Jump to content

Informazioni riguardo l'acquisto di Aracnidi


Recommended Posts

Salve a tutti, di certo non vi ricorderete di me, ma ero un utente del foro molto tempo fa, diciamo, fino a poco prima che entrasse in vigore la famosa "LEGGE" sugli aracnidi.

Avrei una domanda al riguardo:

Ho scoperto leggendo qua e la nel foro che in certe fiere è possibile acquistare comunque esemplari di aracnidi, assumendosi la responsabilità di tale atto davanti alla legge, sperando di riuscire per i fatti propri a dimostrare l'innoquità dell'esemplare acquistato.

Quello che voglio sapere è:

Se io compro il mio aracnide a una di queste fiere, viene segnalato direttamente e mi trovo le forze dell'ordine a casa?

Oppure funziona come è sempre funzionato prima della legge (col cites ecc...) e solo nel caso in cui io o qualcun altro andasse a segnalare il fatto, dovrei risponderne giuridicamente?

Oppure, una volta fatto il cites, devo andare a "costituirmi", perchè se se ne accorgono (tramite cites) e non ho avvisato da solo, sono perseguibile?

Spero di non aver posto domande a cui si è già risposto, ma leggere 1000 post in cui si è parlato della legge mi risulta un po pesante, quindi spero di avere delucidazioni direttamente qui.

Grazie a tutti in anticipo.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Gidol e bentornato su Aracnofilia...

 

Vediamo di rispondere alle tue domande:

 

1. Se io compro il mio aracnide a una di queste fiere, viene segnalato direttamente e mi trovo le forze dell'ordine a casa?

 

No, ovviamente no. Controlli però sono sempre possibili a prescindere.

 

2. Oppure funziona come è sempre funzionato prima della legge (col cites ecc...) e solo nel caso in cui io o qualcun altro andasse a segnalare il fatto, dovrei risponderne giuridicamente?

 

Al di là del CITES è chiaro che se qualcuno ti segnala potresti avere un controllo durante il quale dovrai dimostrare che gli esemplari che hai acquistato non sono "mortali o invalidanti" ovvero soggetti alla Legge 213/03. In più - ma questo da sempre - se sono animali soggetti a CITES dovrai ottemperare a quanto richiesto in tal senso (vedi domanda dopo).

 

3. ...una volta fatto il cites, devo andare a "costituirmi", perchè se se ne accorgono (tramite cites) e non ho avvisato da solo, sono perseguibile?

 

No, per le specie di ragni e gli scorpioni in allegato II -ovviamente parliamo di animali che viaggiano dentro la Comunità Europea- basta che tu abbia un certificato di provenienza credibile (tipo uno scontrino, una fattura, una dichiarazione firmata del venditore in cui ci sia un nome e cognome...). Per ciò che concerne tali specie esse non necessitano di certificato CITES se rimangono all'interno della UE, ma ovviamente dovranno sempre essere accompagnati dalla suddetta documentazione comprovante la leggittima acquisizione ai fini CITES (meglio ancora se - nei vari passaggi - uno consegna anche tutti i documenti che ha ricevuto, per esempio se compri un ragno che è passato di mano in mano).

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Chiaro e conciso come lo sei sempre stato, grazie mille :)

Aggiungo un'altra domanda.

Che metodi/"prove" posso usare per provare la non pericolosità di un pandinus imperator?

(Di certo non pretenderanno che mi faccia pungere vero? :) )

c'è qualche libro di testo a cui ci si può rifare per andare sul sicuro? O occorre che ce la caviamo con l'immaginazione?

Link to comment
Share on other sites

E qui hai toccato il tasto dolente...

Nessuno lo sa. Ed è questo il problema, la legge non dice nulla in merito, anche perchè il concetto di pericolosità è soggettivo. Un criceto può essere pericoloso, perchè se ti morde e fa infezione la ferita puoi avere guai... Solo che il senso comune non vede -giustamente- il criceto come animale pericoloso, e a nessuno è mai venuto in mente di fare una legge per vietarli... Diverso il discorso con gli aracnidi... Io mi sento sicuro quando dico "questo scorpione di 15 cm non è pericoloso", il problema è farlo capire ad un funzionario che di aracnidi non ne sa nulla...

 

La nostra associazione ha stilato una lista di specie pericolose basata sulla consultazione della bibliografia scientifica (che è un tantino più attendibile di un libro di testo :) ), che però non è in alcun modo ufficiale ai fini legali. E' una lista di buonsenso, coerente, documentata fin che vuoi, firmata e controfirmata, ma se il funzionario decide che quello scorpione di 15 cm è pericoloso, tu risulti fuorilegge lo stesso...

 

E' un mondo dificile (Tonino Carotone)... :)

Link to comment
Share on other sites

Che schifo :wacko:

E se non sbaglio questa legge esiste solo in italia vero?

In che bel paese che viviamo...

E la cosa bella è che tenersi in casa un moluro di 4 metri che magari ti gira pure per casa (visto con i miei occhi, anche se forse era solo 3 :rolleyes: )è perfettamente legale e non pericoloso :lol:

Link to comment
Share on other sites

E la cosa bella è che tenersi in casa un moluro di 4 metri che magari ti gira pure per casa (visto con i miei occhi, anche se forse era solo 3 :rolleyes: )è perfettamente legale e non pericoloso :lol:

purtroppo hai fotografato in pieno la situazione..e tranquillo che c'è anche chi ce l'ha di 4 metri e oltre il molurus...mah...che poi,ragionando su questo discorso della pericolosità potenziale,quasi nessun animale potrebbe essere allevato!!dal gatto che può ciecare una persona e graffiarla,ai cani di grossa taglia che possono tranquillamente sbranare un uomo..al pappagallo che se si arrabbia e ti becca in un occhio sono dolori...... :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.