Jump to content

Report Argiope trifasciata Cagliari 2016/2017


Recommended Posts

Ciao a tutti, a distanza di un anno (o quasi) dal primo incontro con un esemplare di Argiope trifasciata che ho seguito per alcuni mesi in loco, ho deciso di condividere qui sul forum un piccolo report che riassume le osservazioni che ho potuto fare in quell'arco di tempo (ottobre-febbraio).

 

16 ottobre 2016

Mi sono imbattuta per caso in un esemplare di Argiope trifasciata che aveva la sua tela a circa 70cm da terra, fra un lentisco e un rosmarino della zona verde del litorale del Poetto, fra la “torre spagnola” e il rudere del vecchio Ospedale Marino. Ho notato subito che aveva molti ovisacchi, cinque per la precisione, e che questi erano di un colore verde brillante. Non ne avevo mai visti prima, per cui pensai che fossero coperti di muffa, per l’eccessiva umidità vista la zona (erano praticamente in spiaggia). Poi però ho visto che era normale che fossero di quel colore. Ne parlai con Piergy, che aveva inserito questa specie fra quelle studiate nella sua tesi, e quindi la conosceva bene. Mi confermò che il colore era normale, anche se le cause e i metodi non sono ancora chiari (come faccia a far la tela di quel colore e a cosa serva). Il numero degli ovisacchi però lo sorprendeva. Ben cinque. Decisi di andare a ritrovarla ogni settimana.

 

foto: 16 ottobre 2016​ - esemplare

 

2017_10_04-15_14_23_c35c7.jpg

​​

2017_10_04-15_14_42_2d86e.jpg

​​

2017_10_04-15_15_03_65a60.jpg

​​

2017_10_04-15_15_27_82c23.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 31
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Tornai il 22 ottobre, una mattina. l'esemplare era sempre presente e gli ovisacchi erano integri.

 

22 ottobre - esemplare

2017_10_04-15_30_59_9cd20.jpg

22 ottobre - ovisacchi

 

2017_10_04-15_31_33_dcea7.jpg

​​

2017_10_04-15_31_46_00b35.jpg

​​

2017_10_04-15_32_02_58145.jpg

Link to comment
Share on other sites

30 ottobre 2016: con mia grande sorpresa notai che aveva deposto il sesto ovisacco!

 

2017_10_04-15_39_21_137fb.jpg

 

eccolo confrontato con uno più vecchio, il colore appare di un verde più scuro ma è più brillante

 

2017_10_04-15_42_41_ae463.jpg

i vecchi ovisacchi si presentano un po' aperti

 

2017_10_04-15_46_32_f0678.jpg

​​

2017_10_04-15_47_04_64b5e.jpg

Link to comment
Share on other sites

6 novembre 2016: tornando a visitare l'esemplare, scoprii due importanti novità: era stato deposto il settimo ovisacco!! E uno dei vecchi ovisacchi (che per ovvie ragioni presumo fosse il primo deposto) si presentava vuoto all'interno, quindi presumevo si fosse schiuso nei giorni precedenti. non c'erano spiderlings in giro però.

 

nella foto sotto, tutti e sette gli ovisacchi. in alto a snistra, quello vuoto. In alto a destra, quello nuovo, in basso a destra, un po' nascosto, il sesto.

2017_10_04-16_08_27_77854.jpg

 

nella foto seguente, gli ovisacchi da un'altra prospettiva

 

2017_10_04-16_11_47_4c5dc.jpg

 

 

Link to comment
Share on other sites

6 novembre - il settimo ovisacco in dettaglio. Sembra come ricoperto da una seta verde cotonata

2017_10_04-16_14_15_50199.jpg

nella foto seguente, un momento in cui l'Argiope faceva vibrare la sua tela, con la sua caratteristica posizione con le zampe tese e ancorate ad essa ed il corpo proteso indietro, il più lontano possibile dalla tela. La foto è dall'alto, ma si intuisce che l'addome è ancora più sgonfio, dopo la settima deposizione.

 

2017_10_04-16_18_09_62c4a.jpg

Link to comment
Share on other sites

13 novembre 2017 - con mia grande gioia, questa volta ero riuscita a cogliere sul fatto i nuovissimi nati, un secondo ovisacco si era schiuso e stavolta io c'ero!!!

 

que​ste tre foto sono piuttosto ingombranti, dovrò caricarne una per commento

2017_10_04-16_31_09_60ac9.jpg

Link to comment
Share on other sites

20 novembre 2016 - l'esemplare si presentava sgonfio e un po' debilitato, la tela sembrava costruita in maniera approssimativa, ma nonostante ciò, sia ragno che tela persistevano. Gli ovisacchi erano sempre presenti, anche se ogni tanto venivano spostati e avvicinati di più ai rami.

 

​la tela:

2017_10_04-16_40_41_a8222.jpg

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.