Jump to content

Steatoda paykulliana, vi presento la mia.


Recommended Posts

ciao a tutti, ho finalmente finito di montare un minivideo della mia regina nera e volevo mostrarvelo... :rolleyes: ...

anche perchè solo voi potete capire il desiderio di mostrare il proprio ragnuccio.... :lol: ...

a chi lo mostro altrimenti? ;)

-è un mostro!- :lol: mi risponderebbero gli altri :lol:

 

http://it.youtube.com/watch?v=nNeUtKVjpkk

Link to comment
Share on other sites

molto carino il video e gran bell'esemplare,complimenti!beh il veleno non è tossico e da temere come quello di altri rappresentanti della famiglia..ma comunque è tra i più attivi e potenti tra quelli dei ragni che abbiamo qui.ciao

Link to comment
Share on other sites

Ciao, video abbastanza interessante. Io eviterei però di etichettare i ragni con termini troppo umani. Sono animali splendidi ed interessanti, che per soggiogare prede di grosse dimensioni usano un veleno a volte anche abbastanza potente. Ma non c'è niente di straordinario, di supereroico in questo e soprattutto i ragni non si allenano!

Non prendere questo commento come una polemica. E' molto interessante ed a tratti emozionante vedere un ragno in caccia, ma non mi piace molto il taglio che hai dato al tuo video "guardate com'è fico il MIO ragno". Dandogli una connotazione più di tipo "naturalistico" avresti comunque ottenuto un buon risultato in termini di audience e di apprezzamento del video e soprattutto avresti evitato di mostrare il tuo desiderio di "possessione" di un ragno. Voglio sperare che i ragni ti piacciano al di là del fatto che tu li "possieda" o no. Non si tratta di pelouche o di oggetti, ma di esseri interessanti che possono essere allevati facilmente in quanto richiedono ben poco spazio per vivere.

Io personalmente non ho mai sentito la necessità di mostrare "quant'è bello il mio ragno" (non siamo ad una mostra canina, suvvia!), ma piuttosto ho sempre cercato di mostrare gli aspetti più caratteristici di una certa specie lasciandogli quella connotazione di naturalità che troppo spesso invece l'uomo figlio di Walt Disney toglie agli animali.

Quindi ben venga un video in cui si veda S. paykulliana che si nutre di una vespa, didattico, ma con un taglio meno "umano" avrebbe reso sicuramente di più ed avresti lasciato qualcosa di più istruttivo per tutti.

Ti ripeto, è un consiglio spassionato, non vuole essere assolutamente un'accusa!

Ciao

Emanuele

 

P.S.: se mi posso permettere, vi chiedo gentilmente di evitare il più possibile l'uso degli smilies in questa sezione, che dovrebbe avere un carattere maggiormente scientifico! Grazie ragazzi!

Link to comment
Share on other sites

Ciao, video abbastanza interessante. Io eviterei però di etichettare i ragni con termini troppo umani. Sono animali splendidi ed interessanti, che per soggiogare prede di grosse dimensioni usano un veleno a volte anche abbastanza potente. Ma non c'è niente di straordinario, di supereroico in questo e soprattutto i ragni non si allenano!

Non prendere questo commento come una polemica. E' molto interessante ed a tratti emozionante vedere un ragno in caccia, ma non mi piace molto il taglio che hai dato al tuo video "guardate com'è fico il MIO ragno". Dandogli una connotazione più di tipo "naturalistico" avresti comunque ottenuto un buon risultato in termini di audience e di apprezzamento del video e soprattutto avresti evitato di mostrare il tuo desiderio di "possessione" di un ragno. Voglio sperare che i ragni ti piacciano al di là del fatto che tu li "possieda" o no. Non si tratta di pelouche o di oggetti, ma di esseri interessanti che possono essere allevati facilmente in quanto richiedono ben poco spazio per vivere.

Io personalmente non ho mai sentito la necessità di mostrare "quant'è bello il mio ragno" (non siamo ad una mostra canina, suvvia!), ma piuttosto ho sempre cercato di mostrare gli aspetti più caratteristici di una certa specie lasciandogli quella connotazione di naturalità che troppo spesso invece l'uomo figlio di Walt Disney toglie agli animali.

Quindi ben venga un video in cui si veda S. paykulliana che si nutre di una vespa, didattico, ma con un taglio meno "umano" avrebbe reso sicuramente di più ed avresti lasciato qualcosa di più istruttivo per tutti.

Ti ripeto, è un consiglio spassionato, non vuole essere assolutamente un'accusa!

Ciao

Emanuele

 

P.S.: se mi posso permettere, vi chiedo gentilmente di evitare il più possibile l'uso degli smilies in questa sezione, che dovrebbe avere un carattere maggiormente scientifico! Grazie ragazzi!

 

ciao Emanuele,

che il tuo fosse un consiglio e non un'accusa, l'avevo intuito già dal primo rigo... un pochino mi hai smontato perchè non volevo fare del mio ragno un fico ominoide, quello che tu hai letto in tal senso io l'ho pensato in chiave ironica (relax,allenamento, digestione), ho voluto condividere il video di un ragno locale che, secondo me a prescindere dal possessore, è straordinario, come tutti, compreso il mio temibile Pholcus phalangioides.

La S. paykulliana non la devo vendere, non voleva essere un promo ne per lei ne per me che l'allevo.

Ho sentito il desiderio di farVela vedere, mea culpa, ma se non a Voi aracnofili, a chi?

