Jump to content

Lycosa narbonensis color bianco


Recommended Posts

Torno dopo un pò di tempo, sono stato particolarmente impegnato con gli studi.

Uno dei miei piccoli, ora non più ha assunto un colore stupendo, lo definirei il più bel lycoside che ho mai avuto, sia per pattern che per colore e dimensioni, è un bel maschio:

 

 

lycosa.jpg

 

Avrei molte altre cose da notificare, ma ora non ho tempo. Buona domenica a tutti

Link to comment
Share on other sites

complimenti hogna,stupendo.

Link to comment
Share on other sites

Qui ci vorrebbe l'intervento di qualche testone per spiegarci qualcosa dippiù su questo colore molto chiaro.

Eppure le blatte non mangiano tutto questo calcio :-).

Non credo sia un fattore genetico, ma piuttosto un fattore d'ambiente e di alimentazione.

Non ho una foto dell'opistosoma ventrale, ma a differenza degli altri non ha nemmeno una sfumatura di arancione o marrone: bianco totale.

Link to comment
Share on other sites

Molti anni orsono (1955-60 !!) ho allevato dei piccoli di Arctosa variana (oggi A. similis) per studiarne la maturazione con l'età delle capacità di orientamento astronomico e determinarne le componenti innate e acquisite. Allì epoca nutrivo i piccoli con Drosofile attere appartenenti a un ceppo caratterizzato da occhi grossi. Le Arctose con la crescita assunsero un bel colore rosa a causa probabilmente del pigmento delle Drosofile. La colorazione chiara della tua [/iLycosa] può dunque verosimilmente dipendere dalla dieta, anche se in natura sono abbastanza frequenti individui caratterizzati da una livrea particolarmente chiara.

Link to comment
Share on other sites

Sì, come dice il Professore i piccoli (prime mute, 1-2) possono prendere la colorazione delle prede (addome rosso se nutriti con Drosofile), ma un esemplare adulto presenta uno strato di cuticola più spessa la quale non fa intravedere la colorazione della preda mangiata.

 

Per me la colorazione di questo esemplare è dovuta semplicemente ad un fattore genetico, forse neanche ereditabile.

 

Credo che si tratti quindi di una variante cromatica..

Link to comment
Share on other sites

Ieri ho portato a spasso il ragno(ho dimenticato la chericeruola e il guinzaglio a otto cinghie, ma per fortuna è tranquillo :rolleyes: ).

 

sidea.jpg

 

Frontale:

 

fronte.jpg

 

 

Ha un length-span di 83mm.

Ci ho pensato su e ho notato un fattore molto "strano". In natura le narbonensis passano quasi tutta la giornata dentro la tana, e quindi al riparo dai raggi del sole. Questo fatto invece non avviene in cattività, perché pur scavandosi la tana preferisco starsene all'esterno. La differenza è che nel secondo caso la luce viene solo da una lampadina a basso consumo che utilizzo per illuminare la stanza. Tutti gli altri che possiedo sono adulti, e lo erano già quando li ho presi, mentre questo l'ho cresciuto dalla nascita (i fratelli li ho liberati). Ha sempre avuto una colorazione più chiara degli altri e credo (sono quasi certo) che la causa del suo colore faccia parte della teoria dell'evoluzione della specie, accelerata. Essendo esposto tutto il giorno alla luce, credo abbia assunto questa colorazione chiara. Avendoli studiati da un anno, ho imparato le loro abitudini, adesso non rimane che confermare questa teoria, aspettando che nascano gli altri e che giungano a maturazione nello stesso modo di questo.

Link to comment
Share on other sites

Se quello della foto è una Lycosa narbonensis allora non mi meraviglia la colorazione chiara. Ho alcuni esemplari adulti (conservati in alcool) datimi da Francesco o Emanuele che presentano, soprattutto sulla faccia ventrale, una colorazione rosa intensa che mi lasciò, quando la vidi la prima volta, assai stupito, e che non ho mai osservata in Lycosa tarentula

Link to comment
Share on other sites

Anche a me è capitato di vederne alcune con sfumature rosacee. Ma ciò che voglio dire è che non credo dipenda da un semplice fattore genetico o di dimorfismo. Comunque quando avrò certezza della mia microteoria ve lo comunicherò.

Link to comment
Share on other sites

Essendo esposto tutto il giorno alla luce, credo abbia assunto questa colorazione chiara

 

Questo credo che sia da escludere..

 

Io sono ancora convinto che sia una questione genetica. Magari il fenotipo bianco è espresso a causa di una interazione tra più geni (alleli recessivi), quindi uno su molti può presentare questa determinata colorazione.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.