Vai al contenuto

maria68

Utenti
  • Numero contenuti

    9
  • Iscritto

  • Ultima visita

Previous Fields

  • Nome
    terrazza
  • Provincia
    rm
  • Regione
    lazio

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. @stalibero: grazie, per aver detto la prima cosa che ti è venuta in mente. prima di tutto perché hai voluto aiutarmi (cosa per nulla scontata). secondo, perché se qualcuno non si fosse buttato per primo io sarei rimasta facilmente senza alcuna risposta (non è infrequente che - nell'incertezza sul da farsi e nel timore che gli altri ci guardino - si ometta il soccorso in situazioni anche gravi). last, but not least, perché non solo la tua ipotesi è comunque l'unica che avrebbe potuto avere un senso, la più vicina a spiegare l'accaduto (da quel che mi sembra di capire), ma il fatto che tu l'abbia proposta è servito a condurre alla sua sconferma, e le sconferme sono, scientificamente parlando, gli unici risultati veramente certi. aver ottenuto questa sconferma è importante per me, in un certo senso è il meglio che potessi aspettarmi. anche se, certo, avrei preferito l'happy ending di una spiegazione. P.S. a proposito dei momenti di giramento, so cosa vuol dire, e un po' di ferie te le darei volentieri, ma dubito che basti il pensiero
  2. ragazzi per carità, i forum sono belli perché tutti ci si aiuta ed è un peccato guastarli così. ciascuno ha le sue competenze, più o meno sviluppate, ciascuno ha il suo stile comunicativo, più o meno assertivo, siamo tutti diversi, e anche se a volte ci malsopportiamo (come i ragni ) questa è una ricchezza. per me tutti i vostri contributi sono stati utili, e dico davvero, ma (lo dico anche a me stessa) sgonfiamo i nostri ego, non prendiamoci troppo sul serio, e non prendiamocela per stupidaggini del genere. specialmente poi di fronte al mistero, che nessuno di noi è in grado di risolvere - a proposito, un'altra risposta utile al mio quesito sembra essere la bella frase di Einstein riportata nel profilo di 00xyz00, capitata proprio a cecio... il problema con il mistero è che dopo un po' che sei lì fermo per lo stupore, e non c'è proprio verso che tu riesca a capirci qualcosa, beh, ti comincia a salire una frustrazione mostruoooooooooooosa
  3. @00xyz00: no, non sempre, molte volte ma non sempre. l'unica memoria che ho veramente buona è quella visiva, ho sempre avuto un'ottima vista (anche grazie a una lieve ipermetropia - almeno fino a poco fa, ahimé), e di questo evento in particolare mi è rimasta come la fotografia, netta, precisa, come stampata davanti agli occhi. se li chiudo me la rivedo davanti, para para, identica a se stessa da vent'anni. forse recentemente si è lievemente sbiadita, lo deduco da quell'imprecisione sui fili che ho scritto nel racconto, ma questo è l'unico dubbio che ho (a parte il dubbio sulla natura della cosa, ovviamente). non è un neanche un ricordo d'infanzia, avevo già trent'anni. inoltre ho raccontato questa cosa molte volte, nella speranza di trovare un riscontro, e l'ho fatto sempre nello stesso identico modo, con attenzione e con metodo (sono fin troppo "scientifica", non solo per indole, ma anche per formazione e professione) (e la ripetizione stessa, se fatta con criterio, contribuisce anche lei a fissare il ricordo, e non a distorcerlo). insomma, scusami per l'eccesso di parole ma, in breve, quello che ho visto non può essere assolutamente ben diverso da quello che ricordo, anzi non può essere diverso affatto: il ricordo è ben chiaro; il dato è certo. quello che non è per niente chiaro e per niente certo è solo questo: se si tratti di un dato per così dire di realtà, oppure no. detto questo, grazie mille per il tuo contributo, tra l'altro anche a me la cosa che è sembrata più strana di tutte è stata la sparizione totale di tutto quanto, e per le foto, che sono molto belle, anche se nessuna ovviamente corrisponde alla mia "fotografia". però i ragnetti che ho visto io erano molto molto simili a quelli della Pisaura mirabilis (mirabilis davvero! con quella "faccia" sopra - qualcosa mi dice che deve servire per terrorizzare le prede), almeno come forma. per la dimensione non so, perché non conosco la dimensione di animali e piante in foto, e dunque non ho riferimenti per fare un confronto (né saprei stimare con un minimo di attendibilità la grandezza di quelli che ho visto). i "miei" ragnetti però