Jump to content

Aracnidi e allergie


Hadronyche
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti...

Tutti sappiamo che le specie di ragno potenzialmente pericolose per l'uomo sono poche e che il numero dei decessi dovuti a morsi di ragno non è neanche lontanamente confrontabile a quello relativo alle morti causate da punture di imenotteri...

C è anche da dire però che nel caso di api,vespe,calabroni ecc. l' evento morte si presenta come conseguenza diretta non tanto del veleno da essi iniettato ma dalla reazione allergica spropositata che il nostro corpo manifesta in seguito a puntura(shock anafilattico), salvo credo i casi nei quali il numero di punture contemporaneamente subito sia molto alto, in considerazione anche delle caratteristiche che ogni soggetto presenta.

Nel caso di ragni invece, da quello che ho capito, i rari decessi sono dovuti alla potenza della tossina contenuta nel veleno da essi iniettato attraverso i cheliceri e alla quantità del veleno stesso,sempre avendo riguardo alla risposta del soggetto al veleno.Le specie o generi cui mi stò riferendo -(ma in tema non sono molto ferrato, tant'è che potrei incorrere in errori nell'utilizzare i termini tecnici utilizzati a scopo classificatorio quali famiglia,ordine,tipo,classe,genere,specie...Chiedo fin da subito scusa e vedrò di adeguarmi al livello di chi scrive nel forum...)- sono Latrodectus(mactans,hasselti e tredecimguttatus), Atrax robustus(che bello!!!) e Hadronyche(in particolare formidabilis,versuta,infensa...) e Phoneutria(fera e nigriventer).

Quello che volevo sapere è però se sia possibile(astrattamente penso di si...) o meglio se sia probabile e quanto sia probabile, e se fosse successo mi farebbe piacere avere informazioni relative ai casi(ovviamente se possibile riportando anche una breve descrizione dei soggetti in questione e delle circostanze nelle quali è avvenuto e nel dire ciò alludo al luogo,alla specie e alle caratteristiche della persona), che in seguito a morsi o punture di aracnidi e più in particolare a morsi di ragno, o in seguito al contatto con i "peli" orticanti di qualche "bombarola" o a qualunque altro tipo di contatto, si verifichino reazioni di tipo anafilattico....!!!

Tutto ciò con particolare riguardo alle specie presenti in Italia..!

Ringrazio tutti e spero che la mia incapacità di scrivere in modo chiaro e sintetico non abbia messo in difficoltà nessun lettore...

Link to comment
Share on other sites

Che qualcuno dei "boss" sposti pure la discussione dove pensa sia più opportuno..!

Inoltre mi sono dimenticato di modificare il titolo che avrei voluto fosse "Aracnidi allergie e reazioni anafilattiche"!

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Molte grazie...

Non avendo ancora un migale tutto mio non avevo ancora letto la discussione...

Cmq nonostante la mia domanda avesse oggetto più ampio, ho trovato parte di risposte che cercavo e risposte a quanto non mi ero ancora chiesto...

Ho comunque capito che l' argomento è un gran casino nel senso che se ne sa poco e che una risposta data in termini oggettivi e universali manca...

Sarà forse perchè le specie di ragni sono circa 35000..!

Sarà forse perchè agli allergologi (o a quasi tutti...) dei ragni non importa nulla(sempre che gli acari non siano aracnidi, io questo non lo so!So solo che da buon asmatico che sono, sono i miei peggiori nemici )..!

Sarà forse perchè è più difficile essere morsi da ragno che punti da imenotteri, dato il diverso modo che abbiamo di interagire con gli uni e con gli altri...

In ogni caso in tema sarebbe bello saperne di più...

Ciao

Link to comment
Share on other sites

In primis, gli acari sono aracnidi.....

In secondo luogo, a quanto ho capito, non si può parlare di allergia ai ragni in quanto non ci sono casi sufficentemente monitorati da poter giustificare studi in questa direzione...

 

Comunque, aspetta la risposta di i-lang, è lui "l'enciclopedia" in merito....

 

Buon ventolin.... :(

Link to comment
Share on other sites

Sospettavo gli acari fossero aracnidi...Ma mi piaceva immaginare non lo fossero in modo tale da poter asserire di non odiarne nessuno...E invece ne odio milioni..!!!Fortunatamenta riesco a fare a meno del ventolin(salbutamolo)...Ciò che da quanto ne so dovrebbero fare tutti gli asmatici nei quali non si manifestino attacchi improvvisi di grande intensità...Meglio ricorrere ad altri prodotti con azione analoga(beta-2 agonista) ma differenti caratteristiche (superiori benefici in termini di durata anche se più lenti nell' esercitare la loro funzione broncodilatatrice).

Chiaramente poi sarà compito di un medico preparato dire a ciascuno come regolarsi coi medicinali...Sull' asma ci sono dei punti fermi, ma è una delle malattie il cui decorso rimane quasi sempre differente da soggetto a soggetto..!

Per quanto mi riguarda mi sono trovato bene con Flixotide (fluticasone dipropionato) come leggero cortisonico, e con Serevent (salmeterolo) come beta-2 agonista...usati però solo a periodi in modo tale da non rischiare di inibire (anche se reversibilmente) la funzionalità surrenalica da una parte, e da non "saturare" i recettori beta-2 dall' altra...

Sugli antileucotrienici, anche di ultima generazione quali il "montegen", dai medici veramente bravi ho solo sentito parlare male..!

Tutto ciò senza nessuna presunzione.......

Link to comment
Share on other sites

il problema che poni è statistico.

Essendo il veleno dei ragni di origine proteica, è evidente che può essere un allergene.

La cosa che complica tutto è che ogni genere di ragno possiede una combinazione proteica diversa e quindi la funzione allergenica crociata è moto rara. Se aggiungi che rari sono i casi di morsi, capirai che statistiche serie non e ne sono, per lo meno i Italia. I centri antiveleno più importanti, considerano i ragni come soggetti velenosi di scarsa o nulla importanza cinica. Le intossicazioni (su base venomica ed allergica) non superano le tre all'anno. Trascurabili, statisticamente quindi. Ovvio che reazioni allergiche minori (prurito, edema locale, rossore, pomfi) non sono considerati.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.