Jump to content

Brachypelma annitha


Paolo
 Share

Recommended Posts

Brachypelma annitha

 

Sottofamiglia: Theraphosinae.

Nome scientifico: Brachypelma annitha (M.Tesmoingt - F.Cleton - J.M.Verdez; 1997).

Nomi comuni: Acapulco Red Knee - Giant Orange Knee.

Note alla nomenclatura: come per tutte le specie del genere Brachypelma da alcuni autori può essere indicata come Euathlus annitha.

 

Diffusione: Messico.

Abitudini: araneide terrestre. Molto spesso però ama arrampicarsi sulle pareti di vetro del terrario.

Tana: opportunista. Difficilmente scava buche ma più spesso usa la terra per accomodare rifugi già presenti.

Habitat: zone semi-aride del Messico.

Aggressività media: 4. La Brachypelma annitha è un terafoside davvero docile ma tende, se infastidita, a lanciare i peli urticanti.

Rapidità di crescita: media.

 

Descrizione: ragno di medie dimensioni; la femmina può superare i 15 cm di leg-span mentre il maschio è leggermente più piccolo e presenta un corpo più corto ma zampe lunghe. A maturità sessuale raggiunta il maschio presenta gli speroni tibiali e bulbi palpali ben sviluppati. Le patelle, le parti distali di tibie e metatarsi delle zampe e dei pedipalpi sono colorate di un rosso acceso. Dello stesso colore è circondato il carpace. Le tonalità di rosso possono variare molto da soggetto a soggetto ma il colore di fondo è sempre il nero. L'annitha è un ragno abbastanza longevo: la femmina può vivere più di 20 anni mentre il maschio circa 4-5 anni. L'ophistosoma presenta peli lunghi di colore rossiccio ed è provvisto di setae urticanti.

Particolarità: la Brachypelma annitha può risultare praticamente indistinguibile dalla Brachypelma smithi tant'è che in passato la si voleva far rientrare come una variante di quest'ultima specie e altri studiosi sostenevano che si trattasse semplicemente di un ibrido ottenuto dall'accoppiamento della smithi con altre specie messicane. Solo ultimamente questo terafoside è stato classificato come specie a parte (ovvero l'accoppiamento di due individui porta alla nascita di una progenie fertile) poichè i vari tentativi di accoppiarla con la smithi sono risultati vani. Questo perchè la differenza più indicativa che permette di discernere le due specie sta nella conformazione anatomica della spermateca: la smithi presenta una spermateca a forma all'incirca di semiluna mentre credo che la spermateca della B.annitha presenti due piccole protuberanze.

 

Allevamento: la temperatura di giorno può variare dai 24 ai 28°C mentre di notte non dovrebbe scendere sotto i 20°C. Per mantenere queste temperature anche d'inverno è consigiabile acquistare un cavetto riscaldante collegato ad un termostato. L'umidità deve essere compresa tra il 70 e l'80%. Il substrato migliore è rappresentato da torba mista a vermiculite in un rapporto di 3:1. Le dimensioni di una teca ideale per un soggetto adulto sono: 30cm x 30cm x 25cm (altezza). Nel terrario non deve mancare una vaschetta con dell'acqua ed un riparo. La dieta deve essere composta soprattutto da grilli e camole della farina.

Particolarità: la Brachypelma annitha è un ragno molto vorace nel periodo di intermuta ma la lunghezza del diguno pre-muta può raggiungere anche un mese negli adulti. Inoltre l'annitha difficilmente accetta cibo di dimensioni eccessive rispetto alla sua grandezza.

 

Riproduzione: non dovrebbe differire molto dalla B.smithi e quindi dall'accoppiamento utile passeranno 2-3 mesi alla deposizione dell'egg-sac e altrattanto tempo occorrerà per la schiusa.

Mercato: essendo una specie meno comune della smithi i prezzi sono leggermente superiori e vanno dai 20 euro per un ling ai 100 euro e più per un esemplare adulto. La Brachypelma annitha non è un esemplare ancora facilmente reperibile sul mercato italiano e vengono fatte accoppiare regolarmente solo all'estero. Come per tutte le specie del genere Brachypelma è annoverata nell'appendice seconda del documento C.I.T.E.S. da cui deve essere sempre scortata nelle importazioni. La truffa più comune perpetrata da pseudo-allevatori è quella di vendere smithi per annitha al fine di guadagnare qualche euro in più.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.