Jump to content

Psalmopoeus cambridgei


MatteoG
 Share

Recommended Posts

Psalmopoeus cambridgei

 

Sottofamiglia: selenocosmiinae

Nome scientifico: Psalmopoeus cambridgei (Pockok, 1895).

Nomi comuni: Trinidad chevron.

Note alla nomenclatura: spesso viene classificata tra le aviculariinae. Tale posizionamento è errato.

 

Diffusione: Isole Trinidad e Tobago (Carabi).

Abitudini: ragno arboricolo – Tana: rifugi tubulari in seta.

Habitat: foreste pluviali caraibiche di Trinidad e Tobago .

Aggressività media: 7 . psalmopoeus cambridgei non è una specie particolarmente aggressiva ma è dotata di grande rapidità di movimenti.

Rapidità di crescita: molto alta.

 

Descrizione: gli esemplari femmina possono raggiungere i 6 cm (12 cm legspan). Il carapace ha un colore marrone-olivastro con riflessi verde scuro, l'addome, leggermente più chiaro, specialmente verso la zona anteriore dove raggiunge sfumature giallastre, reca un linea mediana scura da cui dipartono quattro linee di livrea traverse, anche esse marroni. Le zampe hanno colorazione analoga al carapace, con metatarsi e tarsi segnati da una linea rossiccia. Il maschio, decisamente più piccolo della femmina, presenta generalmente una livrea più tendente al grigio. L'addome non ha alcun segno e le zampe sono molto più lunghe, tanto da sfiorare la sproporzione, con grande profusione di setae, fatto questo, ben visibile anche nei pedipalpi. Il tarso mostra la stessa linea rossiccia propria della livrea femminile.

Particolarità: il maschio presenta ampi speroni tibiali.

 

Allevamento: psalmopoeus cambridgei è un ragno che non ha bisogno di particolari cure, anzi, è uno dei ragni tropicali più resistenti alle basse temperature (anche 15°C). Il terrario per un esemplare adulto potrà essere allestito, come per tutte le arboricole, prediligendo l'altezza (20x20 cm x 40 cmH) con un substrato di torba. Sarà utile inserire una corteccia sulla quale il ragno possa arrampicarsi ed eventualmente usare da supporto per creare il suo rifugio tubulare (che farà probabilmente in basso, realizzando un cunicolo a terra la cui bocca si appoggerà alla corteccia stessa). La temperatura ideale di allevamento è intorno ai 24°C con una umidità relativa dell'aria del 70-75%. La dieta consiste in grilli, camole e altre larve.

Particolarità: Essendo un aracnide piuttosto rapido, non è infrequente che riesca ad uscire dal terrario senza quasi che si riesca a vederlo, specie quando ancora spiderling. Bisogna tenerne conto quando si programma una visita per inserire le prede o controllare l'igiene.

 

Riproduzione: La riproduzione di psalmopoeus cambridgei è molto semplice. I due sessi, messi a contatto, quasi certamente porteranno ad una gravidanza. Il maschio si avvicina lentamente alla femmina che, se ricettiva, ingaggia una vera a propria "battaglia" con le zampe, muovendole in modo convulso. Ma il maschio, dotato di speroni tibiali e di zampe piuttosto lunghe, non senza qualche patimento, riuscirà infine ad avere la meglio sulla femmina. Una volta immobilizzata, l'accoppiamento sarà rapido e si concluderà con una rapida ritirata.

Poco meno di due mesi più tardi la femmina produrrà il bozzolo con le uova, la cui incubazione durerà altre cinque settimane. Ne nasceranno parecchie centinaia di piccoli, agili e indipendenti: quasi subito abbandoneranno il gruppo e si disperderanno alla ricerca spasmodica di cibo.

Note particolari: dopo la schiusa del primo bozzolo, la femmina ne produrrà un secondo, anch'esso fertile, senza bisogno di accoppiarsi nuovamente.

 

Mercato: Non è una specie che si trova frequentemente nei negozi, ma, vista la facilità di accoppiamento e riproduzione, la sua disponibilità sul territorio europeo è abbondante, specie presso gli allevatori diretti.

 

 

 

****ARACNOFILIA****

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

no no! Psalmopoeus è della famiglia delle selenocosmiinae come Poecilotheria, non aviculariinae.

 

La foto è mia... come pure la mano (mooolto aperta, se vedi). Il ragno era ammalato e quasi inerme, altrimenti mi avrebbe sicuramente morso.

 

 

Matteo G

 

****ARACNOFILIA****

Link to comment
Share on other sites

Azz,ma cosa ci fa un appartenente alle Selenocosmiinae in Sud America?

Allora covavo un serpe in pectore!Avrà un veleno bello potente.Ma perchè sia Simone Caratozzolo che Lelle(lo svedese del sito Minax tarantulas,mi pere si chiami proprio così)la mettono nelle Aviculariinae?A me pare che i peli urticanti ce li abbia,o sbaglio?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.