Vai al contenuto
Faby

Plutonium zwierleinii Seulo

Recommended Posts

Ciao a tutti, scrivo qui per segnalare il reperimento di un esemplare di Plutonium zwierleinii, ripescato già morto nelle acque del Flumendosa, in località Coa De Su Fenu, a Seulo, il giorno 13 agosto 2017. Era una pozza non stagnante profonda circa un metro, dove la corrente era quasi assente, in un Flumendosa assetato dall'aridità estiva, che lascia scoperta gran parte dell'alveo e permette agli escursionisti di fare un bagno rinfrescante creando delle piscine naturali sicure. l'Habitat del ritrovamento è il tipico ripariale mediterraneo, con oleandri, menta acquatic​​a, giovani ontani e sulle pareti della valle la classica macchia, quindi lentisco, corbezzolo, erica ecc che salendo su lascia spazio al bosco di lecci, carrubi e sughere.

L'esemplare, misurato dal capo all'ultimo segmento, escluse antenne e appendici caudali, misura 10.9 cm.
Dato che è molto raro reperirlo è stato conservato sotto alcol 95 vol%.

Di seguito posto delle foto fatte in loco con il cellulare, in attesa di scaricare quelle fatte poi con la fotocamera.

2017_08_15-09_25_13_0e23d.jpg

​​

2017_08_15-09_25_54_66181.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2017_08_15-09_28_21_233fd.jpg

​​

2017_08_15-09_29_16_c7474.jpg

​​

2017_08_15-09_31_10_f0ed1.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2017_08_15-09_32_50_13e1b.jpg

​​

2017_08_15-09_33_41_a99a1.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, credo di aver postato nella sezione sbagliata dato che non si tratta di un aracnide, chiedo agli amministratori se è possibile spostarla in una sezione più consona. Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spostata ;)

Complimenti anche qui! E' di certo uno dei chilopodi italiani più rari e meno conosciuti, è un report di grande valore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spostata ;)

Complimenti anche qui! E' di certo uno dei chilopodi italiani più rari e meno conosciuti, è un report di grande valore.

Grazie! e grazie anche della correzione in corsivo per il nome scientifico, ero tornata per correggerlo e l'ho trovato già fatto :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gran bella scoperta! Complimenti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto interessante!

Mi chiedo come può sopravvivere una popolazione di artropodi così rari.

Forse sono numerosi all'interno di poche aree ristrette.

Se fossero dispersi uniformemente, visto che non volano, la probabilità che femmine e maschi si incontrino sarebbe bassissima.

Dalle foto non capisco bene se ha gli occhi o è cieco come Cryptops che è sostanzialmente una specie sotterranea.

Potrebbe essere anche questa una spiegazione dei ritrovamenti particolarmente rari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' totalmente cieco come Cryptops e fino a non molto tempo fa era inserito nella stessa famiglia (Cryptopidae); ora dovrebbe essere in una famiglia a parte (Plutoniumidae) ma non ne sono certo, leggo informazioni contrastanti. Sicuramente è una specie elusiva che solo raramente affiora allo scoperto e concordo che potrebbe essere una risposta (o comunque una motivazione aggiuntiva) al perché i report di questa specie siano così pochi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vorrei segnalare altri ritrovamenti, scoperti per caso frequentando gruppi naturalistici su Facebook, da parte di diverse persone (almeno tre esemplari, tutti trovati da persone differenti) tutti in costiera amalfitana. Purtroppo non sono riuscita a convincerle a postare dei report in questo o altri forum naturalistici, ma uno di essi è stato disponibile almeno a fornire fotografie e dati per la segnalazione. A breve aprirò una nuova discussione su questo forum, dedicata ai ritrovamenti amalfitani, perché credo sia importante almeno documentarne l'esistenza dato che nessuno di quegli esemplari è stato conservato per eventuali segnalazioni ufficiali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.