Jump to content

Riconoscimento insetto


Guest egoist48
 Share

Recommended Posts

Guest egoist48

Vivo da circa un anno in una casa vecchia (quasi antica) sul Carso, a pochi chilometri da Trieste. La casa si sviluppa su tre piani con solai di legno e numerose travi a vista. Alla fine di settembre dell'anno scorso la casa è stata invasa da centinaia di insetti (circa un millimetro e mezzo, marroni, corrispondenti come caratteristiche a larve di zecche) che hanno iniziato a scalare i muri di quasi tutte le stanze. Il "disinfestatore", subito chiamato, mi ha riempito la casa di veleno, spruzzandolo, diluito con acqua, su tutti gli angoli e pertugi possibili (per la verità molto numerosi). E' stata una strage, ma gli animaletti continuano a comparire a distanza di un anno, soprattutto quando fa caldo. Li trovo morti in più punti della casa. Finora ne ho "aspirati" alcune centinaia, dopo la prima strage che ha riguardato penso da 500 a 1000 individui. Inutile dirvi che non vivo bene questa situazione. Qualcuno mi può aiutare a stabilere cosa sono? Qualcuno mi può aiutare a farli fuori?

Se sono zecche possono essere tutti della stessa "nidiata"?

Sarei molto contento di ricevere un aiuto.

Saluti

Link to comment
Share on other sites

Così, a naso, non si tratta di zecche, e non è nulla di particolarmente preoccupante...

Per aver già visto altri fenomeni del genere in ambienti simili, direi che si tratta di una pullulazione di Gibbium psilloides, coleottero Ptinidae... cosa non rara in case vecchie con abbondanza di strutture in legno...

 

Prova a guardare se assomiglia a questo (se sai il francese c'è anche una descrizione)

Gibbium

 

Non si tratta di animali pericolosi, al di là del fastidio causato dalla loro presenza...

Si nutrono di sostanza vegetale fresca o secca... eliminare le possibili fonti di cibo può ridurre notevolmente la loro presenza...

Altrimenti un trattamento insetticida con un prodotto a bassa tossicità e buona persistenza... ammesso che ne valga la pena... tieni presente che si tratta spesso di fenomeni transitori ,legati appunto alla disponibilità di cibo...

 

Se invece le tue bestioline non assomigliano neanche un po' a quella del link... beh...una foto aiuterebbe...

 

Ciao

Franco

Link to comment
Share on other sites

Guest egoist48
Così, a naso, non si tratta di zecche, e non è nulla di particolarmente preoccupante...

Per aver già visto altri fenomeni del genere in ambienti simili, direi che si tratta di una pullulazione di Gibbium psilloides, coleottero Ptinidae... cosa non rara in case vecchie con abbondanza di strutture in legno...

 

Prova a guardare se assomiglia a questo (se sai il francese c'è anche una descrizione)

Gibbium

 

Non si tratta di animali pericolosi, al di là del fastidio causato dalla loro presenza...

Si nutrono di sostanza vegetale fresca o secca... eliminare le possibili fonti di cibo può ridurre notevolmente la loro presenza...

Altrimenti un trattamento insetticida con un prodotto a bassa tossicità e buona persistenza... ammesso che ne valga la pena... tieni presente che si tratta spesso di fenomeni transitori ,legati appunto alla disponibilità di cibo...

 

Se invece le tue bestioline non assomigliano neanche un po' a quella del link... beh...una foto aiuterebbe...

 

Ciao

Franco

Link to comment
Share on other sites

Guest egoist48

Carissimo Franco,

devo aver fatto un po' di confusione con la risposta. Abbi pazienza.

Sento il bisogno di ringraziarti subito (sono al lavoro) e di farti i miei sinceri complimenti. Sono proprio esemplari di Gibbium. Ne sono sicuro al novantanove per cento (comunque stasera controllo).

Hai azzeccato la soluzione con i pochi elementi che ti ho dato! Bravissimo.

Sono molto contento e sollevato. Sapere che convivo con dei coleotteri mi piace enormemente di più rispetto alle ipotesi preoccupanti che mi hanno accompagnato per mesi e mesi. Questo episodio mi dimostra ancora una volta il grandissimo valore di Internet, quando viene usata con intelligenza, come nel caso del sito di Aracnofilia.

Grazie ancora dell'aiuto. Mi rifarò vivo presto

Egisto

Link to comment
Share on other sites

Mi fa piacere (per entrambi) di aver correttamente interpretato...

...per te perchè non si tratta di un problema antipatico, per me perchè ci ho fatto una bella figura... :rolleyes: :ph34r:

 

 

Se proprio ti senti così grato e hai voglia di prenderti il disturbo, me ne interesserebbe qualche esemplare da fotografare e mettere in allevamento...

Dici che si può fare?

 

Lieto comunque di esserti stato utile

 

Ciao

Franco

 

PS: Per informazioni su questo genere di problemi, prova a fare un salto anche qui:

 

PESTFORUM

 

La scheda del Gibbium ancora non c'è... mi piacerebbe provvedere presto... :unsure:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.