Jump to content

Lycosa tarentula


Recommended Posts

Di ritorno dalla bella Pisa (Tenuta di San Rossore, parco naturale), complici il Prof.Tongiorgi che ha segnalato lo spot e il Franci che già aveva fatto un'escursione in loco, abbiamo (Lidia, Migdan, Matteus, Ema Biggi, Franci e il sottoscritto) potuto ammirare - e fotografare- uno dei ragni più affascinanti d'Italia... Lycosa tarentula.

 

Vi lascio un paio di foto che ho fatto con la solita CP4500 +SL1

(in attesa di quelle - superpro- di Tomasinelli, Biggi):

 

Lycosa_t_01.jpg

 

Lycosa_t_02.jpg

 

E qui abbiamo il fantastico biotopo e una tana con la tipica corona all'imboccatura.

 

Lycosa_t_03tana.jpg

 

Lycosa_t_04spot.jpg

Link to comment
Share on other sites

E' stata una delle più belle mezz'ore di collecting (ahimé, avevo il treno alle 18.58) della mia vita. Avrei pianto, quando me ne sono andato vedendo che gli altri continuavano a "grufolare" nei buchi... :lol:

Link to comment
Share on other sites

grazie Matteo, è quello che ci voleva! ... oltre alle foto del ragno ora sappiamo tutti un pò meglio cosa cercare riguardo alle tane (corona fatta in questo caso con aghi di pino a quando sembra) e i luoghi in cui è possibile ritrovarla più facilmente ... grazie ancora ...CIAO

 

P.S: ma il ragno era uscito fuori di giorno (al tramonto)? ... perchè di solito ha abitudini notturne o forse solo perchè ha i piccoli in groppa ... in questo periodo cambia abitudini?

Link to comment
Share on other sites

ancora una cosa Matteo ... nella seconda foto ... sotto i fili d'erba secca sembrerebbe sabbia più che terra ... confermi ... quindi gradiscono un luogo dove è più facile scavare ... giusto?

Link to comment
Share on other sites

Esattamente! Ottima - e come sempre giusta- annotazione Roccolucio. La terra era infatti molto sabbiosa (siamo a circa 2km dal mare, mi pare). Il terreno è morbido e i ragni riescono a scavare agevolmente. Abbiamo visto tane scendere diritte per più di 40 cm!

Link to comment
Share on other sites

ok ... grazie ... scusa se insisto ma l'argomento mi interessa tantisismo visto che per tutta l'estate ho cercato invano di trovare questo ragno in provincia di Taranto da cui deriva il nome tarentula se non erro (giusto?).

Se il buco era profondo 40cm ... all'esterno doveva trovarsi in un angolo un bel cumuletto di sabbia non compatta ... diciamo un mezzo secchiello da spiaggia ... c'era? ... oppure il vento e la pioggia lo spazzano via dopo qualche giorno dallo scavo?

Link to comment
Share on other sites

Nessun cumulo di sabbia, ma se cerchi questo ragno l'unico problema è identificare il luogo corretto: le tane hanno densità molto fitta (distano anche meno di mezzo metro una dall'altra) e sono evidentissime. Stanare il ragno non è semplicissimo, io per esempio non ci sono riuscito (a differenza di Ema e Matteo). Da notare che l'esemplare con i piccoli ha una taglia decisamente modesta, non più di 20mm di corpo. In più località in questi ultimi anni ho visto individui di Hogna radiata (che il prof. Tongiorgi riferisce presenti nella stessa area di L. tarentula a San Rossore) considerevolmente più grandi: la taglia non è affatto un buon indizio per discriminare i due generi.

Link to comment
Share on other sites

individui di Hogna radiata (che il prof. Tongiorgi riferisce presenti nella stessa area di L. tarentula a San Rossore)

 

Dopo la partenza di Daniele, i quattro rimasti (Teo, Ema, Matteus e la sottoscritta) hanno visto un bell'esemplare di Hogna, situata però in un altro punto della tenuta di San Rossore, più precisamente in un luogo più umido e piantumato, accanto a radici vecchie e con presenza di corteccia.

 

Ho imparato a riconoscere le tane di Lycosa tarentula e i rispettivi inquilini. Il terreno è morbido e cedevole, raro verde e non piantumato. Nell'ultima foto postata da Matteo, le tane erano in quella vasta area aperta e marrone delimitata dai pini.

Link to comment
Share on other sites

Complimeti Teo!

Bellissime foto, e bellisimo esemplare!

Quasi quasi ti invidio..... :lol:

PS: la prossima volta che capitit in Toscana, fatti sentire!

Link to comment
Share on other sites

Un'altra annotazione a proposito delle tane (utile per chi, come Roccolucio, si appresta a collectare): non tutte avevano all'imboccatura la coroncina intrecciata. Alcune si presentavano come semplici buchi nel terreno, con poca terra molto friabile attorno, non particolarmente mimetizzati, il cui diametro era per lo più di 2,5-3 cm (se ho sbagliato la misura, per favore correggetela). In alcuni buchi, con la luce e l'inclinazione giuste, se il ragno non era in fondo alla sua tana, si potevano vedere due occhi splendere. Gli animali non sono stati disturbati più di tanto. Le tane non sono state scaravoltate e chi non voleva mostrarsi è stato lasciato in pace. Introducendo il filo d'erba, si sentiva "tirare".

Almeno in un caso, da una stessa tana sono usciti un paio di sling non appartenenti all'ultima schiusa (ancora sulla mamma, come da foto di Teo). Questa cosa mi ha interessato moltissimo.

Link to comment
Share on other sites

Fotografie stupende, collecting riuscito, posto magnifico: voto 9 all' uscita!

 

Stupenda la foto della tana, anche la mia Hogna me ne ha scavata una simile nella teca, spero di avere presto delle foto da postare.

 

Ciao a tutti, nuovamente in circolazione, gato.

 

PS: per il 10 dovevate trovare una tarentula di 4 cm di bl..hehe.. :lol:

 

PPS: ma le schede dove sono finite? non ci sono più? snif..

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.