Jump to content

Prima esperienza, allevamento Malthonica sp.


Recommended Posts

Ciao a tutti! :D

 

Essendo rientrato in possesso del mio pc, posso finalmente mostrarvi i primi passi in questa nuova esperienza, così se avrò sbagliato qualcosa potrò essere corretto.

 

L'esemplare è quello postato precedentemente, classificato finora come Malthonica sp.; non ho ancora capito se è maschio o femmina: i pedipalpi non sembrano particolarmente ingrossati, mentre per quanto riguarda le parti ventrali dovrei trovare l'epigino, ma ancora non ho capito bene come distinguerlo. Se qualcuno ha la pazienza di aiutarmi a sessare l'esemplare sarà cosa graditissima :) .

Nel frattempo nella fiducia/speranza che sia femmina l'ho chiamata semplicemente "She".

 

Questa è la sua nuova casetta, in cui abita da sabato scorso. Ecco anche una vista dall'alto.

Le misure del fauna-box sono 30x20x20cm, mi sembravano adatte alle sue dimensioni, vista anche la tela da cui l'ho sfrattata, che copriva un'area più o meno simile.

Mi sembra ci si stia ambientando bene, qui si può notare un po' la tela che sta costruendo, ogni giorno la trovo un po' più sviluppata :)

Per il substrato ho usato torba, spero di non aver esagerato con sassi e rametti... onestamente ho cercato di scopiazzare un po' un terrario per Tegenaria postato dal buon Reaper e trovato col mitico "cerca".

 

Ogni due giorni do un paio di spruzzate di acqua all'ambiente, vaporizzando al massimo. Non ho invece ancora alimentato She, leggevo di aspettare che si ambientasse... penso di provare a dargli qualcosa in questo fine settimana, poi vi farò sapere.

Leggevo che le mosche non sarebbero propriamente il cibo migliore, per via della sporcizia. Proverò a catturare qualche pesciolino d'argento o grillo, o al massimo comprerò qualche "bigattino" in negozi da pescatori... Non essendo io pescatore, mi chiedevo in che quantità vengono venduti, come si conservano, quanto durano... Giusto perchè non vorrei doverne comprare magari cento per dargliene un paio alla settimana e buttarne via un'ottantina, per dire... Chi ne sa qualcosa?

 

Ecco qui, per ora non ho altre novità o domande...

Non darò un grande contributo alla scienza, ma sono soddisfatto lo stesso :D

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

anche se la foto dei palpi non è chiarissima a me sembrerebbe femmina.

Per quanto riguarda il cibo io forse userei le camole della farina, si possono allevare tranquillamente e le ho sempre trovate più comode dei bigattini..anche perchè qui li vendono in grandi quantità.

Ma aspetta il parere dei più esperti perchè io non sono molto pratica di Tegenaria sp. e qui si tratta pure di Malthonica sp. :D

 

Continua ad aggiornarci sulla tua She!

 

Mara

Link to comment
Share on other sites

Anubis ha pienamente ragione sui bigattini, anche a me hanno consigliato di lasciar perdere perchè, oltre che emanano un odore terribile, possiedono anche uno scarsissimo valore proteico se non alimentati prima di essere somministrati. Molto meglio camole della farina. :)

 

Comunque se vuoi proprio sapere come mantenerli io ho letto su internet che vanno conservati a 4°C, quindi o in un frigo o un contenitore pieno di bottiglie di acqua ghiacciata da sostituire periodicamente e resisteranno per 2 o 3 settimane. Questo perchè il bigattino in questo modo va in ibernazione e può durare molto di più del normale, se no in pochi giorni con il caldo diventeranno tutti delle pupe.

 

Io ho usato i bigattini ma se hai un solo esemplare da sfamare non te li consiglio, sono più quelli deceduti che quelli che riuscirai a somministrare al tuo ragno. Per fortuna costano poco... :rolleyes:

 

Non so se posso fare un link del sito, ma se ti interessa ti puoi fare una "googlata" su internet e troverai dei siti dove spiegano anche per alimentare le mosche carnaria con del chiaro dell'uovo mescolato a dello zucchero, che così (dicono) dovrebbero mantenersi in vita anche per 15 giorni, cosa che a me non è mai successa.

 

;)

Link to comment
Share on other sites

Ciao. Il terrarietto va benone e il fatto che abbia iniziato a telare è positivo.Ovviamente attenzione a non lasciarlo al sole battente per non farlo divenire un forno crematorio.

