Ripeto... questo è successo a me; magari per altre persone la reazione è ben diversa. E ora che mi ci fai pensare, effettivamente un morso di Loxosceles potrebbe provocare quella brutta reazione, di grandi dimensioni e con ampia produzione di pus. Ma se ne trovano in Svizzera? Ciò che non mi torna tanto con il morso di un ragno è il fatto che prima dell'infezione ci fossero due segni di punture (o morsi) distanti tra loro... i cheliceri lasciano segni piuttosto ravvicinati, a non più di 3-4 mm di distanza e un unico pomfo attorno ad essi. Per questo ho pensato a un attacco "volante" di un qualche insetto tipo tafano (che attacca ripetutamente cercando di colpire sempre nella stessa zona). Poi il bambino ha sicuramente sentito bruciore/prurito, si è grattato, ed ecco il danno. Oppure lo stesso tafano ha direttamente "iniettato" una qualche sorta di batterio. Ma potrei sbagliarmi
×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.