Jump to content

Drassodes lapidosus... richiesta info


Guest marko74
 Share

Recommended Posts

Guest marko74

Salve a tutti

mi scuso per non avere più frequentato questo bellissimo forum da diversi mesi ma ho avuto problemi con il PC. Scusate anche per l'altro messaggio ma nn mi ricordavo + nulla e sono andato a tentativi x ricordarmi la password.

 

 

Volevo sapere se qualcuno di voi ha già catturato e allevato esemplari del genere Drassodes. Con molta probabilità quello che ho catturato io ieri nel bagno di casa mia é proprio una Drassodes lapidosus (Jones pg 72), femmina di circa 22mm LS (corpo 12mm). E' un ragno molto vivace e, soprattutto, vorace. In 24 ore si é pappato ben 2 mosconi di grosse dimensioni attaccandoli con una violenza inaudita.

 

Inoltre vorrei qualche informazione sul tipo di terrario che dovrei allestire e se possibile notizie sul morso (se ce ne sono) visto che ha dei cheliceri niente male.

 

Vi ringrazio per le eventuali risposte ai miei quesiti e auguro a tutti uno splendido week end!

 

Saluti

Marko[:D]

Link to comment
Share on other sites

Sto allevando anch'io un esemplare immaturo di Drassodes sp. (il genere è riconoscibile dalla forma delle filiere, abbastanza tipica), e devo dire che soddisfa molto anche me. Lo tengo in un faunabox con un po' di terriccio e vari legnetti, ha tessuto un po' dovunque e attacca voracemente tutto quello che gli do. Riguardo al morso non ho alcuna informazione, mi dispiace.

Comunque il genere in Italia è presente con 17 specie:

 

Drassodes Westring, 1851

 

Drassodes albicans (Simon, 1878) (S)

Drassodes canaglensis di Caporiacco, 1927 (N) [E]

Drassodes cupreus (Blackwall, 1834) (N)

Drassodes decorus (Blackwall, 1870) (S) [E]

Drassodes difficilis (Simon, 1878) (N)

Drassodes fugax (Simon, 1878) (N)

Drassodes heeri (Pavesi, 1873) (N)

Drassodes hispanus (L. Koch, 1866) (Sa)

Drassodes hypocrita (Simon, 1878) (N, S)

Drassodes lapidosus (Walckenaer, 1802) (N, S, Si, Sa)

Drassodes luteomicans (Simon, 1878) (N)

Drassodes lutescens (C.L. Koch, 1839) (N, S, Si, Sa)

Drassodes pubescens (Thorell, 1856) (N, S)

Drassodes rubidus (Simon, 1878) (Sa)

Drassodes tenuis (L. Koch, 1866) (N)

Drassodes villosus (Thorell, 1856) (N)

Drassodes vinosus (Simon, 1878) (N, S)

 

e andrei con i piedi di piombo nella determinazione specifica, visto anche il fatto che la maggior parte delle specie è segnalata nel nord Italia, appena più a sud della tua Svizzera!

Buon fine settimana anche a te![:D]

Link to comment
Share on other sites

  • 7 months later...

Ed ecco, a distanza di quasi otto mesi, l'epigino del mio esemplare (che misurava 13mm BL):

 

epinterdrass.jpg

intero

 

epidissdrass.jpg

a seguito di dissezione e diafanizzazione con clove-oil

 

vulvadrass.jpg

vulva

 

filieredrass.jpg

particolare delle filiere, dalla caratteristica forma cilindrica

 

Su Spinnen Mitteleuropas le tavole non sono di grande aiuto: http://www.araneae.unibe.ch/Bestimmung/fam...odes_gesamt.htm

 

Dal confronto con le tavole del Roberts (pp. 104-105) l'epigino sembra somigliare più a quello di Drassodes cupreus che a quello di D. lapidosus, ma nessuno dei due mi convince completamente. Penso proprio che invocherò un vaticinio della dottoressa Di Franco.

Link to comment
Share on other sites

Il Roberts dice, per D. lapidosus :

 

"Epgyne distinguished by the relative width across the two pairs of spermathecae (narrower across anterior pair) and the relatively wide central tongue"

 

Mi sembra che la lingua sia molto "allargata" rispetto a quella di D. cupreus. Dovessi dire, sceglierei il primo.

 

Teo

 

PS: certo un intervento della Dr.ssa Di Franco fugherebbe ogni dubbio in merito...

 

PS2: Io ho assistito in diretta (telefonica) l'espianto. Avevo capito che stava venendo un bel lavoro, ma devo dire - ora che vedo il tutto finito - che è sopra ogni aspettativa. Eccezionale Daniele.

Link to comment
Share on other sites

Non conosco bene il genere, d'istinto sarei propenso a classificarlo come D. cupreus anziché D. lapidosus, ma in effetti le ampolle anteriori dei ricettacoli seminali sono - seppure di poco - più larghe di quelle posteriori. Il parere di Francesca Di Franco sarebbe essenziale.

 

tongi

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.