 

Lascia perdere i bigattini soprattutto se hai una moglie poco tollerante. O li si tiene in frigo o nel giro di 2 giorni si impupano. Potresti fornire anche le mosche una volta metamorfosate ma, dovresti mettere un bigattino per ogni contenitorino in modo da avere quantità singole da fornire. Tenerli insieme significa trovarsi un contenitore con 20 pupe la sera e 20 mosche il giorno dopo...ingestibili. (Credimi, da pescatore mi son trovato spesso la macchina piena di mosche  ;) )

 

Consiglio vivamente camole della farina, tenebrioni. Contenitore largo e basso coperto da retina, fai un bel substrato di crusca e pellet per pesci da laghetto e sei a posto. Queste si impuperanno, diverranno coleotteri, si accoppieranno e le nuove camoline cresceranno....  0 controindicazioni, 0 impegno se non dover fornire qualche buccia di patata o carota una volta a settimana. Le trovi sia nei caccia e pesca sia su redbug ma anche negozi di rettili o uccelli le tengono di solito. Per ragni locali poi potresti considerare anche la possibilità di catturare qualche insetto, soprattutto in zone "incontaminate". Ma avere un allevamento controllato da cui poter attingere è molto meglio.

 

Questione maschio/femmina. Femmine adulte e sub hanno l'epigino. Cos'è? Questo! Una placca di forma variabile posta tra i polmoni. Se c'è, è femmina perche i maschi non ce l'hanno. http://salticidae.next-it.hu/images/tegena.gif In questo maschio infatti si vede solo il solco epigastrico.

 

Se l'esemplare non è adulto allora si guarda se i palpi sono un po ingrossati o se l'epigino ha iniziato a sclerificarsi. Tegenaria/Malthonica ad esempio presentano bulbi ingrossati anche da subadulti. Dalla tua foto direi che l'esemplare è una femmina.

 

:)

Link to comment
Share on other sites

Grazie ragazzi, sapevo di poter contare sulle vostre preziosissime informazioni.

 

Devo imparare, in un forum scientifico, a togliermi quell'"approssimatività" che spesso mi contraddistingue: quando parlavo di bigattini infatti in realtà intendevo le camole della farina...

Dovete sapere che dialettalmente qui in Veneto, "bigatto" e "bigattino" stanno ad indicare in linea generale una qualsiasi larva vermiforme, un qualsiasi verme... Io con leggerezza ho usato questa parola in questo senso creando questo piccolo fraintendimento, scusatemi ;)

 

La soluzione che consigli tu, Carlo, mi sembra la migliore: cercherò insetti locali da catturare, ma nel contempo allestirò un "camolario" nel modo descritto, così da avere sempre cibo a disposizione qualora non dovessi trovarne cacciando.

 

Per il sole sì, ho letto quanto poco siano compatibili ragni e sole battente (eccezioni a parte), infatti ho messo il fauna box in terrazzino solo per fare foto con buona luce. In realtà come macrohabitat ho scelto il garage, mi sembra il posto più adatto: poca luce di giorno, buon livello di umidità...

 

Vi ringrazio ancora e vi rimando ai prossimi aggiornamenti :)

 

 

Edit: Piccolo OT, che forse inizio a capire... questo è femmina? [sempre che la foto lo permetta, il ragno è abbastanza piccolo (5-6mm BL) ed attualmente questi sono un po' i limiti fotografici che ho]

Link to comment
Share on other sites

Ottima la stabulazione in garage in effetti , almeno per la stagione estiva ;) .

 

Per concludere,in merito all'acquisto di larve in negozi di pesca,da attualmente ex :) ( ma in procinto di riprendere...) pescatore,ti dico che i vermi li vendono a peso.In un negozio di animali potrai già essere più indicativo sulle quantità,soprattutto avendo un pò di confidenza con il negoziante.Ma nei negozi di pesca,le esche sono vendute in scatoline ( per lo più i vermi da mare ) e le altre a peso,come proprio il bigattino,che avrà un prezzo l'etto.

Valuta insomma . QUesto solo per dirti che non potrai andare lì e chidere un " pugnetto" di camole della farina o 10 o 20 di esse.. :D

Link to comment
Share on other sites

Si, i bigatini sono proprio uno spreco, soprattutto se hai un solo ragno. A me sono morti tutti nel giro di una settimana (una scatoletta in frigo).

Poi una volta ho fatto la scemata di farli impupare tutti (una scatola intera) nello stesso fauna e una mattina mi sono svegliato con uno sciame di mosche ;) .

 

Se non riesci a reperire blatte/grilli/... la soluzione migliore sono le camole della farina. Ho fatto proprio come ha detto Carlo ed ora ho camole di tutte le dimensioni e coleotteri.

Se non mi ricordo male non sono state velocissime ad impuparsi e riprodursi, però magari ho sbagliato qualcosa io.

Ciao, Andrea

Link to comment
Share on other sites

Quoto Mara...ad esempio anche negozi di uccelli le hanno in quanto le usano come alimento per gli insettivori.

 

Se non mi ricordo male non sono state velocissime ad impuparsi e riprodursi, però magari ho sbagliato qualcosa io.

Si non sono velocissime, poi come al solito dipende dal nutrimento e dalla temperatura. Di solito con 100g di camole della farina (Tenebrio molitor) si va avanti senza nessun problema. 

Link to comment
Share on other sites

Aggiudicato per le camole allora! ;)

 

Andrò dove ho comprato il fauna box [in realtà ne ho presi due, costavano pochissimo, ne ho comprato uno piccolino per le identificazioni], è un vero e proprio ipermercato per l'animale.

