Jump to content

Grammostola iheringi


 Share

Recommended Posts

Ciao, ti dico quello che sò, cioè poco:è una specie che abita l'America del sud,viene chiamata Entre Rios(lettetalmente tra i fiumi)una zona montuosa dell'Argentina,arriva a 15cm di legspan,necessita di un terrario con un umidità più elevata rispetto ad altre grammostole(75%) e con una temperatura di 22-25gradi di giorno e qualcosa di meno la notte.Non è molto facile da trovare in commercio perchè fino a poco tempo fà non veniva eportata dai paesi di origine.Non sò altro.

Link to comment
Share on other sites

Veramente Grammostola iheringi è una specie Braziliana ed è appunto questo il motivo della sua "rarità". Il Brasile ha da tempo chiuso le esportazioni di animali. I pochi esemplari arrivati negli ultimi anni sono entrati illegalmente in Europa. Nonostante ciò, diverse riproduzioni hanno prodotto parecchi spiderlings e oggi questa specie è allevata in maniera stabile nell'hobbystica.

 

Può essere confusa con Grammostola actaeon che anche se in questa foto sembrano abbastanza diverse dal vivo sono molto difficili da distinguere per un occhio inesperto.

 

Io ho avuto alcuni esemplari che ho cresciuto per un po' ma non ho mai tentato la riproduzione perchè li avevo ceduti prima del raggiungimento dell'età adulta. Non era un ragno che suscitava in me un particolare interesse.

 

Ho trovato delle foto ed è molto bella.....ma ho notato che non se ne è mai parlato sul forum.

 

Perchè purtroppo in Italia prima della 213, a parte pochi casi, i pochi libri acquistabili in Italia fungevano da "catalogo" e moltissime persone compravano i ragni che vedevano sui libri.

Ricordo su tutti un esempio che commentammo lungamente io e Francesco ad una mostra scambio nella quale avevamo il tavolo insieme... Francesco in quel periodo ebbe la schiusa di un cocoon di Poecilotheria rufilata, all'epoca la Poecilotheria più rara dopo la P. subfusca a livello Europeo. Tutti le guardavano ma la rufilata non interessava minimamente e venivano addirittura snobbate dicendo "Naaa la rufilata nooo... voglio le regalis!" palesemente si capiva che volevano la regalis perchè sul "Caratozzolo" ci sono diverse foto di questa specie e probabilmente era anche l'unica che avevano visto (in foto)... :rolleyes:

Giusto per capire alla fiere alla quale partecipammo dopo fu Hamm e quelle stesse rufilata furono "bruciate" prima ancora dell'apertura della fiera alle ore 10:00... non voglio dire che tutti le hanno snobbate ma la tendenza generale è stata questa. Qualche tempo dopo mi accadde la stessa cosa con un mio cocoon di Cyriopagopus schioedtei (allora si chiamava Cyriopagopus thorelli), che all'epoca per quello che si sapeva a livello di mailing lists e forums mondiali la mia fu la terza riproduzione in Europa e la quinta al mondo. In Italia non furono minimamente capiti, mentre nel giro di 48 ore su un mercatino ritirai le prenotazioni per l'edizione di Hamm successiva da parte di tedeschi e olandesi.

 

La 213, purtroppo, è arrivata nel momento in cui la scena generale cominciava a crescere. Mi auguro si risolva presto perchè davvero c'è tanto, tanto lavoro da fare. ;)

Link to comment
Share on other sites

Perchè "Entre rios" è una regione di Bahia che si trova in Brasile... ;)

 

http://www.citybrazil.com.br/ba/regioes/entrerios/

 

Le migali argentine sono tendenzialmente molto comuni sul mercato. Se una specie è estremamente rara sul mercato ci sono sempre due motivazioni. La prima è di natura geografica, questo quando:

si trovano in zone geografiche dove è vietata l'esportazione;

vivono in biotopi difficili da raggiungere (aree montane molto ristrette);

oppure ancora si trovano in paesi con clima socio/poilitico instabile e quindi la raccolta è quasi inesistente (es. Nigeria).

 

L'altro motivo è quando le specie sono di scarso interesse al "grande pubblico" e sono ragni da "amatori". Per fare un esempio le migali africane sono da "amatore" e tendenzialmente sono poco allevate perchè poco colorate e difficili da vedere in terrario a causa delle loro abituni. Di solito chi le alleva è spinto più da un vero interesse etologico che il fatto di avere "un bel ragno". Altri ragni da amatori sono le migali "nane" tipo Cyriocosmus o Holothele... che essendo davvero piccole suscitano generalmente poco interesse.

Link to comment
Share on other sites

Ho acquistato alcuni anni addietro degli sling di questa specie. A dire il vero il mio intento era quello di acquistare delle G. actaeon...

Gli esemplari erano da poco usciti dallo stadio ninfale per cui non era possibile accorgersi della "svista" del venditore e ancor più era impossibile capire che le specie da me acquistate erano in realtà delle G. iheringi.

Oggi dispongo di due esemplari sub adulti, un maschio ed una femmina.

Quest'ultima raggiunge i 14 cm ed è decisamente grossa per essere una grammostola. L'aspetto è decisamente accattivante con un bellissimo contrasto del blu e del rosso.

L'allevamento non comporta difficoltà di rilievo rispetto alle altre specie di grammostola.

Confermo che i cocoon di questa specie erano abbastanza diffusi sul mercato di due, tre anni fa, al punto che c'erano venditori tedeschi ed austriaci che cedevano esemplari sling al prezzo di 3€ cadauno..C'era anche chi, in modo del tutto deprecabile, esportava esemplari adulti wild caught al costo di 20 €...pessima abitudine dei mercati di animali...

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.