Jump to content

Consiglio su probabile morso


CLINICAVET

Recommended Posts

Ciao a tutti,

sono un medico veterinario e le sto tentando tutte per provare a risolvere un caso clinico che riguarda un cane. Non cerco ovviamente consigli medici ma suggerimenti su quale possa essere l'artropode coinvolto. Siamo già in contatto con il centro veleni ma, nella vita ho imparato che l'esperienza di chi è appassionato in un settore può dare spunti interessanti.

Un cane di media taglia in un sentiero in provincia di Lecco ha accusato zoppia improvvisa ad un arto posteriore. L'arto si è gonfiato progressivamente dal piede al ginocchio nell'arco di 15 ore. E' stata fatta subito iniezione di cortisone con parziale miglioramento iniziale (ha iniziato a riappoggiare l'arto e ad essere più attiva). E' stato tosato tutto il piede nella zonagonfia e non sono stati ritrovati segni di morsicatura (tra i polpastrelli non è stato possibile ma se ci fossero dei segni indubbiamente non sono da serpente). Dopo un importante peggioramento (rifiuto del cibo, febbre, gonfiore aumentato, dolore tornato e presenza di sangue nelle urine) i colleghi hanno optato per incisione da cui sono fuoriusciti circa 7 ml di liquido nero e molto puzzolente. Al microscopio non sono state rilevate cellule riconoscibili. Dopo questi ML drenati, il resto del liquido che esce è siero + sangue e inodore. Con queste informazioni e con la zona avete qualsiasi tipo di idea o di suggerimento su cosa possa aver pestato (si pensa più a un morso accidentale visto che la zona incriminata dovrebbe essere la pianta del piede che non farebbe pensare a un 'attacco'). 

Spero non sia troppo OFF-OFF topic ma ci provo. 

Link to comment
Share on other sites

Ciao, 

avete pensato ad una pianta?

Mi sorge molto strano che possa essere stato un ragno, specialmente relativamente al contesto. I ragni è molto difficile che mordano su un sentiero frequentato all'aperto :) Che io sapessi gli incidenti con i cani erano prevalentemente sul muso di questi perché andavano a disturbare l'artropode in zone ristrette. 

Inoltre se il cane ha pestato, sarebbe anche stato abbastanza facile trovare il ragno morto o ferito, ma forse il padrone non ha cercato poi (ci sta, non ci si pensa immediatamente). 

@00xyz00

 

 

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la risposta intanto. Il proprietario non ha cercato immediatamente il possibile ragno/insetto calpestato quindi questo elemento non lo possiamo confermare. Ho ipotizzato che si possa trattare di un insetto perchè una pianta che causi tutta questa azione anche sistemica (il cane non ha più globuli rossi in circolo nonostante le trasfusioni) non ne conosco. Il centro antiveleni ha sospettato il morso di ragno ma, in corso d'opera, ha poi cambiato opinione affermando che i morsi dei ragni non hanno in genere un andamento così rapido (già il giorno dopo le condizioni della paziente sono apparse gravissime). Si sospettava il morso di una vipera ma non sono stati trovati i segni di morso di solito evidenti nonostante sia stata tosata tutta l'area tosabile e coinvolta dal gonfiore. Gli scorpioni presenti in Italia non dovrebbero causare reazioni così gravi. La mia conoscenza sugli animali velenosi in Lombardia si ferma purtroppo qua e anche sfogliando libri su libri, siti su siti non ho trovato nessun altro spunto. Speravo che questo liquido di colore nerastro prelevato dalla zampa potesse far ricordare qualcosa a qualcuno. 7 ml mi sembrano troppi per essere stato inoculato da un ragno che credo abbiano meno veleno, sono anche dubbiosa sul fatto che possa essere realmente il veleno inoculato ma non sappiamo più cosa pensare

Link to comment
Share on other sites

Io mi sentirei abbastanza sicuro con l'escludere il ragno, non per la sintomatologia che penso possa essere estremamente soggettiva, quanto per il contesto e la dinamica del morso: lungo un sentiero e calpestato...  

Facci sapere l'evoluzione per cortesia 

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

 

Il 8/4/2024 at 22:06, CLINICAVET ha scritto:

Ciao a tutti,

sono un medico veterinario e le sto tentando tutte per provare a risolvere un caso clinico che riguarda un cane. Non cerco ovviamente consigli medici ma suggerimenti su quale possa essere l'artropode coinvolto. Siamo già in contatto con il centro veleni ma, nella vita ho imparato che l'esperienza di chi è appassionato in un settore può dare spunti interessanti.

Un cane di media taglia in un sentiero in provincia di Lecco ha accusato zoppia improvvisa ad un arto posteriore. L'arto si è gonfiato progressivamente dal piede al ginocchio nell'arco di 15 ore. E' stata fatta subito iniezione di cortisone con parziale miglioramento iniziale (ha iniziato a riappoggiare l'arto e ad essere più attiva). E' stato tosato tutto il piede nella zonagonfia e non sono stati ritrovati segni di morsicatura (tra i polpastrelli non è stato possibile ma se ci fossero dei segni indubbiamente non sono da serpente). Dopo un importante peggioramento (rifiuto del cibo, febbre, gonfiore aumentato, dolore tornato e presenza di sangue nelle urine) i colleghi hanno optato per incisione da cui sono fuoriusciti circa 7 ml di liquido nero e molto puzzolente. Al microscopio non sono state rilevate cellule riconoscibili. Dopo questi ML drenati, il resto del liquido che esce è siero + sangue e inodore. Con queste informazioni e con la zona avete qualsiasi tipo di idea o di suggerimento su cosa possa aver pestato (si pensa più a un morso accidentale visto che la zona incriminata dovrebbe essere la pianta del piede che non farebbe pensare a un 'attacco'). 

Spero non sia troppo OFF-OFF topic ma ci provo. 

Buon pomeriggio, dopo aver sentito i nostri amici medici dei centri antiveleni e alcuni esperti veterinari erpetologi, nonchè un nostro amico botanico esperto di piante tossiche, possiamo senza dubbio escludere che le conseguenze riportate sul cane siano dovute a ragni o piante. Qui da noi non ci sono specie che possano causare quanto descritto.
E' molto più probabile invece che tali sintomi possano essere dovuti al morso di una vipera, evento che spesso causa disfunzioni analoghe su cani. Anche l'ematuria è sintomo possibile di avvelenamento sistemico. Il liquido puzzolente invece è plausibilmente dovuto a infezione batterica sopraggiunta, piuttosto che azione diretta di un veleno. Questo avrebbe infatti attività citotossica, da cui ne deriva un'aumentata esposizione a proliferazione batterica.

Mancando però un riscontro tangibile sulla causa, ovvero non essendo stata vista la vipera, ne avendo visto altre cause, la certezza assoluta non si può e non si potrà mai avere. Possiamo solo sperare che il cane si rimetta presto.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.