Jump to content

Ancora due identificazioni


Recommended Posts

In Europa settentrionale vive un ragnetto di 2 mm molto simile al primo delle tue foto. Ha lo stesso colore, le stesse dimensioni però ha l'addome di forma differente. Quasi sicuramente non sarà la stessa specie, tuttavia lo segnalo comunque. Il nome comune è ragno portafortuna mentre quello scientifico è Linyphia triangularis.

 

Lascio il campo agli esperti.[:D]

Link to comment
Share on other sites

Il primo direi che si tratta di un Oonops spp (domesticus o pulcher,dipende dal fatto di avere o no 4 paia di spine sulla tibia...).

Nel secondo caso siamo nella galassia delle Pardosa spp....

Ciao!!

 

Uno stracchino è per sempre.............

Link to comment
Share on other sites

No, il secondo non è un Lycosidae. Direi che si tratta del Genus Thatatus o anche un giovane Phylodromus, ma non azzardo la specie.

Il primo confermo che potrebbe proprio trattarsi di un Oonops sp. e comunque ne ha tutto l'aspetto (e la disposizione oculare sembrarebbe quella...)

Ciao

Ema

 

La natura è troppo immensa per farla stare tutta in una foto.

Link to comment
Share on other sites

Nel secondo non si vedono gli occhi, ma effettivamente la forma ed il disegno dell opistosoma possono ricordare il genere Thanatus (non Thatatus...eheheheheh...tocca a me correggerti oggi..[;)])

E non mi azzardo certo a proporre una specie.

Riguardo all'opzione Philodromus (e non Phylodromus, ripignoleggio..non mi sparare..), rimango molto più scettico.

Una foto più frontale aiuterebbe ..anche tenendo conto che dall'inquadratura dovrebbero intravedersi i grandi occhi posteriori superiori dei Lycosidae... sono pronto a rivedere il mio primo giudizio (Thanatus spp mi pare una ipotesi sostenibile più di Pardosa spp...).

Ciao!

 

Uno stracchino è per sempre.............id="size1">

Link to comment
Share on other sites

Pardosa sp. non c'azzecca niente[;)][:D][:D]

Potrebbe anche essere Thanatus sp. ma a me sembra tanto un agelenidae, Agelena labyrinthica per la precisione.

 

"SaRaNno in poCHi a riScaTtArSi DaLla pOveRTà, a rALleGrarSI dELlA GLoriA pEr qUaNTo inFiNIta"

Link to comment
Share on other sites

Caro Piergy, escluderei assolutamente l'ipotesi A.labyrinthica,

per 4 motivi:

1)le filiere non sono ben visibili e da quell'inquadratura dovrebbero essere molto chiare le filiere biarticolate tipiche del genere

2) il disegno sull'addome e sul cefalotorace è completamente diverso

3) date le dimensioni, dovremmo essere di fronte ad uno sling 8di per se non escludibile)

4) il comportamento in cattività è molto diverso...avrebbe intelato tutto...non è un ragno a suo agio fuori della tela ed è in lavoratore assai alacre.

 

Uno stracchino è per sempre.............

Link to comment
Share on other sites

In effetti che sia un'agelena è abbastanza improbabile; dopo aver dato un'occhiata sul web a diverse foto e aver letto qualcosa, comincio a pensare si tratti di una Anyphaena sp.

Che ne pensate?

 

"SaRaNno in poCHi a riScaTtArSi DaLla pOveRTà, a rALleGrarSI dELlA GLoriA pEr qUaNTo inFiNIta"

Link to comment
Share on other sites

Ripeto, la foto non aiuta, e non conosco le abitudini in cattività del genere, non avendola mai avuta "ospite".

Le dimensioni ci stanno ed è un'ipotesi da prendere in considerazione.

Ci fosse una foto dall'alto , la caratteristica tasca sulla parte posteriore dell'opistosoma si vedrebbe e non ci sarebbero dubbi.

In Italia è presente in particolare l'A.accentuata, di cui al nord c'è una variante melanica.

Le foto sono ingannevoli, se poi non sono ben orientate ed a fuoco, ancora di più.

Sarei proprio curioso di avere una foto dall'alto, che inquadri bene eventuali disegni sull'opistosoma ed una frontale che faccia vedere gli occhi.

Piergy è al lavoro...il colpo d'occhio non gli manca, ma i dati obiettivi latitano.

Anyphaena spp...Che ne pensi Emanuele?

 

 

Uno stracchino è per sempre.............

Link to comment
Share on other sites

A parte che devo imparare ad usare la tastiera del computer ed evitare errori così grossolani (belle correzioni, me le merito).

Direi che propendo sempre e comunque per Thanatus sp.

Qui in Liguria i Thanatus sono abbastanza frequenti e li conosco bene, anche la postura e la leggera "scia" di tela che si intravede nella foto (caratteristica anche dei Salticidae) mi incoraggiano verso questa tesi.

Spero di non sbagliare ovviamente, ma ne sono piuttosto convinto. Il mio dubbio era prevalentemente sulla specie. Ho aggiunto Philodromus perchè alcuni giovani Philodromus assomigliano a Thanatus, con zampe più corte e robuste rispetto all'adulto (mi sto basando per ovvie ragioni sulla morfologia).

 

Ciao

Ema

 

 

La natura è troppo immensa per farla stare tutta in una foto.

Link to comment
Share on other sites

Scusate se non ho risposto ma ero fuori, e nonostante la mia curiosità, solo oggi ho potuto controllare il sito.

Domani cercherò di fotografare meglio il secondo ragno, e appena posso metterò on line le nuove foto insieme a quelle di tre nuovi ragni che ho trovato a Perugia. Due credo siano licosidi, l'altro non ne ho idea.

A presto Diego

Link to comment
Share on other sites

Il secondo è un Philodromidae, concordo in pieno, per la scelta del genere passo la mano.

Il primo non è un Oonops, e più in generale non è un ragno Haplogyno: nella riduzione da otto a sei occhi è una coppia di mediani a mancare, non di laterali.

Sono sicuro che con un ingrandimento maggiore riusciremmo a vedere che le due "macchiette nere" laterali sono costituite da due occhi appaiati. Il problema è trovare una strada alternativa per la determinazione, non so proprio che pesci prendere.

In effetti Kaiser Scorpion non ha torto, la disposizione oculare ricorda quella dei Lyniphiidae.

Link to comment
Share on other sites

Ho provato ad acquisire il particolare degli occhi a risoluzione maggiore, purtroppo il risultato che si ottiene non è uguale a quello dell'ingrandimento ottico. Comunque aprendo il solito link nel primo messaggio, trovate i particolari degli occhi. Ma appena ho un giorno di riposo mi riprometto di mettermi in giardino a cercare altri esemplari di questo ragno. Purtroppo questo l'ho liberato perchè non riuscivo a fargli mangiare nulla, ma ne avevo trovati almeno 5 o 6 in giardino e cercherò di trovarne ancora e fargli un primo piano degli occhi...non sarà facile, ma se lo trovo mi impegnerò a dovere.

Link to comment
Share on other sites

Il Lyniphiidae somiglia molto al maschio di Erigona atra (Kosmos Atlas pag. 91), che ne dite?

Purtroppo in giro per il web non ho trovato immagini di questa specie.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.