Jump to content

pericolo per euscorpius


Guest Poisoner
 Share

Recommended Posts

Guest Poisoner

Innanzitutto un saluto ai gestori e a tutti i frequentatori del Forum.

Sono anni che coltivo la passione dell'allevamento di euscorpius, aracnidi che trovo in abbondanza in casa mia...

Ho sempre avuto grosse soddisfazioni e numerose volte sono riuscito a far riprodurre i miei animaletti, e non ho mai riscontrato problemi.

Il mio attuale amico si chiama Camillo, e mi tiene compagnia da due anni. Lo nutro in modo vario, anche se devo dire che predilige piccole scutigere e ragni.

Due giorni fa gli ho dato da mangiare un ragno, grosso più o meno un terzo dello scorpione. La mattina dopo ho controllato, come faccio di solito, se Camillo aveva gradito il pasto, ed ho scoperto che il ragno era stato mangiato quasi interamente, ma c'era una "grossa" tenia che si muoveva tra la torba. Ora vorrei sapere se è possibile che la tenia fosse un parassita del ragno, e se, in questo caso, Camillo rischia di ammalarsi essendosene cibato. Oppure potrebbe essere che la tenia fosse un parassita del mio scorpioncino, e che sia riuscito a liberarsene attraverso le feci? E poi, ultima domanda, una tenia che danni può causare all'animale?

 

Lo so, sono domande bizzarre, ma spero che qualcuno più esperto di me mi sappia aiutare.

Link to comment
Share on other sites

Tenia? un nematodo probabilmente. Gettare via.....

Potrebbe essere anche una larva di imenottero che stava parassitando il ragno. Di solito sono specifiche, ma non rischierei. Un cestode (le tenie sono cestodi) parassita di aracnidi, sinceramente non lo conosco...

Link to comment
Share on other sites

Guest Poisoner

Una larva di imenottero?...è lunga quasi 18 cm.....sottilissima e lunghissima....

 

Comunque è meglio liberarsene allora....Ma c'è pericolo per Camillo?

Link to comment
Share on other sites

ahhhhhh tutto chiaro

sono NEMATOMORFI,

ti copio qui da Wikipedia.........

 

Il Phylum Nematomorpha (dal greco: nema = filo; morphe = forma) è costituito da circa 240 specie di animali pseudocelomati vermiformi viventi in prevalenza negli ambienti d'acqua dolce (laghi, stagni, fiumi, pozzi etc.).

 

Le larve dei Nematomorfi sono parassiti di Artropodi ed Irudinei e sono dotate di una proboscide retrattile, armata di spine e stiletti per penetrare nella cuticola dell'organismo parassitato. Le larve sono prive di apparato digerente e si nutrono delle sostanze organiche dell'ospite assimilandole attraverso la parete del corpo. In seguito subiscono varie mute fino a quando non metamorfosano in adulti emergendo dalla cute dell'ospite quando questo si trova in un ambiente acquatico o nelle sue vicinanze.

Forme adulte di Paragordius tricuspidatus. Il maschio (a sinistra) è riconoscibile per l'estremità triforcuta.

Ingrandisci

Forme adulte di Paragordius tricuspidatus. Il maschio (a sinistra) è riconoscibile per l'estremità triforcuta.

 

I Nematomorfi adulti conducono vita libera, possono raggiungere la lunghezza di 50 cm ma il loro diametro non supera mai i 2-3 mm (somigliando così a dei lunghi capelli in movimento). Come i Nematodi, anche i Nematomorfi sono privi di muscolatura circolare nella parete del corpo e la sola muscolatura longitudinale gli permette dei semplici movimenti di flessione ed ondulazione. Gli adulti sono privi di apparato digerente e non si alimentano, hanno vita breve rispetto le larve e il loro compito principale è quello di riprodursi.

 

Sono animali dioici a fecondazione interna. I maschi sono in genere di dimensioni più piccole delle femmine e si distinguono per la coda che mostra una ramificazione nella zona terminale. Dopo l'accoppiamento, le femmine depongono le uova che, dopo 2-4 settimane, si schiudono liberando le larve.

 

A causa delle loro dimensioni, gli adulti che vivono negli ambienti dulciacquicoli, destinati al rifornimento d'acqua potabile, possono attraversare gli impianti di depurazione e viaggiare fino a raggiungere i rubinetti delle nostre case. La loro presenza non è però segno di inquinamento ed essi non sono pericolosi per la nostra salute. In caso di ingestione il nostro organismo tende a vomitarli e comunque non mostrano adattamenti per una possibile infestazione.

Link to comment
Share on other sites

Guest Poisoner

Amico mio, sei stato semplicemente fantastico. Esauriente a dire poco....e per l'ennesima volta si dimostra l'efficenza di questo forum. Grazie mille, anche da parte di Camillo. ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.