Jump to content
Sign in to follow this  
Riccardo

Brachypelma smithi

Recommended Posts

Sottofamiglia: Teraphosinae

Nome scientifico: Brachypelma smithi

Nomi comuni: Mexican Redknee

Note alla nomenclatura: Più volte il nome "Euathlus" è stato usato come sinonimo di "Brachypelma"... addirittura Ronald Baxter lo usa in "Keeping and Breeding Tarantulas" (1993). La sinonimia era stata suggerita da Raven (1985), ma l'esame comparato con Euathlus truculentus (Ausserer 1875 ) ha infine fugato i dubbi. Le Brachypelma e gli Euahlus non sono sinonimi, ma due generi diversi.

 

Diffusione: Messico

Abitudini: araneide terrestre

Tana: opportunista

Habitat: dimora in tane di fortuna senza interrarsi a grande profondità.

Aggressività media: 2 Bassa, un ragno docile e di facile allevamento, se infastidito è più propenso a lanciare setae urticanti piuttosto che a mordere.

Rapidità di crescita: Piuttosto bassa, essendo una specie poco attiva e con un metabolismo piuttosto lento.

 

Descrizione: Grosso ragno terricolo, può raggiungere i 15 - 16 cm di legspan di colore di fondo marrone scuro tendente al nero, con peli più lunghi sull'opistosoma di colore arancione. Vicino alle articolazioni di ciascuna zampa e dei pedipalpi sono presenti delle fasce arancioni come arancione è il contorno del cefalotorace. Non è presente alcun dismorfismo sessuale tra maschio e femmina, anche se il maschio è in genere più snello e affusolato.

Particolarità:

 

Allevamento: E' sufficiente un terrario di medie dimensioni 30x30x20 con substrato in torba o vermiculite, la temperatura diurna dovrebbe aggirarsi intorno ai 27 - 28 gradi, con un abbassamento di 3 o 4 gradi nelle ore notturne. L' umidità tra il 60 e il 70% circa. E' bene mettere nel terrario una vaschetta piena di acqua fresca da bere e fornirgli un rifugio, costituito da corteccia di sughero o da un mezzo vasetto di coccio. Avendo un metabolismo lento digiuna anche per qualche mese prima della muta. L'alimentazione è quella classica dei ragni terricoli: grilli, camole, blatte ecc. Oltre alla crescita lenta, è uno dei ragni più longevi in assoluto, i maschi maturano in genere in 2 o 3 anni e ne possono vivere tranquillamente anche cinque, mentre alle femmine sono necessari in genere 4 o 5 anni per giungere alla maturazione e possono raggiungere anche i 25 anni di vita.

 

Riproduzione: E' riprodotta regolarmente in cattività. L'accoppiamento in se non presenta (che io sappia) particolari problemi. Una volta avvenuto sono necessari circa 3 mesi per l'incubazione delle uova, e altre 6 o 8 settimane prima della schiusa.

Un cocoon da alla luce un elevato numero di piccoli, anche oltre 500, che alla nascita misurano circa 7-8 mm.

 

Mercato: Il prezzo di uno spiderling dovrebbe aggirarsi intorno ai 10 Euro. Gli adulti nei negozi (almeno qui in Italia) vengono venduti a prezzi purtroppo ancora molto alti.

Da tenere presente che, come tutte le Brachypelma, al momento dell'acquisto è necessario che il negoziante rilasci il CITES, essendo questa una specie protetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve!

Non vorrei fare una magra figura, però non sono esattamente sicuro che la dicitura "Euathlus" sia corretta.

Se non erro è stata eliminata in favore (nuovamente) di "Brachypelma".

In realtà, per essere precisi, il genere "Euathlus" è rimasto, ma vi fanno parte solo un paio di specie del "Chile" descritte da "Schmidt" agli inizi dei 90's.

Sono "Euathlus pulcherrimusklaasi" ed "Euathlus pulcherrimaklaasi".

