Jump to content

Strana larva


Guest carletto
 Share

Recommended Posts

Guest carletto

Nel compost ho trovato delle strane larve che non so di che insetto siano...sono simili a un bigattino (larva della mosca carnaria),bianche ed lunghe circa un centimetro ma con una specie di "coda" lunga circa come il corpo. Stando nel compost erano molto nauseabonde (MOLTO MOLTO) forse per questo le trote non le hanno molto apprezzate!

Chi mi può dire che insetto diventano?

Link to comment
Share on other sites

Guest Pandinus

scusa ma cosa intendi per compost? io avevo trovato delle robe simili in acqua ma non mi ricordo più che cosa siano....forse delle specie di zanzare comunque quelle che intendo io stavano soprattutto nell'acqua sporca :sick: e la coda serve per respirare ciao

Link to comment
Share on other sites

Guest Pandinus

Ho fatto una ricerca sul Bug's mania ed ho trovato che la larva (per lo meno quella che intendo io) è un eristalide, un dittero sirfide. La lunga coda serve appunto a procurarsi ossigeno in superficie poiche vive spesso in acque inquinate e prive di questo gas! ciao Jacopo

 

P.S. per i lettori che sono in possesso del bug's mania e gli interessa l'argomento, volevo segnalare che si trova nel fascicolo 52 (l'ultimo).

Link to comment
Share on other sites

Gli Eristalis (oh...vado a memoria, eh?) sono Ditteri Brachiceri appartenenti alla famiglia dei Sirphidae.

Gli adulti, glicifagi. presentano una colorazione aposematica nera ed arancione che li fa assomigliare notevolmente a Imenotteri Apoidei. Questa somiglianza fu per secoli una delle colonne portanti a sostegno della teoria della "generazione spontanea" in base alla quale, tra l'altro, si riteneva che gli sciami di api si generassero dalle carogne in decomposizione.

Le "api" erano in realtà Ditteri Eristalidi (di solito Eristalis tenax, se non erro), le cui larve, caratterizzate appunto dalla presenza di un lungo sifone respiratorio, si nutrono nella fattispecie di sostanza organica in decomposizione. Lo scopo del sifone è ovviamente quello di permettere l'approvvigionamento di ossigeno pur restando in immersione nel liquame organico. Lo sfarfallamento massiccio di individui adulti era confuso con una sciamatura...

Poi, per fortuna, arrivò Francesco Redi a chiarire le idee...

 

Al fine di prevenire le inevitabili domande al riguardo (vi conosco... ;) ), premetto subito che, per evidenti motivi connessi al substrato alimentare, ne sconsiglio vivamente l'allevamento domestico... <_<

 

PS per la pesca alla trota, meglio usare gli adulti pescando "a battere" o, se proprio preferisci le larve, passa a quelle di Tipulidae.. :P

Link to comment
Share on other sites

Intervento bellissimo, Franco. ;)

La teoria della generazione spontanea era veramente assurda. Si pensava che i "vermi" (cioè le larve di ditteri) nascessero spontaneamente dalle sostanze in decomposizione senza bisogno che gli adulti vi deponessero le uova...

Dopo che Francesco Redi fece un po' di chiarezza, fu il medico Louis Pasteur a dimostrare che in ambiente anaerobico non era possibile lo sviluppo di batteri.

 

 

Bugs-Mania le chiama "larve a coda di topo" ... <_<

Link to comment
Share on other sites

ambiente anaerobico non era possibile lo sviluppo di batteri.

 

<_<

 

Sicuro?

 

e gli anaerobi?

Riformula meglio...sarai più fortunato... ;)

Link to comment
Share on other sites

Ora sono un po' stanco... Mi sarò sicuramente sbagliato... Domattina controllo la dispensa di Genetica generale e faccio l'errata corrige... <_<

Tu che hai studiato queste cose decine di anni fa, te le ricordi meglio di me che le ho fatte non più di dieci giorni fa... :giveup:

Link to comment
Share on other sites

Per salvare la faccia sono andato subito a controllare...

 

Avevo omesso un particolare fondamentale... I recipienti venivano fatti bollire a lungo. Ed era stato Lazzaro Spallanzani a fare l'esperimento. Pasteur invece aveva dimostrato, grazie ai palloncini a collo di cigno, che la putrefazione di materia organica avveniva solo se veniva consentito ai microbi di entrare...

 

Pardon.

Link to comment
Share on other sites

Ferpetto... <_<

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.