Jump to content

Doppio veleno degli scorpioni [Le Scienze]


Guest AlLe
 Share

Recommended Posts

Interessante, ma non chiarissimo....2 veleni, uno letale e uno "solo" fonte di dolore.

Si riferivano alla difesa? (allora ha una sua logica)..

Si riferivano alla predazione? (capisco meno...la preda va uccisa, non "addolorata")

E i casi di intossicazione grave da puntura di Parabuthus?

Mah...per tutti gli animali muniti di veleno, questo risulta un "bene prezioso" da risparmiare al massimo, ma un doppi veleno non lo sapevo proprio..

Ciao!!

 

 

Uno stracchino è per sempre........

Link to comment
Share on other sites

Secondo me può darsi che si tratti di un'arma difensiva. Ovvero il veleno solo doloroso di cui parla, siccome viene riprodotto più velocemente, può essere utilizzato dallo scorpione nei casi in cui il pericolo sia imminente, tanto per fare allontanare l'ospite indesiderato.

Durante la predazione per contro userà quello letale, visto che ha tutto il tempo per preparare l'agguato. Così ad occhio potrebbe essere così, come può essere che si tratti della stessa tossina inoculata in diversi dosaggi a seconda dei casi...Mah!

Ora provo a vedere se trovo un sunto della ricerca più completo di quello riportato dall'articolo. Mi interessa non poco la faccenda!!![;)]

 

Ciao!

Alessandro

Link to comment
Share on other sites

Interessante, molto interessante...

 

Ecco cosa dicono sulla velenosità del Parabuthus transvaalicus su Scorpion files:

 

Medical data indicate that this species has a strong venom and is medical significant. In a study in Zimbabwe, 63 % of the stings of this species resulted in intense pain only. 27 % of the stings resulted in minor systematic envenomation (hypersalivation, sweating and subjective neurological complaints). Severe scorpionism was seen in 10 % of the cases (neuromuscular symptoms with significant parasympathetic nervous system and cardiac involvment). Fatality rate was 0.3 % with deaths in children below 10 years and adults above 50 years. The cadiac involvment in P. transvaalicus envenomations differ from general buthid scorpionisms. Use of species specific antivenom seem to have a positive therapeutic effect.

 

Qualcuno sa che effetti possono avere i "sali di potassio" direttamente sull'uomo? Non potrebbero essere loro la causa del "cadiac involvment in P. transvaalicus envenomations differ from general buthid scorpionisms"?

 

Oppure: stiamo parlando di una delle poche specie in grado di spruzzare veleno. Non è che magari proprio per questo che ha il doppio veleno? (uno usato per spruzzare e per difendersi, l'altro nella caccia)

 


She's got the jack, ta na naaa...

Link to comment
Share on other sites

I sali di potassio per via endovenosa ed ad alti dosaggi ,sono cardiotossici.

Ma dubito che sia il caso dell'avvelenamento da P.traanswalensis, sia per le quantità iniettate, sia per la via (sottocutanea od intradermica)....

Ciao!

 

 

Uno stracchino è per sempre........

Link to comment
Share on other sites

Concordo in pieno con Ilic.

Per la questione del doppio veleno, come la mettiamo dal punto di vista anatomico? Ghiandole velenifere distinte o polivalenti?

Link to comment
Share on other sites

Ho trovato la ricerca completa.

 

Per chi non avesse voglia di leggersela tutta nel sito

http://www-apps.niehs.nih.gov/centers/publ...ctr321-1531.htm,

essendo in lingua inglese anche se molto interessante (forse un po' tecnica) il sunto è questo:

 

[Parla del veleno del Parabuthus transvaalicus, tuttavia generalizza il discorso sulla produzione dei due veleni agli scorpioni in generale]

"Gli scorpioni producono il veleno in questo modo: quando le ghiandole velenifere sono sottoposte a stimolo, prima producono una sostanza velenosa trasparente (che qui traducendo letteralmente chiama preveleno). Se lo stimolo persiste, le ghiandole producono il veleno vero e proprio, di colore bianco e più denso, che va a mischiarsi con il preveleno già prodotto.

Il preveleno contiene un'alta concentrazione di sali di potassio e peptidi che, oltre a causare una depolarizzazione delle cellule causando dolori, ne impedisce temporaneamente o comunque rallenta il ritorno alla normalità, rendendo più persistenti e tossici gli effetti.

Si ipotizza che questa sostanza sia molto utile appunto come deterrente per i predatori e per immobilizzare prede di piccole dimensioni. Lo scorpione in tal modo conserverà il veleno vero e proprio, più costoso in termini energetici da produrre e quindi più prezioso, per le occasioni che davvero lo richiedono."

 

Bello![:D]

Ciao!

Alessandro

Link to comment
Share on other sites

Quadra tutto. Lo scorpione per risparmiare risorse usa il vero veleno potente solo per i casi più importanti, cioè grossa preda che si dimena o potenziale predatore insistente nel molestarlo. Comunque tutti gli animali velenosi cercano di risparmiarlo il più possibile. Anche un serpente come il cobra, prima di mordere, lancia dei soffi di avvertimento, proprio perché non vuole sprecarlo.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.