Jump to content

Recommended Posts

Ciao a tutti,

 

Il mistero della nostra esistenza è da ricercare negli elementi vicino a noi e non lontano da noi.

 

Sono un appassionato di Fotografia e vorrei chiedervi alcune indicazioni:

 

La macrofotografia di animali come i ragni è qualcosa di straordinario,

 

ad una distanza di 2 metri circa riesco a fotografare un ragnetto di 4 mm.

Unico inconveniente e che non conosco i miei soggetti. Posso usare questo forum per richiedere informazioni? Quale informazioni devo dare per potervi a mia volta essere di aiuto?

 

In alcuni casi sono riuscito con molta pazienza a fotografare alcuni esemplari un po' pigri, ma come posso rallentare quelli in movimento? Il freddo potrebbe indurli a fermarsi?

 

Oltre ai ragni mi sono imbattuto in piccoli scorpioni, 6/7 cm, posso richiedervi notizie anche su di loro?

 

In allegato provo ad inserire una foto di un ragno sbucato dal nulla in bagno. Lungo 9/10mm (solo il corpo). le zampe più lunghe sono di 15/20 mm, non ho individuato la ragnatela, purtroppo era già in queste considizioni.

 

- - - ( non riesco ad allegare la foto ) - - -

 

Grazie e buon osservazione a tutti.

 

Francesco

Link to comment
Share on other sites

In alcuni casi sono riuscito con molta pazienza a fotografare alcuni esemplari un po' pigri, ma come posso rallentare quelli in movimento? Il freddo potrebbe indurli a fermarsi?

 

Lascia stare il discorso freddo, non credo che il soggetto dela tua foto sarebbe felice di sapere che magari lo stai "refrigerando" per immortalarlo degnamente su una foto. ;)

 

Il consiglio è uno solo: tanta, tanta, tantissima pazienza durante l'appostamento fotografico... :)

Link to comment
Share on other sites

In allegato provo ad inserire una foto di un ragno sbucato dal nulla in bagno. Lungo 9/10mm (solo il corpo). le zampe più lunghe sono di 15/20 mm, non ho individuato la ragnatela, purtroppo era già in queste considizioni.

 

- - - ( non riesco ad allegare la foto ) - - -

 

Vai su http://www.imageshack.us/, uppi la foto, poi copi il Direct Link all'immagine (è uno degli ultimi), e lo incolli nella schermata che si crea una volta cliccata l'icona "inserisci immagine", dopodiché dovrebbe essere tutto apposto. :)

 

Si magari portati una bomboletta di azoto liquido da spruzzare all'occorrenza così sei sicuro che non si muove più.

Poveri aracnidi XD

 

E' inutile che gliela meniamo ancora sulla faccenda freddo (credo l'avesse capito dopo il mio primo intervento), cerchiamo di non creare subito polemiche con i nuovi arrivati, che, in quanto nuovi, almeno una possibilità di dire una cantonata ce l'hanno... No? ;)

Link to comment
Share on other sites

assolutamente sì... però la storia del freddo era veramente spassosa!!! ;) :) Benvenuto! e certo, per quanto riguarda i ragni puoi postare le foto come ti ha detto the reaper, c'è una sezione apposita per i ragni locali, per gli scorpioni stesso discorso anche loro hanno una sezione dedicata... spero di esserti stata d'aiuto! :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Va che in realtà l'idea del freddo non è stupida...

Io la uso per "calmare" alcune prede un po' troppo vivaci (come alcuni moscerini del genere Nasonia...), per poterle "maneggiare" e distribuire nei miei mini terrari dei piccini... Basta prenderli e metterli in frigo per qualche minuto, dopo poco si riprendono...

 

Chiaro che se si vuole immortalare l'animale in atteggiamento naturale, l'idea di metterli in frigo è chiaramente da scartare... ma per immortalare alcuni particolari anatomici magari nascosti non è poi tanto stupida, come idea... Ovviamente, metodo da usare con "coscienza", per un fine "nobile", magari evitando di refrigerare femmine gravide e con piccoli, con un po' di buonsenso si può fare ;) ...

Link to comment
Share on other sites

E' capitato anche a me un paio di volte di maneggiare migali "raffreddate" per poter eseguire piccole operazioni impossibili da fare in condizioni normali (per esempio invasellinare per bene una piccola ferita).

Ovvio che - sul campo - è cosa impossibile. L'unica via - quella che io stesso perseguo - è una pazienza infinita...

 

...avete presente, siete li sdraiati da quaranta minuti per fotografare un Tomiside che si appresta a pigliare una Sirfide appoggiata in punta ad una foglia... dai dai, l'istante è congelato... ed ecco che ti passa dietro lanciato (e urlante) un tizio con la mountain bike... ;) Non fai tempo a spostare la pupilla dal mirino e zip, stai inquadrando il vuoto... Allora guardi il cielo, esclami Eloi, Eloi, Lama Sabachthani, rimpacchetti tutta l'attrezzatura e ti muovi con fare calmo, possibilmente smettendo di pensare (il prima possibile) a questo aggeggino: http://www.clcweb.net/Shooting/AR15/ar15.html.

 

L'idea è quella. Facciamocene una ragione. Tempra il carattere...

Link to comment
Share on other sites

Come te sono un appasionato di fotografia e mi sono iscritto a questo forum per approfondire le mie conoscenze relativamente agli aracnidi, che trovo molto fotogenici. Per fotografarli però non ricorrerei mai a metodi che in qualche modo possano non dico danneggiarli ma anche solo disturbarli... Prima cosa rispetto totale per i soggetti da fotografare, poi, se ci si riesce, si procede al "click"... :)

 

Con un po' di pazienza vedrai che si ottengono ottimi risultati anche senza ragni surgelati stile quattro-salti-in-padella! ;) :) :)

Link to comment
Share on other sites

Beh....

 

L'idea del freddo non era certo quella di un cannonata di azoto liquido o di infilarli in un congelatore.....

 

....non sono così crudele.

 

Sono appassionato di fotografia e leggendo internet ho letto anche di questo metodo, che molte volte in alcune specie a sangue freddo, la temperatura non proprio ideale li limita nei movimenti. Ma il tutto è naurale.

 

Ringrazio quelli che hanno dato un consiglio serio su come procedere. L'autocontrollo e la pazienza non sono qualità che vengono utilizzate solo per ragni. Stesso procedimento in appostamenti da campo per animali ben più grossi.

 

Per MatteoG, sapessi le volte che dopo ore di appostamento arriva il solito tizio con la radiolina che deve sentire la sua benedetta partita.... (La pietra di Bismantova - una famiglia di scoiattoli, 4 ore di osservazione, 10minuti di rabbia)

La pazienza non manca....sono quegli oggettini che invece vorresti avere....

 

grazie a tutti e alla prossima.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.