 

Solo un'altra domanda [per ora].

Posso tenere in garage anche quelle?

Link to comment
Share on other sites

Basta una scatola di plastica, non serve sia trasparente, la si trova nei supermercati, ikea,brico, casalinghi. Trovati un contenitore basso e largo al coperchio del quale incollare una retina.

 

Non ci sono problemi a tenerle in garage se non farà troppo freddo, anche se l'umidità nella crusca sarebbe bene evitarla. 

Link to comment
Share on other sites

Si infatti, forse l'unico problema potrebbe essere l'umidità, ma per questo bisogna provare. Io l'ho risolto tenendo il contenitore direttamente senza coperchio e fino ad ora (anni e anni lol) non sono mai uscite fuori, altrimenti come dice Carlo puoi metterci una retina.

Link to comment
Share on other sites

veramente io uso spesso sciami di mosche per alimentare le mie bestiole e anche in contenitori da 20 o 30 non le ho mai trovate così ingestibili,per i primi 2 3 giorni non sono in grado di volare quindi di estraggono con relativa facilità,poi ci metti un tappo di bottiglia con dentro del miele le fai mangiare e sei a cavallo!

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

anche se la foto dei palpi non è chiarissima a me sembrerebbe femmina.

Per quanto riguarda il cibo io forse userei le camole della farina, si possono allevare tranquillamente e le ho sempre trovate più comode dei bigattini..anche perchè qui li vendono in grandi quantità.

Ma aspetta il parere dei più esperti perchè io non sono molto pratica di Tegenaria sp. e qui si tratta pure di Malthonica sp. :)

 

Continua ad aggiornarci sulla tua She!

 

Mara

scusa qui dove ?? nel forum ? ;)

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Ciao a tutti!

 

Qualche aggiornamento e qualche domandina.

 

She sta benone, mangia regolarmente una volta alla settimana (a parte quando sono stato in ferie), una/due volte alla settimana vaporizzo una quantità non eccessiva di acqua sulla tela.

 

Dopo averla inizialmente alimentata a mosche le ho fatto poi adottare come dieta i pesciolini d'argento, che trovo sempre in abbondanza alzando i numerosi vasi e vasetti che tengo in terrazza. Mi pare d'aver capito siano più sani rispetto alle mosche. Ovviamente se durante i prossimi freddi dovessi faticare a trovarne mi procurerò le sopracitate camole della farina, penso però che essendo un animale locale più o meno queste sono le prede di cui si ciberebbe normalmente anche allo stato brado, per cui non vedo controindicazioni. In questo sono anche un po' fatalista, sempre però nell'ottica di non cercarsela e di rispettare al massimo i ragni allevati e la natura intera. Ovviamente se questa visione è sbagliata accetterò di cambiarla.

 

Vorrei sapere una cosa riguardo al terrario: ho letto su molti topic cose riguardo alla pulizia dei terrari, volevo capire se è da fare anche su un terrario del genere, in gran parte ricoperto di tela... ho usato il tasto cerca, ma non quanto vorrei per mancanza di tempo, per cui non mi sento di escludere che ce ne siano, ma non ho trovato risultati specifici per Tegenaria o Malthonica.

 

Personalmente ad istinto mi sembra brutto sbaraccarle la tela per pulire il terrario, non saprei come fare altrimenti, non riesco in linea di massima nemmeno a vedere le carcasse delle sue prede, pur essendo sicuro della loro predazione.... Ma sè è un lavoro che bisogna fare bisogna farlo....

 

Anche per She vorrei scoprire meglio la maturità sessuale e le eventualità di nuove mute o di accoppiamento, la seconda per ora molto remota visto che questo è l'unico esemplare di questa specie che ho trovato qui intorno. Dubito di riuscire a fotografarla se non sloggiandola dalla sua tana, presso la quale la trovo quasi sempre, cosa che evito; alcune volte l'ho trovata gironzolante per il terrario, alcune volte anche sulle pareti verticali; sugli angoli ha costruito tela fino ad un paio di centimetri dal coperchio, e da lì partono fili che più o meno orizzontalmente seguono tutta la parete, molti di questi direttamente appoggiati. In realtà però mi aspettavo più tela, questa copre in effetti tutto il terrario, ma è una vera e propria tela solo per qualche centimetro per ciascuno dei quattro angoli, nell'area centrale li definirei come molti fili di passaggio più che una ragnatela.... non vorrei aver sbagliato qualcosa nel terrario :)

 

Tornando alle passeggiate nelle quali qualche volta l'ho trovata, ho osservato che di regola procede un po' circospetta, ma se poco-poco avverte il mimino pericolo o movimento scatta a rintanarsi con una velocità che il mio occhio fa fatica a seguire (un po' anche perchè si mimetizza molto bene col substrato e lei è comunque abbastanza notturna); se dovessi comunque ritrovarla su una parete, sperando che sia su una delle due più facilmente osservabili, cercerò di fotografarla ventralmente a modo o quantomeno di osservarla con la lente.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.