Jump to content

Facoltà veterinaria


Gidol

Recommended Posts

Riguardo ad altri topic da me postati nei quali chiedevo informazioni riguardo alla specializzazione in entomologia...volevo sapere:

Se mi iscrivessi a veterinaria con specializzazione in animali esotici? tratterei anche di insetti o solo di rettili (oltre ai mammiferi esotici ovviamente)

Pensavo che comunque, una volta ottenuta la specializzazione, potrei iscrivermi a corsi di "Potenziamento" specifici per gli insetti, o comunque fare autodidatta... che ne dite?

Vorrei consigli da chi sta come me cercando corsi simili o che già frequenta o ha frequentato e quindi sa più o meno cosa devo fare...

 

Il fatto è che studiare i cosiddetti "Animali Strani" è il mio sogno fin da quando avevo circa 7-8 anni... e ora che ho la possibilità (+ o -) di decidere del mio futuro vorrei poter realizzare questo mio sogno...

 

Chi ha paura dei ragni li vorrebbe uccidere tutti...

Io ho paura dei pappagalli che dovrei fare?

By Aldo [:36]

Link to comment
Share on other sites

Ciao Gidol, vediamo di risolvere qualche dubbio:

- il corso degli studi di veterinaria è articolato in quasi tutte le sedi in quattro anni in cui si acquisiscono nozioni generali e in quinto anno (che a volte si risolve in un solo semestre) in cui puoi scegliere il cosiddetto "modulo professionalizzante". Tra i vari moduli esiste quello sui cosiddetti "animali esotici" che però non è attivo in tutti gli atenei ma solo in quelli in cui più studenti appassionati si uniscono e permettono l'attivazione del corso (in poche parole non attivano il corso per un paio di studenti); so di certo che questo modulo esiste nelle facoltà di Napoli, Bologna e Milano per gli altri Atenei ti devi informare;

- rifacendomi a quanto detto capirai che qualche mese di teoria e pratica sugli "animali esotici" non è sufficiente a dare nozioni neanche su serpenti, iguane etc.. figurarsi sugli insetti (anche solo per il fatto che in quattro anni di studi sentirai parlare quasi esclusivamente di animali da affezione e di quelli ad interesse zootecnico);

- poi un concetto base deve essere chiaro: se vui diventare MEDICO VETERINARIO devi considerare il fine di ciò che ti appresti a fare ovvero CURARE GLI ANIMALI (a meno che non decida di seguire il campo ispettivo ma questo è un discorso a parte) e ciò è un po un'utopia per gli insetti (se vuoi solo studiarli credo che siano altre le facoltà che fanno per te);

- l'unico corso attivo nella facoltà di Medicina Veterinaria in cui avrai a che fare con gli "insetti" è quello di Parassitologia e questo forse sarebbe l'unico sbocco per la tua passione entomologica anche se davvero molto limitato;

- concludendo: se pensi che nel futuro ti voglia dedicare alla cura dei (come li chiami tu) "animali strani" tra i quali oltre ai già citati rettili aggiungerei i volatili, pesci e alcuni mammiferi; allora faresti bene a intrapendere il percorso della Veterinaria seguando anche un modulo professionalizzante totalmente diverso da quello degli "animali esotici" poichè non ha importanza. Una volta laureato dovrai ancora sgobbare dietro a qualche veterinario specializzato e imparare qualcosa che l'università, anche solo per la montagna di nozioni che deve dare, non ti ha potuto garantire. Inoltre effettivamente esistono dei corsi di specializzazione da seguire post-laurea che ovviamente non ti dovrai far scappare.

Invece se il tuo sogno è quello di sudiare la biologia, l'anatomia, la fisiologia, l'etologia e la tassonomia degli "animali esotici" allora cambia strada.

Spero di non averti creato ulteriore confusione[:D]

Ciao, Paolo

Link to comment
Share on other sites

Aldo, c'è anche un altro problema... quand'anche riuscissi ad aprirti uno studio veterinario specializzatissimo in "animali strani", non potresti mandarlo avanti se non estendessi la tua "clientela" ai più tradizionali cani, gatti e pappagalli (che tra l'altro sono i protagonisti della tua firma). La facoltà di Veterinaria dà sicuramente degli sbocchi, molto più concreti che non quella di Scienze Naturali, Ambientali o Biologiche, ma, come ti diceva Paolo, non nella ricerca in campo entomologico. La preparazione di un veterinario, e tutto sommato anche quella di un agronomo, è mirata a conoscere l'anatomia e la fisiologia degli Insetti o degli Acari di turno per prevenire e curare le patologie che causano nei Vertebrati o nelle Piante. Resto dell'idea che il meglio che dall'università tu possa carpire è una cultura di base, che ti fornisca gli strumenti per poi sviluppare una passione che con grandissima probabilità è destinata a rimanere a livello di hobby (a ben vedere tra noi l'unico "ragnologo" professionista è il grande Maestro Vesubia, e, fattelo dire da un altro che si muove in un campo simile, non tira un'aria molto buona per la ricerca pura e seguire le orme del nostro vate non sarà semplice). In conclusione, se pensi di avere la vocazione del veterinario, sappi che è una scelta non facile, il corso di laurea è lungo, impegnativo e solo marginalmente attinente alla tua grande passione, però se riuscirai ad arrivare fino in fondo avrai una tua professionalità ben delineata; se ti piace "studiare" nel senso più puro del termine ti conviene indirizzarti su Scienze Naturali, tenendo però conto che molto, mooolto difficilmente sulla tua strada troverai qualcuno disposto a finanziare i tuoi studi.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.