erano più neri, anzi erano proprio neri-neri (e piuttosto lucidi direi, o almeno così apparivano colpiti dalla luce elettrica). una cosa forse importante che mi sembra di non aver scritto è che i fili erano piuttosto separati, "staccati" tra loro, erano tanti e tutti vicini e paralleli in senso verticale (con qualche connessione in altre direzioni, ma abbastanza secondaria) ma in qualche modo non davano l'idea di una cosa "tessuta insieme", di una vera e propria ragnatela (come noi profani la intendiamo, che sia a forma di ragnatela classica o che sia "a velo" - scusate, ignoro il termine, tipo la Pisaura insomma), era più una "pioggia di fili", non so se mi spiego. aggiungo cose alla rinfusa, non so se rilevanti: il casolare è dei primi del Novecento e suppongo che qualche buco per uscire non sarebbe stato difficile da trovare per dei piccoli ragni; l'armadio era il classico armadio di legno a due ante che si trova nelle case di campagna, quindi sì, dimensione standard; e sì, l'arabesco andava da un lato all'altro, cioè si estendeva per l'intera larghezza dell'armadio (ma lì si fermava, cioè: sui lati non c'era niente); come lunghezza, non arrivava a terra, scendeva parecchio giù ma non fino a terra, diciamo fino circa ai tre quarti dell'armadio (stando seduta sul letto vedevo la fine dell'arabesco ma non dell'armadio); la stanza era normalmente aperta e frequentata, ma quell'armadio non veniva aperto spesso. inoltre: ho chiesto a chi rimaneva di dare un'occhiata anche nei giorni successivi e ho telefonato ogni giorno: niente; nella stanza con me c'era anche il mio cane; le altre persone dormivano al piano di sopra; in giro c'era anche il gatto di casa; la casa non era particolarmente pulita e, all'esterno, abbastanza a ridosso delle mura, c'era una buona quantità di sterpaglie incolte. ah, e in quella casa si sono sempre trovati, di tanto in tanto, piccoli scorpioncini marroncini. scusate il lenzuolo (se mai qualcuno lo leggerà) (se mi viene in mente altro prometto di... non aggiungerlo ) ma ho ancora una flebile speranza che a qualcuno venga in mente qualcosa. se non altro, vi pregherei di dirmi questo: essendo questo il ricordo certo e preciso dell'evento, a voi che ve ne intendete sembra più probabile che si tratti di qualcosa di magari raro ma realmente successo, oppure di un sogno/allucinazione/etc.? grazie ancora in ogni caso a tutti, m.
  4. grazie fede! in effetti non trovo niente neanche con balloning però... e, a quanto mi sembra di capire, di solito questo fenomeno non consiste nel creare un "arabesco" come quello che ho visto io... temo che non avrò mai una risposta certa al mio dubbio sogno/realtà
  5. ho capito il tuo ragionamento, ma ti chiedo: quale elemento in particolare potrei aver esagerato? visto che non ho esagerato le dimensioni o l'aspetto del ragnone, non essendoci alcun ragnone ma solo ragnetti, mi interessa capire che cosa in particolare suona esagerato o improbabile o impossibile a voi "ragnisti". il nome tegenaria non mi è nuovo, devono essere quei bei ragnoni pelosetti che mi trovavo ogni tanto in casa all'inzio quando andai a vivere ai Castelli Romani. nella mia ignoranza li avevo presi per delle tarantole o giù di lì, che tra l'altro non pensavo potessero vivere vicino Roma, e mi ero messa paura, ma ho mandato foto a un amico che mi ha tranquillizzata dicendomi che erano appunto tegenarie. se qualcuno mi desse una mano a trovare qualche foto di una cosa simile gli sarei davvero grata.
  6. porca miseria che roba. e che bello che tu abbia sviluppato curiosità, che tu sia addirittura affascinato dalla "piccola bestiola" che ti ha fatto una cosa del genere. penso che questo proteggerà i tuoi figli da cose ben più pericolose dei ragni. io sono solo di passaggio sul forum ma ti dico lo stesso benvenuto
