Jump to content

Ripatransone (AP) - Agalenatea redii


 Share

Recommended Posts

Data: 02/04/2021 - 12:00
Luogo: Ripatransone (AP)
Posizione/Micro-habitat: Tela tra i rami di una siepe di pitosforo in giardino
Dimensione corpo: Piccola (5-10mm)

Trovato su una pianta di pitosforo in un giardino assolato.
All'inizio credevo fosse un Araneus diadematus di variante marrone, ma poi guardando meglio il disegno sull'opistosoma ho iniziato a cercare specie con un pattern simile.
Ad occhio somiglia molto ad Agalenatea redii ma giudicando solo dal pattern sull'opistosoma potrebbe anche essere un Neoscona subfusca o un Larinioides sp.
Nella seconda foto l'ho beccato che aveva appena fatto quella specie di rifugio di tela sul rametto che è molto simile al rifugio tipico di A. redii.
L'unica cosa che non mi convince è che questo esemplare è attivo solo di notte. Di giorno non si muove mai dal rametto e l'unica volta che l'ho visto sulla tela è stato di sera.
Tra l'altro l'ho trovato cinque giorni fa e aveva una tela danneggiata dai nuovi rametti del pitosforo. Quando l'ho fotografato la sera credevo la stesse riparando e che il giorno dopo avrei potuto osservare quella nuova, e invece finora non l'ha mai fatta.
Riguardo le altre possibili specie, di Neoscona subfusca non sono riuscito a trovare molte informazioni purtroppo né su internet né sul Bellmann.
Su Larinioides sp si possono escludere da subito tutte le specie che prediligono zone con fonti d'acqua e quindi rimarrebbe Larinioides patagiatus come possibile candidato.
Comunque se non fosse per le sue abitudini notturne avrei puntato tutto su A. redii. Voi che ne pensate? 

2021_04_07-08_24_53_263cd.jpg

2021_04_07-08_25_02_cca98.jpg

2021_04_07-08_25_10_044b9.jpg

Link to comment
Share on other sites

Abbiamo anche il sesso allora. Grazie Brigante! 👍
Per quanto riguarda le abitudini notturne che ne pensi? Io ho cercato più informazioni possibili e chiunque sottolinea il fatto che A. redii è attivo di giorno e riposa nel suo rifugio di notte. Per questo stavo valutando anche N. subfusca e Larinioides sp.
Secondo te questa anomalia nel comportamento dell'esemplare può essere trascurabile?

Link to comment
Share on other sites

Sulla specie non ci sono dubbi. Sia il disegno che la pelosità sono tipici di Agalena redii.

Per la mia esperienza è attivo sia di giorno che di notte, e spesso di giorno sta nella sua "amaca" piuttosto che al centro della tela. Di notte tutti gli Araneidae tendono a stare al centro della tela.

Link to comment
Share on other sites

Ok, allora bisogna mandare un messaggio a Bellmann e chiedergli di rettificare. Voi avete il suo numero?

Scherzi a parte, a quanto pare mi stavo facendo troppi problemi per via delle abitudini notturne di quell'esemplare. Tutto mi portava ad A. redii ma quel particolare mi lasciava sempre un dubbio.

Grazie elleelle! Già che sei qui ti faccio un'altra domanda. Quando l'ho trovato era giorno e si notava bene la sua ragnatela anche se gravemente danneggiata. Ho continuato ad osservarlo ma non sono più riuscito a vedere la tela. Sono rimasti solo un paio di fili incrociati e l'esemplare esce di sera e si mette al centro di quei fili senza tessere niente. Se continua così è un miracolo se riuscirà a prendere qualche preda. È un comportamento normale secondo te?

Link to comment
Share on other sites

Non mi pare un comportamento normale. La maggior parte degli Araneidae ricostruiscono la tela per molto meno, tipo per lo strappo dovuto alla cattura di una preda.

I costruttori di tele orbicolari italiani, a differenza di altri generi come Nephila, non sanno riparare la tela, e la possono solo ricostruire da capo. 

Alcuni, come Nuctenea subfusca, Lipocrea epeiroides, Cyrtarachne ixoides, oltre ad alcuni Tetragnathidae, la costruiscono nuova ogni sera e la demoliscono al mattino, riciclando il materiale (raccolgono la tela e la masticano con i cheliceri).

Forse si trova in premuta e non è nelle migliori condizioni per rifare la tela, e comunque si porta istintivamente al centro anche se non catturerà niente.

Link to comment
Share on other sites

Avevo pensato fosse in premuta in effetti. Non riuscivo a spiegarmi quel comportamento.
Grazie per le preziose informazioni elleelle! 

 

Il 9/4/2021 at 08:36, ilbrig4nte ha scritto:

Heiko Bellmann è purtroppo morto qualche anno fa.

Questo non lo sapevo...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.