Jump to content

Problema spiderling A.Geroldi


 Share

Recommended Posts

Ho comprato a cesena 2 spiderling di Avicularia Geroldi appunto.

 

Sono state allevate sempre nelle stesse identiche condizioni, stessa temperatura, stessa umidità, stesso contenitore (uno per uno, obiouvsly!).

 

Una delle due però mostra minore appetito, è indietro di una settimana abbondante rispetto alle mute (2, da quando le ho) e ora mi sta preoccupando.

 

Sono tre settimane che non mangia, la muta l'ha effettuata a capodanno, e l'opistoma è sgonfio. Nel frattempo l'altro sling si è pappato mezza camola (le dimensioni sono quelle di una moneta da 2 euro).

Credevo fosse colpa del fatto che non fosse ambientata nel nuovo terrario, visto che non aveva fatto un filo di tela, mentre l'altro ha riempito la bottiglietta di plastica dove sono ora. L'ho rimessa nel vecchio barattolino, così fatica di meno a trovare il cibo, ma continua a rifiutarlo.

 

La temperatura è sui 28 fissa, l'umidità tale da formare sempre goccioline di condensa (non ho igrometri così piccoli, vado a occhio, comunque sempre abbondantissima), ma questo sling se ne sta sempre ranicchiato a terra, mentre l'altro è grasso e disteso sulla tela.

 

Che faccio? mi sto preoccupando, non si lascerà morire di fame??

Link to comment
Share on other sites

La temperatura è sui 28 fissa, l'umidità tale da formare sempre goccioline di condensa

 

:unsure:

 

I terrari o contenitori per l' allevamento del genere Avicularia devono avere un buon riciclo d' aria, non si dovrebbe mai formare la condensa, al massimo si puo' formare appena si nebulizza il terrario, ma ne giro di breve dovrebbe andarsene.

 

ma questo sling se ne sta sempre ranicchiato a terra, mentre l'altro è grasso e disteso sulla tela.

 

Non è assolutamente un comportamento normale, bisognerebbe capire la causa, prova a creare piu' fori nel contenitore dove la tieni per far circolare più aria.

Link to comment
Share on other sites

ciao,

magari se posti qualche foto dell terrario e del animale ospitato ci è piu facile aiutarti....le cause possono essere tanti... acari... muffe (visto che parli di umidità cosi elevata)...

saluti

melanie

Link to comment
Share on other sites

Per prevenire le critiche: so benissimo che il barattolino non è assolutamente adeguato, ma visto che rifiuta continuamente il cibo, e indipendentemente dall'altezza del terrario se ne sta rasoterra, ho optato per il vecchio contenitore per comodità.

 

incubatrice2.jpg

 

incubatrice1.jpg

 

ragnetto.jpg

 

Nell'"incubatrice" ci sono 28-29 gradi regolari, e come ripeto il fratello sta benone.

Link to comment
Share on other sites

quei contenitori di plastica sembrano molto sottili; il cavetto riscaldante a contatto diretto della superficie in questo caso non mi sembra un buona idea. Certo, non perchè la plastica possa sciogliersi, ma perchè vengono a crearsi "hot spots", zone decisamente più calde di altre, che in un terrario grande vanno bene perchè sono facilmente gestibili dal ragno ma in una bottiglia o in un barattolino non ha molto scampo. E' una situazione che può produrre stress. Forse sarebbe meglio appallottolare il cavetto in un punto del faunabox "incubatrice" che sia egualmente distante dai due contenitori, in modo da creare un clima più simile a quello naturale senza hot spots.

Un'altra cosa che potresti fare è trasferire il ragno che sta nel barattolino in una bottiglietta simile all'altra; a parte che le Avicularia si trovano meglio in spazi verticali, replicare la situazione del ragno che sta bene mi sembra la mossa più logica.

Link to comment
Share on other sites

Come ho detto sopra (ma non sono stato molto chiaro, causa concitazione) lo stress evidente è stato proprio dopo il trasferimento dal barattolino alla bottiglia: infatti se prima aveva la sua tela e tutto, nella bottiglia, quando in pochi giorni l'altro si era creato la sua tela, lui ha passato 2 settimane a livello del terreno...

 

comunque grazie per la spiegazione sugli hot spots, provvedo subito!

