Jump to content

Pritha nana


Recommended Posts

Ho trovato 5 esemplari (adulti? Il più grande è 4mm) di Pritha nana: potevo non catturarli per tentare di riprodurli? Dovrebbero essere tutti delle femmine adulte, magari in primavera troverò dei maschi. Vi tengo aggiornati, scatterò qualche foto di questa mini-filistata.

Più nerd di così... :lol:

Link to comment
Share on other sites

La Pritha nana nelle foto è morta, ho avuto la pessima idea di metterne 2 nello stesso barattolo (contenitore di 10cm di lato, i ragni in questione non misurano più di 3-4mm): nonostante l'ampiezza del terrario e la grande quantità di rifugi a disposizione i 2 esemplari si sono azzuffati e il ragno in foto dopo aver perso 2 zampe ed essere stato morso più volte è morto (sebbene sia tempestivamente intervenuto appena ho notato lo "scontro").

 

Non sapevo fossero così aggressive e poco tolleranti (tenendo anche conto del fatto che ne avevo trovate 5 a poco distanza tra loro), se vi capita di tenerle non mettetele insieme. Anche il fatto che non siano immuni al loro veleno mi lascia perplesso e addolorato... :lol:

 

Gli altri quattro esemplari li ho isolati in piccole scatole di 4cm di lato con dei sassolini porosi simil-tufo: dopo aver tessuto pochissimo sono riusciti con una "proto-tela" (tela quasi invisibile ma efficace come se non più quella di Filistata insidiatrix) a bloccare delle drosofile più grandi di loro di cui ancora adesso si stanno nutrendo.

Link to comment
Share on other sites

mettere due ragni in un terrario grande non è come tenerli nello spazio che occupano in natura. In un terrario, entrambi "esplorano" il nuovo ambiente e l'incontro è inevitabile. Sottovalutate l'aggressività intraspecifica della maggior parte delle specie, che è veramente notevole. Riguardo all'immunità al veleno, in realtà non è necessario non averla, per riportare danni mortali da uno scontro...spesso basta avere una lesione da chelicero sufficientemente profonda ed il ragno muore per "dissanguamento" da perdita di emolinfa. La stessa perdita traumatica di una o più zampe può portare rapidamente a morte l'animale. L'immunità intraspecifica al veleno non è poi così diffusa...molti venom (serpenti ad es..) non lo sono affatto (ciò avviene per molte famiglie di viperidi e di elapidi..).

Link to comment
Share on other sites

Ho preso questi due lavori:

 

Brignoli, P. M. (1982). Contribution à la connaissance des Filistatidae paléarctiques (Araneae). Revue arachnol. 4: 65-75.

 

Ledoux, J.-C. Redescription de Pritha nana (Simon) (Araneae, Filistatidae). Revue Arachnol. 1: 65-74.

 

 

Ne ho fatto una copia anche per Piergy, ovviamente. Qualche bella illustrazione c'è, ma riguarda soprattutto particolari microscopici. Se qualcuno è particolarmente interessato, posso scannerizzarla.

 

P.S. Il "piv" faccia un fischio e il materiale gli sarà spedito! ;)

P.P.S. L'esemplare che ha avuto la peggio nell' "alterco intraspecifico" è per caso in alcool?

Link to comment
Share on other sites

aih aih ;) , come la mettiamo con l'aggiornamento della check-list della fauna italiana se non abbiamo un dato "certo" (ovvero studio dei genitali) su cui basarsi? ;)

 

tongi

Link to comment
Share on other sites

Ho trovato anche un esemplare giovane che non supera i 2mm, se sono come le Filistata (in cui gran parte degli slings è di sesso maschile, esperienza personale) è probabile che sia un maschio e quando sarà adulto tenterò e documenterò l'accoppiamento (con le solite foto low-fi :().

 

Se muore qualche esemplare (cosa comunque improbabile visto che mi sembrano moooolto longeve) mi ricorderò bene di improvettarlo.

 

Tutti gli esemplari di Pritha che ho trovato, compreso l'esemplare giovane, hanno un "triangolo" scuro dietro agli occhi, li ho guardati bene con una lente... Ilic e migdan in chat mi hanno detto che non dovrebbero averlo :lol:

 

P.S. Dan puoi spedire il materiale quando vuoi (però avvisami prima)... ricordati le provette vuote! ;)

Link to comment
Share on other sites

  • 6 months later...

:P :D :)

 

Dalla serie "nerd per sempre"... Ho fatto accoppiare due esemplari di Pritha nana.

Mi ha colpito il fatto che l'accoppiamento si sia svolto a più riprese con il maschio che si è unito e disgiunto dalla femmina numerose volte; è durato una ventina di minuti e tutto è filato liscio (anche perchè la femmina era bella sazia, aveva divorato ieri un Tisanuro).

 

Ecco qualche foto, il maschio è ovviamente l'esemplare magro con il pattern bianco.

 

Accoppiamento_Pritha_nana.jpg

 

Accoppiamento_Pritha_nana_2.jpg

 

Accoppiamento_Pritha_nana_4.jpg

 

Accoppiamento_Pritha_nana_3.jpg

 

Sono curioso di vedere gli slings! :)

Link to comment
Share on other sites

grande reportage ... un scena per me assolutamnete inedita ... anche perchè pensavo che l'accoppiamento avvenisse nei cunicoli nascosti della tana ... quindi impossibile da fotografare ... bravo PiErGy ...CIAO

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.