  7. dai, non puoi negare che lo siano, solo come si muovono, e le cose che costruiscono... a me fanno schifo quelli color latte/beigetto che sono sul trasparente, non so perché ma quelli mi fanno un po' schifo. comunque, per tornare a noi, ho cercato in giro immagini usando varie combinazioni di steatoda/slings/eggsack/dispersione (che però mi sa che in inglese si dice in un altro modo), ma non ho trovato niente del genere, al massimo foto di tanti ragnetti ma non disposti in questo modo particolare. se ti è facile sai dirmi come trovarne? per esempio dispersion in inglese non sembra funzionare, o magari hai proprio qualche indirizzo da darmi, o qualche altra dritta, non so. tra l'altro mi sono ricordata che all'epoca avevo in effetti pensato a dei piccoli, alla schiusa e uscita di ragnetti appena nati. magari se ne rimanevano lì appesi in quel modo strano per imparare a muoversi, respirare, mangiare... prima di partire... ultima cosa: mi piacerebbe capire che cosa intendi per elaborazione del ricordo, cioè, che cosa esattamente di quel che ricordo ti sembra che potrebbe essere stato deformato dall'elaborazione? grazie ancora! m.
  8. mi piace quest'idea, aver assistito a un evento così bello! ed è possibilissimo che una cosa di mezzo centimetro nascosta chissà dove io non l'abbia vista. e se era il momento della dispersione è chiaro che la mattina dopo non c'erano più. più tardi mi cerco qualche video, ora non posso ahimé. grazie mille intanto! per me che non ne so nulla l'unica tua inesattezza è che non sono aracnofobica, anzi per allontanare i ragni chiamamo me, spesso (anche se non sempre) mi piacciono o meglio mi affascinano, e cerco comunque di non ucciderli mai. idem per gli scorpioncini (che vedo nel tuo avatar). sono solo blattofobica
  9. ciao a tutti, sono quasi vent'anni che mi chiedo se quello che che mi è successo una notte sia realmente avvenuto o sia stato una specie di sogno/allucinazione da dormiveglia, o qualcos'altro ancora. forse qualcuno di voi può aiutarmi? dunque: mi trovavo in un paesino in zona Sibillini, e stavo dormendo al piano terra di un vecchio casolare. dormivo male, ero stranamente, inspiegabilmente agitata (mai avuti problemi a dormire). a notte fonda mi sono proprio svegliata, mi sono seduta sul letto e ho acceso la luce per fumarmi una sigaretta e cercare di capire che diavolo avevo. esattamente davanti a me, proprio ai piedi del letto, c'era un armadio di legno, e quello che ho visto è che davanti alle due ante di questo armadio pendeva, scendendo dal "tetto" dell'armadio, un grande reticolo brulicante formato da una miriade di piccolissimi ragnetti neri, che erano appesi a fili messi in verticale ma anche intricati tra loro in altre direzioni. o meglio, nel ricordo confuso forse i fili erano proprio formati da questi piccolissimi ragnetti connessi tra loro a formare appunto come dei fili. non lo so più. comunque sicuramente si muovevano come scorrendo su questi fili in senso verticale. per un po' li ho osservati stupefatta, la cosa era molto inquietante e mi è venuta la pelle d'oca, ma i ragni (contrariamente agli scarafaggi) non mi fanno schifo, e anzi in qualche modo il tutto era persino bello, sembrava come un pannello decorato, non so come dire, un po' tipo un arabesco. insomma, non sapendo bene che fare, alla fine mi sono semplicemente rimessa a dormire, perché mi era rivenuto sonno e loro non sembravano affatto intenzionati ad allontanarsi dall'armadio. la mattina dopo mi sono svegliata e non c'era più niente (come del resto non c'era niente quando ero andata a dormire, peraltro tardissimo come è mia abitudine). mi è sembrato strano, come poteva essere sparita nel nulla tutta quanta quella cosa? mi sono alzata e mi sono messa a ispezionare l'armadio ma non ho trovato niente. ho aperto tutti i mobili, ho osservato bene i muri, le persiane, tutta la stanza insomma, ma non c'era alcuna traccia di niente del genere. ho raccontato la cosa alle persone che andavano in vacanza in quel casolare da anni, ma non hanno saputo che dirmi. io ero e sono sicura di aver visto realmente questa cosa, di averla osservata per tutto il tempo in cui seduta sul letto ho fumato la mia sigaretta. il dubbio mi è venuto solo successivamente, col tempo, e a farmi dubitare sono state soltanto tre cose: 1) il fatto che non ho mai trovato nessuno che avesse avuto un'esperienza simile - ma se sei solo finisci per dubitare anche di esistere...; 2) il fatto che io mi sia rimessa a dormire è un po' strano in realtà, perché va bene che non mi fanno schifo, va bene che stavo morendo di sonno, va bene che non si muovevano da lì, ma era una cosa molto strana e molto grande, e ricordo bene di averla percepita come molto inquietante; 3) il fatto che quella casa è comunque un po' strana. che ne dite? magari in realtà è una cosa banalissima, e in tal caso chiedo fin d'ora perdono! ciao, m.
×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.