Jump to content

filippo

Utenti
  • Content count

    477
  • Joined

  • Last visited

About filippo

  • Rank
    Apprendista
  • Birthday 02/21/1993

Profile Information

  • Gender
    Male

Previous Fields

  • Nome
    Filippo
  • Località
    Avezzano
  • Provincia
    AQ
  • Regione
    Abruzzo
  • Socio
    non associato

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Il lavoro sopracitato mi lascia perplesso su diversi punti: Realizzare una filogenesi molecolare utilizzando un solo gene, il COI, non può dare risultati determinanti, soprattutto per quanto riguarda la topologia dell’albero. Il COI è molto utile per determinare il grado di dissimilarità tra due entità, non a caso è uno dei marcatori più utilizzati per il DNA barcoding, ma da solo non è abbastanza affidabile per ricostruire un albero filogenetico di diverse specie e generi, andrebbe accoppiato con altri marcatori sia mitocondriali che nucleari per dare risultati più accurati in questo senso; Alcuni dei diversi metodi che hanno realizzato per la ricostruzione filogenetica sono obsoleti e abbastanza poco affidabili, come ad esempio il neighbor-joining (fatico a trovare altri lavori moderni che prevedano l’uso di questo metodo); I risultati ottenuti nello studio, soprattutto per quanto riguarda il ramo critico, ossia quello della “Anapophysate division” (Coriarachne, Bassaniana ecc.) sono supportati solo da alcuni dei 4 metodi di ricostruzione utilizzati (vedi pallini vicino ai nodi), il che non può essere che interpretato come una mancanza di potere risolutivo del marcatore scelto (COI). Il fatto di riconoscere quelle specie come generi diversi sembrerebbe una scelta conservativa che segue Lehtinen (2002), ma dubito che sia stata presa basandosi sui risultati di questa analisi, che gli autori riconoscono come approssimativa e per niente definitiva. Mi lascia perplesso anche la scelta del WSC do prendere per buoni i cambiamenti proposti in questo studio, che gli stesso autori hanno riconosciuto come non conclusivo.
  2. filippo

    Ragusa - Chrysobothris sp.

    Ciao, si tratta di un Buprestidae del genere Chrysobothris. 😊
  3. filippo

    Auguri Filippo <3

    Grazie ragazzi!
  4. filippo

    Calendario Aracnofilia 2018

    In effetti quella di Araniella è mia!
  5. Vi aggiorno sulla mia situazione! Sarò presente nelle giornate di sabato e domenica con al seguito Giulia, che qualcuno di voi conosce già. Conto di partire in treno da Bologna sabato mattina presto, in modo da essere a Genova per le 9 e raggiungervi magari direttamente all'acquario. Programma di altissimo livello! sarà bello rivedervi cari aracnofili
  6. Assolutamente presente! Genova la conosco poco e sarà una bella occasione per scoprirla, poi il programma già mi piace. Non so ancora se ci sarò per tutti e 3 i giorni, ma vedo di fare mente locale ed organizzarmi. Mi associo all'appello del buon Piergy per quanti riguarda una macchinata dall'Emilia Romagna. Buone feste a tutti!
  7. Complimenti Luigi, topic davvero molto interessante!
  8. Bellissimo solifugo! quindi si tratta sempre di un aracnide ma appartenente ad un odine diverso sia da quello dei ragni che da quello degli scorpioni (ordine Solifugae per l'appunto). Come hai notato i pedipalpi sono molto lunghi in questo ordine, tanto che possono essere scambiati per un decimo paio di zampe. Le strutture a ventaglio presenti sulla coxa e il trocantere dell'ultimo paio di zampe prendono il nome di malleoli, e dovrebbero avere la funzione di recettori chimici, che l'animale utilizza per "saggiare" il substrato su cui cammina cercando molecole odorose che gli permettano di trovare prede o esemplari dell'altro sesso. Non riesco bene a capire a cosa ti riferisci con "artigli in contrapposizione da roditore", forse ai cheliceri che nei solifughi hanno una struttura a pinza.
  9. Interessantissimo documento! complimenti Luigi.
  10. La foto non è chiarissima, ma si tratta di uno tra Lycosoides, Textrix e Maimuna. Non mi sembra di vedere una netta anellatura sulle zampe quindi propenderei per escludere Textrix e rimanere sul Lycosoides coarctata/Maimuna vestita.
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.