Link to comment
Share on other sites

Io vedo un po troppo pantano, almeno nel barattolino basso (credo l'ideale sarebbe cambiarlo al più presto).
L'altro non si vede bene ma si intuisce che l'umidità sia moooolto alta!!!

Credo che avere un paio di pseudoterrari un po più confortevoli e sopratutto più comodi sia molto importante per allevare al meglio i due esemplari. Sempre meglio optare per contenitori in cui possano fare agevolmente qualche muta, altrimenti dover cambiare ogni volta che la migale cresce diventa molto stressante.

Per il cavetto, come ti hanno gia detto, sarebbe meglio non metterlo a contatto con gli insulsi spessori delle scatoline in cui tieni gli animaletti, ma creare una fonte di calore, distante qualche centimetro e il più omogenea possibile.

Ti propongo un'idea.....

Perche non ti procuri due bei contenitori per alimenti secchi, che trovi comodamente al supermercato, e non ti diverti a farci tanti forellini?? Credo che il risultato estetico e sopratutto funzionale sia di gran lunga migliore della soluzione da te usata. Spendendo oltretutto non più di 5

Tanto per avere un'idea----


Mica per niente, ma la bottiglia del the non si può proprio vedere.

2016_03_11-19_01_27_ddca7.jpg

​​

2016_03_11-19_01_28_202f3.jpg



Dai dai, ne hai solo due da curare, un po più di impegno..... :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Ok, dopo un po' di settimane ci siamo...

 

Cioè, ho cambiato subito sistemazione, ma volevo aspettare la reazione dei ragnetti prima di dire qualcosa.

 

La distanza di mute tra i due è aumentata. Quello grande è avanti di 3 settimane sulla muta, e sembra ne stia preparando 1 altra, mentre il fratellino è rimasto come era.

 

C'è da dire che ha ripreso ad alimentarsi, quando ormai mi ero già rassegnato ad averlo perso...

 

Speriamo bene!

 

------------------------------------------------------------------------------

 

Aggiornamento del 24/2

 

Anche se il gap di mute è aumentato (oramai è un mese e mezzo da che il fratello ha mutato) anche quello piccolino si sta apprestando a mutare. Ha la sua ragnatela e l'opistoma gonfio...

 

Non ci speravo, sinceramente.

 

Grazie ancora a tutti!

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
  • 3 weeks later...

Continuo la cronaca...

 

Oggi il più grande ha fatto la muta, alla perfezione... tutte le zampe ok, umidità alta...

 

Qualche ora dopo era a terra, ranicchiato... morto...

 

Che può essere stato??? :wub: :o :o

 

Le condizioni erano ottimali, la muta è venuta bene...

Link to comment
Share on other sites

Continuo la cronaca...

 

Oggi il più grande ha fatto la muta, alla perfezione... tutte le zampe ok, umidità alta...

 

Qualche ora dopo era a terra, ranicchiato... morto...

 

Che può essere stato???  :wub:  :o  :o

 

Le condizioni erano ottimali, la muta è venuta bene...

 

E' difficile stabilire le cause di morte quando tutti i parametri erano giusti.

Magari ha subito un qualche trauma subito dopo la muta, tipo è caduto a terra?

 

Oppure ci sta che il tuo ragno dovesse semplicemente morire, senza colpe di nessuno, a parte la genetica.

Statisticamente in una cucciolata potrebbero esserci piccoli con "tare" che non gli fanno raggiungere lo stato adulto, la morte potrebbe arrivare quando ancora ninfa oppure durante la crescita.

 

Ste

Link to comment
Share on other sites

Sinceramente non lo so, la possibilità di una caduta era venuta in mente anche a me, poi mi sono detto "è un'avicularia, per di più uno sling, la caduta da 10-15 cm di altezza non potrà averlo ucciso così..."

 

L'opistoma era intatto, ma tenendo conto del fatto che aveva appena mutato... Boh, non so cosa pensare, anche se l'ipotesi che hai avanzato tu Ste mi sembra la più probabile, anche se difficile (la muta l'ha effettuata all'interno della tela, e cadere da lì dentro.... boh...), in quanto le zampe per terra non le appoggiava che molto di rado, e trovarla proprio ranicchiata lì...

 

Comunque se avete altre ipotesi avanzatele... ripeto, i parametri erano corretti, ma magari gli allevatori più esperti di me mi potranno dire qualcosa di più...

 

Marco

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.