Ciao, paykulliano.

Link to comment
Share on other sites

Beh,io non ci ho visto niente di male,e capisco la voglia di condividere una passione che pochi hanno!

 

Sicuramente in off topic sarebbe stata meglio!

Però penso che le cose si devono interpretare...si è un forum molto scentifico ma un pò di ironia e allegria non quasta...già siamo pochi ad ammirare gli Aracnidi invece di schiacciarli...se poi li smontiamo!

 

Io ho capito il tuo intervento Emanuele,però protrebbe essere frainteso e/o preso troppo pesante!

Magari uno smilies,che secondo te andrebbero evitati il più possibile, in questo caso non avrebbero reso meno serio il tuo discorso ma avrebbe smorzato quello che poteva sembrare una riprensione,sempre secondo me!

Spero che non venga presa e/o interpretata male questa mia opinione personale!

Link to comment
Share on other sites

comunque io ho capito bene, ed è giusto che sia, tanto più giusto sarebbe stato l'OT; lungi da me l'intenzione di mancare di rispetto a chicchessia (ragno in primis), però io una domanda sui ragni in generale volevo farla:

io di S. paykulliana, ne ho due: quella del video, che ha fatto l'ultima muta ed una più giovane di almeno un paio di mute.

Mantengono un comportamente assai differente l'una dall'altra, quella matura è schiva, basta toccare inavvertitamente il piano sul quale poggiano i faunabox perchè essa scatti sotto la propria tana per riuscire, se riesce, dopo svariati minuti di assoluta immobilità (e questo mi è sempre sembrato normale).

La giovine non scappa neanche se sposto il contenitore, rimane sulla tela (bellissima) ed anche ora se ne stà esposta alla luce della mia stanza su una parete verticale della propria costruzione, l'altra dopo qualche minuto di 'lampadario' scende nel suo buco e per rivederla devo spegnere la luce sperando si muova.

Da cosa possono essere influenzati nelle reazioni, due ragni 'uguali' in cattività?

Arredamento faunabox?

età?

temperatura, umidità, alimentazione, stimoli esterni, esposizioni alla luce naturale ed artificiale sono parametri pressochè identici per entrambi.

Adattamento? Quella meglio adattata sembrerebbe la 'giovine aracna'....

Link to comment
Share on other sites

Ma no figurati, è solo un parere! i vari "paragrafi" del video vanno benissimo! Non era mia intenzione avere un atteggiamento di "ripresa" di nessuno, figuriamoci!

Per gli smilies non ho detto di non usarli in assoluto, anche perchè se sono utilizzabili non sono certo io a impedirlo, solo che quando usati "troppo" tendono ad appesantire molto la discussione secondo me.

Ciao

Ema

Link to comment
Share on other sites

Leggo solo ora le tue domande. Sono osservazioni molto interessanti!

Guarda io ho notato nei Theridiidae più grossi, sia in Latrodectus sia in Steatoda una tendenza dei giovani ad esporsi maggiormente al sole.

Un esemplare che ho trovato quest'anno in Croazia aveva addirittura costruito la tela sopra e non sotto una roccia, completamente esposto al sole.

Il comportamente schivo di un adulto potrebbe, e ripeto potrebbe, essere dovuto al fatto che non dovendo più accrescersi l'animale può evitare di esporsi ai raggi solari.

Stessa cosa per la fuga, magari un animale giovane semplicemente rischia di più a rimanere esposto in quanto gli conviene in termini di guadagni (accrescimento, cibo ecc...)

Oppure, è semplicemente una forma di minore o maggiore reattività dei due esemplari. Non siamo tutti uguali dopotutto!

Osserva la femmina giovane e vedrai se da adulta si comporterà sempre così oppure se acquisterà il comportamento della tua prima femmina.

Ciao!

Ema

Link to comment
Share on other sites

Ultima cosa, occhio quando sostieni che sia meglio adattata quella che non scappa!

Perchè in realtà un animale che non reagisce agli stimoli, in natura, potrebbe essere un animale morto!

Un uccello che vedesse il ragno esposto e riuscisse ad avvicinarsi decreterebbe presto la morte della femmina "che non scappa".

Link to comment
Share on other sites

eh si, letta così, la chiave del bisogno d'accrescimento è particolarmente interessante.

Effettivamente quella in crescita potrebbe avere 'motivazioni' più forti a rimanere esposta, comunque sia, la guardo ora ed è bellissima, dal punto di vista geometrico ha una proporzione affascinante, sono davvero belli i ragni, ognuno di loro ha una peculiarità che li diversifica tantissimo ma li unisce nel fascino.

Perfetti, macchine idrauliche perfette.

Link to comment
Share on other sites

Ultima cosa, occhio quando sostieni che sia meglio adattata quella che non scappa!

Perchè in realtà un animale che non reagisce agli stimoli, in natura, potrebbe essere un animale morto!

Un uccello che vedesse il ragno esposto e riuscisse ad avvicinarsi decreterebbe presto la morte della femmina "che non scappa".

 

La selezione naturale: se fossero rimaste in natura, forse la più schiva avrebbe comunque fatto la muta che ha fatto da me, la più audace, forse, non avrebbe passato la settimana approfittando di un raggio di sole in più ed incontrando il goloso becco di un predatore........ Nessuno effetto è in natura sanza ragione; intendi la ragione e non ti bisogna sperienzia. Leonardo Da Vinci

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.