Jump to content

la casa delle sipyloidea sipylus?


Guest lupettina
 Share

Recommended Posts

Guest lupettina

ciao a tutti!!!

da poco ho comprato 2 esemplari di sipyloidea sipylus. per adesso li tengo in una scatola di plastica con qualche rametto come ambiente.

potreste indicarmi come fabbricare una "casa" a loro più gradita??

grazie mille

Link to comment
Share on other sites

Ciao Lupettina,

 

Sono insetti molto delicati che perdono facilmente gli arti tramite l'azione dell'"autotomia", ovvero se li staccano loro apposta per far fronte ad eventuali pericoli... gli ricrescerà l'arto dopo qualche muta ma non è detto che ricresca perfetto per cui cerca di limitare il "maneggiamento".

 

Questa specie se non erro se infastidita dovrebbe "spruzzare" un liquido come difesa..

 

Come cibo il solito rovo e per i neonati sempre rovo ma molto tenero..

 

Come temperatura, quella ambiente va bene, come umidità direi un 70% e come substrato 3/4 cm di torba vanno più che bene..

 

Non necessitano di "tane", si posizioneranno sotto le foglie o comunque tra i rami... se no non si sarebbero evoluti diventando simili ad essi!

 

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

In effetti rileggendo non ho risposto bene alla tua domanda..

 

Comunque ho visto allevare questi insetti in una teca di plastica, carta di giornale sotto e rovi buttati li..

 

Sta a te esprimerti poi al meglio sfruttando l'estro femminile!!

 

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Macché torba e substrato, ti incasini solo la vita... Prendi un faunabox capiente, lo metti disposto in verticale e ci inserisci un barattolo pieno d'acqua contenente i rami di rovo o rosa (facendo in modo che non ci sia per gli insetti il rischio di cadere in acqua). L'umidità non è un problema, la temperatura nemmeno (ma magari evita di tenerli sotto i 18°-19°). Il resto è puramente opzionale.

Link to comment
Share on other sites

Esatto... inutile complicarsi la vita.... :P

Link to comment
Share on other sites

Avete ragione.. ma sono punti di vista!

 

Come ho scritto in altri topic per quanto mi riguarda anche l'occhio vuole la sua parte!

 

Quindi terrarrio che riproduce fedelmente uno scorcio di vita "boschiva" in questo caso..

 

Anche perchè non capisco il senso di tenere degli animali in una "brutta cosa"...

 

Dovreste chiamarlo "giornalario" o "plasticario" e non terrario..poi non sporcano questi insetti e le feci non puzzano.. non sono mica rettili!

 

Pareri comunque!!

 

E poi la torba mantiene più a lungo umido l'ambiente!

 

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Io , pur non amando particolarmente i fasmidi, mi schiero dalla parte di sangue_nero :P , in quanto "l'aspetto naturale" di un terrario per me è importante!!

 

Sopratutto in questo caso in cui il dubbio è se mettere o no qualche centimetro di torba!

 

Bye--

Link to comment
Share on other sites

Piergy certo che li ho tenuti.. ho avuto dei baculum...

 

Erano in una teca, al posto del coperchio una zanzariera..

 

Metti la torba in forno a 200 gradi per 20 minuti e non si crea nessuna muffa..

Link to comment
Share on other sites

Ma si certo.. puo' essere Marco..senza dubbio!

 

Rimane il fatto che io non ho mai avuto problemi.

 

Alla fine non sono in un laboratorio dove la mia prima esigenza è "verbalizzare" ogni singolo avvenimento all'interno della teca.

 

Ripeto che è anche bello, per me, portare in stanza "un pezzo di montagna"..

 

Se no che gusto c'è? prendi 4 insetti.. li butti in una scatola con un rovo e stop..

 

Comunque come disse qualcuno.. "non condivido il tuo pensiero ma lo rispetto".

 

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Sulle questioni estetiche non discuto...

 

Ma la torba, che sia o meno stata sterilizzata, si riempie in breve tempo di escrementi (e quelli la muffa la fanno), residui di muta, frammenti di foglie di rovo non divorati, etc...

Se tieni la torba umida, il tutto ammuffisce rapidamente, ci possono essere invasioni di acari o di collemboli, etc.

 

Per recuperare le uova dalla torba devi farla asciugare, stenderla su un piano ed esplorarla palmo a palmo.... se le uova son piccole e non troppo scure, c'è da rimetterci gli occhi...

 

Sarà anche esteticamente meno valido, ma un bel pezzo di scottex si sostituisce in due secondi, non costa nulla ed è molto comodo per recuperare le uova man mano che vengono deposte... e rimane comunque decisamente più igienico...

 

Poi è chiaro che ognuno decide per sè, senza il minimo problema...

Link to comment
Share on other sites

quoto i miei amici allevatori....soprattutto per le neanidi la torba è anche pericolo di morte in quanto ci possono essere ristagni d'acqua,che con lo scottex non si creano....Alla fine con lo scottex mi trovo benissimo perchè è facile da pulire ed + più facile separare le uova dagli escrementi...Beh,specie come Sipyloidea siyplus,ma anche i Medauridea(Baculum) extradentata non amano l'umidità troppo alta.Ti consiglio,quindi,di usare un fauna box come quello che ti ha fatto vedere Marco(Ferro91).

Edited by scolopendro
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.