Jump to content

Terrario


 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

dopo aver fatto una ricerca sul forum ho notato che la stragrande maggioranza dei terrari che vengono usati per le migali ha misure dell'ordine della trentina di cm di spigolo..

Immagino, visto il comportamento dei ragni locali a cui lascio infestare :D ogni angolo di casa e giardino che sembra loro opportuno, che gli aracnidi siano tendenzialmente stanziali e si spostino poco, ma mi chiedo per quale motivo non si possa lasciar loro piu' spazio a disposizione, che so, un 100x70x40, tanto per darvi un'idea, o anche di piu'..

Sarà che io sono un po' claustrofobica e proietto questa cosa sui miei animali <_< , ma tendo a tenere le mie bestione nel modo piu' vicino possibile alla loro indole naturale (gatto che esce quando vuole e mi porta a casa uccelli decapitati, cane sempre con me e cavalla in branco all'aperto) quindi mi piacerebbe sapere se ci sono motivazioni "scientifiche" per la scelta delle misure dei terrari, nonchè del loro arredamento..

Su temperatura e umidità (sto imparando, eh? :P ) niente da dire, mi sembrano cose ovvie..

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Aumentare gli spazi risulterebbe molto più complicato gestire l'animale, somministrargli il cibo ecc.

Link to comment
Share on other sites

ciao Sara,

 

dei ragni locali non ti posso dire niente, perché non ne só niente :-)

 

nella mia stanza dei ragni ho circa 5 - 8 ragnetti che girano liberi, quelli locali che mi mangiano del cibo che scappa ect.

 

Comunque, i Theraphosidae non occupano tanto spazio.

Le femmine rimangono in regola tutta la vita nella stessa tana, se non vengono cacciati o simile. Cosí anche nel terrario.

 

ciao

 

Z

Edited by Emanuele
Ho corretto la parola theraphosiadi, che non esiste
Link to comment
Share on other sites

non è che non lo possa fare un terrario così grande,ma più che altro sarebbe difficilmente sfruttato per intero dal ragno che come ti ha detto zalix è estremamente stanziale e si muove in un raggio d'azione piuttosto limitato..non sono proprio delle grandi passeggiatrici le migali ecco...ciao

Link to comment
Share on other sites

Oltre al fatto che sono stanziali impazziresti nel monitorare il terrario e vedere se il cibo vivo viene predato o solo rimuovere gli avanzi di quest'ultimo scongiurando la formazione di acari o altri parassiti potenzialmente letali per il ragno.Senza pensare al cambio del substrato, dato che vanno garantiti alemno un 7-8 cm ti ci vorrebbe un caterpillar ogni volta.Per un terrario un più grandicello delle dimensioni standard ci vogliono di conseguenza delle speci più grosse ma che di certo non sono adatte ai neofiti...primo fra tutti mi viene in mente il genere Teraphosa :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Rieccomi,

un terrario ridotto ha dunque una gestione pratica piu' semplice..

Io a dire il vero credevo che il ragno si muovesse di piu', nel senso che magari dovesse in qualche modo controllare il territorio e che il territorio appunto fosse uno spazio piu' vasto..

Se pero' sono piu' i problemi che i vantaggi e se come dite voi le migali sono "da tana" e per loro indole non si spostano troppo, credo che mi adattero' alle misure standard..

Qualcosa sulle cadute in effetti l'avevo trovata, ma si fanno davvero cosi' male se cadono?

Riciao!

Link to comment
Share on other sites

dipende dal caso, potrebbe urtare con l' opistosoma (pancia) su qualche punto sporgente e forarselo, con conseguente perdita di emolinfa (sangue) difficilemente tamponabile, che poterebbe alla morte entro pochi minuti della migale; potrebbe anche fratturarsi un arto...

Link to comment
Share on other sites

Sara,

 

devi immaginare la vita di un Theraphoside terricolo classico in natura, esso fin da appena nato cerca un rifugio o tana che poi durante tutto l'arco della vita tenderà a non abbandonare, lo ingrandirà crescendo, lo modificherà etc.etc.

Il territorio di un ragno di questo tipo è essenzialmente la tana e un piccolo spazio esterno intorno all'ingresso.

Lo spazio esterno non è poi così grande come pensi, se è vero che si possono osservare in natura entrate di tane molto ravvicinate fra loro, essendo questi ragni territoriali e aggressivi verso i consimili si può dedurre da ciò che il loro territorio personale sia molto piccolo.

A volte succede che la tana venga abbandonata, in particolare i maschi una volta adulti abbandonano lo stile di vita stanziale, ma anche un femmina adulta per tutta una serie di motivi può abbandonare la propria tana, volontariamente o non.

La sua vita sarà molto breve se non trova presto un nuovo rifugio in cui nascondersi in quanto, pur essendo creature predatrici, c'è sempre qualche animale pronto a farne un boccone.

 

Così il terrario diventa una sorta di tana con spazio esterno intorno alla tana, che così diventa il territorio del ragno.

Un ragno ben stabulato nel suo terrario riconosce a perfezione ogni singola parte di esso come suo territorio, così se esce un momento dalla tana sa subito e velocemente tornare indietro in caso di disturbo, oppure getta gli avanzi di cibo sempre nello stesso posto etc.etc.

Nessuno ti vieta di creare un terrario sovradimensionato, ma una tale soluzione non andrebbe a vantaggio del ragno e anzi ti porterebbe tutta una serie di inconvenienti (costo del terrario, problemi a gestire le prede, problemi a pulire...), alla fine non ne vale la pena.

Per i ragni arboricoli il discorso è fondamentalmente simile.

 

Ste

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.