Jump to content

Umidità


Guest mbrosca
 Share

Recommended Posts

Guest mbrosca

So che sto inondando il forum di messaggi, ma penso che infondo è fatto per questo.

Ho visto come luca88 costruisce le incubatrici, dove per mantenere l'umidità inserisce un bicchiere con del contone bagnato.

Vorrei sapere se lo stesso metodo consentirebbe una giusta umidità anche nel terrario, io ho paura di nebulizzare un pò troppo, in quanto c'è sempre un sacco di condenza.

Ciao e grazie ancora per l'attenzione!

Link to comment
Share on other sites

Ciao!

Vai tranquillo, il forum serve soprattutto per questo, quindi non preoccuparti di inondarlo di messaggi (a meno che non siano di SPAM)! ;)

Per quanto riguarda il mitico sistema di incubazione adottato da Luca88, non saprei se ti conviene usarlo per umidificare il terrario.. considera che quel progetto è stato studiato per umidificare una scatola totalmente chiusa, mentre il terrario per fasmidi, solitamente deve essere ben ventilato. Avresti quindi, una dispersione di umidità troppo rapida, secondo me, con quel sistema.

 

Io ti suggerisco un altro sistema, che sto tutt'ora adottando per i miei Extatosoma tiaratum: ho immerso un riscaldatore per acquario (quello costituito da un tubo di vetro, col filamento riscaldante all'interno) in un barattolo pieno d'acqua, ho regolato il termostato al minimo ed ho coperto il barattolo con una garza (per evitare annegamenti accidentali).

Con questo sistema, oltre a riscaldare un po' il terrario, si ottiene un'ottima e costante umidificazione dell'aria, grazie all'evaporazione dell'acqua causata dal riscaldatore stesso.

Spero di esserti stato di aiuto.

Alessio

Edited by Sparkino80
Link to comment
Share on other sites

Bravo Alessio!

Vorrei dare un consiglio su questo tema. Quando allevate una specie cercate di risalire al paese e all'ambiente in cui vive (spesso però queste informazioni non sono facili da ottenere). Quando sapete l'ambiente frequentato da un genere o meglio da una specie potete cercare di adeguare le condizioni di allevamento.

Per esempio chi vuole allevare i Bacillus della nostra regione mediterranea deve tenere in mente che vivono in ambienti soggetti a lunghi periodi di aridità, e per loro può essere molto nocivo vivere in un terrario chiuso e troppo umido, preferiscono un ambiente "secco", ventilato. Al contrario, per esempio una minuta specie che stò allevando adesso che si chiama Hoploclonia cuspidata si trova nelle foreste pluviali del Borneo e vive nelle vegetazione bassa, che cresce al livello del suolo, in un ambiente molto umido dove non si muove una foglia. Questa specie la tengo in una scatola di plastica trasparente che comunica con l'esterno solo attraverso qualche piccolo foro. Dentro si forma un ambiente praticamente saturo di umidità.

Altri Fasmatodei delle foreste tropicali vivono invece nella volta della foresta, sugli alberi, come per esempio i Phyllium e molte altre specie alate, in ambienti luminosi e ben ventilati. Chi alleva i Phyllium avrà notato come oscillano ad ogni minimo movimento d'aria e iniziano a nutrirsi, senza questo stimolo si nutrono meno frequentemente e fanno più fatica a crescere.

Saluti,

Marco

Link to comment
Share on other sites

Eurycantha calcarata non sembra risentire particolarmente dell'umidità dell'aria, poichè trascorre le giornate nascosto sotto una foglia (da neanide di prima-terza età) o sotto ripari di natura varia sul terreno (dopo la terza-quarta).

In entrambi i casi si tratta di microambienti ad umidità più elevata rispetto all'ambiente circostante, per motivi diversi.

Durante la notte escono dai ribari e si cibano...

Ho notato però che sembrano gradire in misura notevole una "pioggia" serale-notturna di una ventina di secondi (che ha oltretutto lo scopo di mantenere umido il substrato del fondo).

Nel caso non siano ancora attivi, la nebulizzazione ha un effetto del tipo "si aprono le bare e si levano i defunti...": gli Eurycantha si svegliano di botto e si arrampicano sulle pareti e sui rovi per bere da qualche goccia d'acqua e quindi iniziano a nutrirsi voracemente...

Se la pioggia tarda, gli insetti escono comunque allo scoperto per nutrirsi, ma lo fanno in modo più tranquillo, uno-due alla volta...

 

Anche Medauroidea entra in agitazione se nebulizzato ed ama molto bere dalle gocce sospese alle foglie (o a un dito... :D )

 

Extatosoma mostra di gradire le nebulizzazioni, ma non ho notato differenze sostanziali di comportamento o variazioni del suo formidabile appetito...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.