Ti suggerisco di prendere la mia osservazione con le "molle", almeno finchè qualcun'altro non la perori o meno.

Buona giornata.

Diego Nannuzzi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok Diego.. e dire che io di questa variazione ne sono venuto a conoscenza da poco ... comunque grazie, il resto della scheda come va?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Simone Caratozzolo, nel suo libro, afferma che la denominazione corretta del genere è Euathlus. Il libro è del 2000, non so se da allora sia cambiato qualcosa.

 

Ciao

Danilo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Ashuafarm

Da quel che ne so io il genere euathlus era stato creato forzatamente dai commercianti e esportatori per ovviare alla legge CITES che ne vietava la cattura e la vendita.

poi tassonomisti e le riproduzioni in cattività hanno riportato il nome originale a Brachypelma

Correggetemi se sbaglio

Ciao FAbrizio

 

ASHUAFARM

allevamento amatoriale aracnidi

www.ashuafarm.it

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il nome esatto del genere è Brachypelma.

Il genere Euathlus si riferisce se non sbaglio a tutt'altri ragni.

Per un po' di tempo(al tempo della scrittura del libro di Simone) qualche tassonomista aveva avanzato l'ipotesi del genere Euathlus,ma a tale proposta non è seguita nessuna pubblicazione scientifica,quindi il discorso secondo me è chiuso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve.

In effètti, però, è pur vero che il nome "Euathlus" (che continuo a ritenere ormai in "disuso")è stato introdotto almeno fin dal 1994!

Regards.

Diego Nannuzzi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

OK allora cambio d'accordo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io segnalerei la cosa nelle note alla nomenclatura:

 

Più volte il nome "Euathlus" è stato usato come sinonimo di "Brachypelma"... addirittura Ronald Baxter lo usa in "Keeping and Breeding Tarantulas" (1993).

La sinonimia era stata suggerita da Raven (1985), ma l'esame comparato con Euathlus truculentus (Ausserer 1875 ) ha infine fugato i dubbi. Le Brachypelma e gli Euahlus non sono sinonimi, ma due generi diversi (come ha suggerito Stefano).

 

ANche io ho sentito la faccenda dei venditori che per "sfuggire" al cites, pare che abbiano approfittato della sinonimia. Ma non so se sia vero o se sia una leggenda metropolitana....

 

Simone Caratozzolo!?

 

Matteo Grotto

 

****ARACNOFILIA****

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok Matteo, mi sono permesso di aggiungere alla scheda la tua nota semplicemente scopiazzandola.

 

P.S.

Ho fatto bene? Eventuali precisazioni o modifiche li deve aggiungere l'autore o ci pensi tu alla fine?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, è lo stesso...

Va benissimo come hai fatto...

 

Matteo

 

PS: hai delle foto da inserire?

 

****ARACNOFILIA****

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo Matteo non dispongo dell'attrezzatura necesaria per farti le foto... Prometto però che darò altro contributo per quanto riguarda le schede (ho fatto quella della A.Geniculata da un po ... provo altre a breve).

Share this post


Link to post
Share on other sites

vorrei precisare una cosa, la smithi è una scavatrice.

ho osservato di persona il mio sling scavarsi la tana in cui dimora tuttora.

 

Ciao Alvise

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest volothar

Le smithi non sono scavatrici, ma nella maggior parte dei casi opportuniste. I ragni "scavatori" sono altri come le Haplopelma.

Il fatto che il tuo sling si sia scavato una tana puo essere dovuto a svariati motivi tra cui i più probabili (a mio modo di vedere sono) sono:

1) Non ha trovato un rifugio/riparo di suo gradimento all'interno del terrario.

2) Magari ricerca maggiore/minore umidità/temperatura nel terreno.

 

Puo capitare che alcuni sling si mostrino più attivi degli altri nel costruirsi una tana (anche scavando) ma la smithi non credo possa considerarsi una specie scavatrice.Anche il mio sling di smithi ha scavato un paio di volte, ma con la crescità a smesso di farlo.

 

*Enrico*

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.