Jump to content

I sensi dei ragni


migdan
 Share

Recommended Posts

quali organi di senso hanno i ragni?

sono stati tutti scoperti?

un organo di senso può svolgere più funzioni sensoriali?

le femmine di una stessa tipologia hanno gli stessi organi di senso dei maschi?

ci sono dei comportamenti del ragno che non sono spiegabili con i sensi conosciuti?

E' vero che il ragno agisce solo Istintivamente?

E' vero che il ragno NON dispone di una sua intelligenza?

Link to comment
Share on other sites

partendo dal fondo: credo sia fondamentale definire 'intelligenza'. se per intelligenza intendiamo una strategia di problem solving che si contrappone all'istinto, vale a dire una capacità di elaborare strategie complesse di fronte a una situazione nuova, ricordo che tempo fa se ne era parlato sul forum: in quell'occasione cercavamo di ragionare sulla memoria dei ragni e diversi interventi sembravano portare testimonianze che i ragni possiedano effettivamente una memoria a lungo termine. a mio parere un'ottima prova di questo fatto la si ottiene osservando un ragno inserito da poco in una teca: l'animale registra la novità della situazione nella quale si trova, inizia un percorso esplorativo, un volta sinceratosi della mancanza di pericoli per la sua incolumità e analizzato lo spazio disponibile prepara una tana. per compiere queste operazioni il ragno deve necessariamente memorizzare una certa mole di informazioni, catalogarle secondo un certo ordine e compiere alcune scelte di conseguenza.

Link to comment
Share on other sites

DOmande abbastanza itriganti, per esperienza , i ragni mi sembra agiscano per istinto.

Ho sempre pensato , che siano prevedibili e in certi casi lo sono , ci sono però quie casi in qui per esperienza sempre ho visto ce non lo sono , vedi Avicularia che fanno la tana propio dove non devono farla , magari sulla ribaltina di apertura del terrario....

Per gli organi sensoriali non so mi trovate impreparato , cioe so che organi sensoriali usano ma li si ferma .....

Link to comment
Share on other sites

Interessante la parte della domanda che riguarda l'intelligenza.

 

Sui sensi non so molto di più delle solite banalità.

 

Sull'intelligenza animale invece vorrei sottoporvi un esperimento che è stato fatto su Octopus vulgaris, il comune polpo.

Due polpi sono stati messi in acquari vicini, isolati l'uno dall'altro ma in vista. I due animali potevano vedersi.

Il primo polpo lo chiamiamo Carlo... chiamarlo polpo A mi stucca. Carlo riceve ogni giorno il cibo in una pallina. Questa pallina è composta di due semisfere cave che si avvitano tra loro e contengono il cibo. Carlo gioca a lungo con la pallina e impara col tempo e con l'esperienza a svitarla. Intanto Gigino (l'alto polpo) guarda. E mangia normalmente. Quando Carlo ha imparato a svitare la pallina e svita sempre tutte le palline appena gli capitano a tiro, inizia la seconda fase: le palline bianche sono vuote, le palline rosse sono piene di cibo. Carlo ci rimane fregato per qualche tempo, ma poi impara con l'esperienza che le uniche interessanti sono le palline rosse. Gigino guarda e mangia normalmente.

Quando Carlo ignora completamente tutte le palline bianche e si avventa subito su ogni pallina rossa che gli capita a tiro, passiamo alla terza fase dell'esperimento.

A Gigino vengono date due palline, entrambe piene di cibo, una rossa e una bianca. Senza alcun tentennamento Gigino ignora la pallina bianca, si lancia sulla pallina rossa, la svita e ne mangia il contenuto!

Conclusione: Gigino ha imparato osservando il comportamento di Carlo.

 

L'esperimento è stato ripetuto utilizzando altri polpi (è toccato ad Aurelio, a Marina, a Filippo, a Francesca...). Ogni volta il polipo "osservatore" ha imparato dal comportamento del suo vicino.

 

Questa cosa, secondo me, è una delle più grandi prove di intelligenza!

Credo anche che l'intelligenza si sviluppi maggiormente in organismi dotati di strumenti per manipolare l'ambiente. Ossia le nostre mani o i tentacoli dei suddetti polpi.

 

Per inciso, sembra che i polpi siano gli invertebrati più intelligenti che esistono.

Link to comment
Share on other sites

octupus vulgaris è uno tra gli invertebrati più intelligenti che abbiamo su questo piccolo pianeta. e penso proprio che superi senza problemi anche molti vertebrati.

 

quanto al discorso magnetorecettori: la fisica non è il mio mestiere per cui chiedo chiarimento: in pratica è una richiesta della banda di frequenze che possono registrare? (chiedo questo perchè qui si sconfina in uno di quei punti di contatto con la mia personale nerdaggine; cose tipo fare 'suonare' i colori e le immagini ecc)

Link to comment
Share on other sites

magnetorecettori

probabilmente va' riferito alla percezione del campo magnetico terrestre...

proprietà che vari animali sfruttano per orientarsi nei loro spostamenti.

Link to comment
Share on other sites

* spin-off *

 

Mi ha colto un dubbio linguistico...

Si dice "magnetorecettori" o "magnetocettori"?

Uno dei due è più appropriato o sono sinonimi?

Link to comment
Share on other sites

Credo si dica magnetocettori.

Link to comment
Share on other sites

Guest umberto

E' un semplice problema di ORIENTAMENTO che riguarda ogni essere vivente.

La condizione magnetica è primaria.

La Luce è Elettro-magnetica.

Chiamiamole "frequenze" ma è meglio PRESSIONI.

 

nota

Per voi aracnofili ho messo in onda la Mamma Spider degli Hopi.

 

Spider Women Mother[/SIZE]

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.