Jump to content
Sign in to follow this  
H.Lividum

Brachypelma emilia

Recommended Posts

Brachypelma emilia

Sottofamiglia: theraphosinae
Nome scientifico: Brachypelma emilia (White 1856)
Nomi comuni: Mexican true red leg

Note alla nomenclatura:
nomenclature errate o in disuso: Eurypelma emilia (F.O.P. Cambridge, 1897)Euathlus emilia (Raven, 1985)

Diffusione: Messico, Costa Rica, Panama

Abitudini: Ragno decisamente tranquillo, ama stare rintanato durante il giorno, anche se a volte lo si vede gironzolare non appena la temperatura comincia a scendere o quando la luce nella stanza è tenue.
Tana: generalmente opportunista in terrario, in natura puo assumere comportamenti da scavatrice.

Habitat: zone prevalentemente aride.
Aggressività media: - 4 - poco aggressiva, se disturbata preferisce la fuga all'attacco.
Rapidità di crescita: medio-bassa.

Descrizione: simile nella livrea alla brachypelma bohemei, la brachypelma emilia presenta un opistosoma nero con lunghe setae di colore arancione. Il cefalotorace è anch'esso di colore arancione con sfumature tendenti al marrone scuro nella parte più esterna ad eccezione di una maschera nera che si estende nell'area dell'apparato visivo. Femori, patelle, tarsi e parte dei metatarsie sono neri; la tibia è invece di un colore arancione simile a quello del cefalotorace, i pedipalpi e i cheliceri sono neri, e tutti (zampe comprese) ricoperti da una serie di peli più lunghi che contribuiscono a dare all'animale un aspetto massiccio.
Le dimensioni possono arrivare ai 15 cm di legspan e 6 cm di corpo nelle femmine, nei maschi 12 –13 cm di legspan e 5 di corpo.
Non sono presenti differenze di colorazione tra i due sessi.

Particolarità: in commercio è presente un ibrido ottenuto dall'incrocio di questa specie con la brachypelma Bohemei; ibrido facilmente distinguibile dalla colorazione delle zampe dove l'arancione non è limitato alla sola tibia, ma si espande sfumando verso il nero anche sulla patella, e dalle dimensioni ridotte della maschera nera sul cefalotorace.

Allevamento: facile come tutte quelle della sua specie, la brachypelma Emilia è mansueta, ma ha una forte predisposizione a lanciare i peli urticanti, inoltre pare che il morso sia tra i più fastidiosi (naturalmente restando nell'ambito delle brachypelma).
Necessita di un terrario medio grande, 30x20x20 cm con un substrato di vermiculite o corteccia di pino (la stessa usata per i serpenti e per le iguane) alto 3 cm, un tronchetto di sughero come rifugio, e un piattino d'acqua.
Temperatura 25°-27° diurna 20°-22° notturna , 75%-80% umidità, in qualsiasi caso questa specie sopporta bene variazioni sia di temperatura che di umidità "notevoli", naturalmente entro certi limiti.
Per quanto riguarda l'alimentazione, gli adulti gradiscono molto caimani, grilli adulti, cavallette, e piccoli rettili (lucertole gechi ecc.), gli spiderlings accettano di buon grado mosche, drosophile, grilli appena nati, e scarabei di 1 cm.

Riproduzione: vale in generale quanto detto per le altre brachypelma.
I tempi di gestazione durano 3 mesi prima della deposizione del cocoon, dopo circa 6 settimane questo va tolto per evitare che la madre se lo divori.

Mercato:Come tutte le brachypelma necessita di documento CITES, non difficile da reperire sul mercato sia adulta che spiderling; i prezzi si aggirano intorno ai 70 euro (in negozio) per un esemplare adulto.

 

 

2016_02_19-17_20_50_014d5.jpg

 

2016_02_19-17_20_50_01c48.jpg

 

2016_02_19-17_20_50_022e3.jpg





Immagini di Alvise Ardenghi (nick H.Lividum)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Unica nota alla tua ottima scheda: il plurale di Brachypelma rimane Brachypelma,(anche perchè essendo latino al limite dovrebbe essere brachypelmae)[:)]

Ciao Ciao

Aleli

Share this post


Link to post
Share on other sites

prontamente corretto!

 

grazie

AL

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allego questa bella foto di una "muta ricostruita", fattami avere da Alvise...

2016_02_19-17_20_50_022e3.jpg


Cavolo sei un mago! [ :D]

Matteo

º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°
ARACNOFILIA.ORG -amministratore
º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti sembra viva compimenti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ehy ci si dimentica che quì il mago sono io!!!??!!

Scherzi a parte complimenti per la ricostruzione della muta, se Matteo non l'avesse specificato ci sarei senz'altro cascato.

Peccato che non riesco a trovarla questa specie...

Ciao

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

complimenti davvero... personalmente sono negato nel ricostruire le mute, ma questo è un lavoro da maestro!

 

sì sono contusioni da pugno. e sì la cosa mi va benissimo. sono illuminato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Francesco

Scusate, ma nelle mute della mia B. smithi non ho mai trovato l'opistosoma. Pensavo che non mutasse in quanto non chitinoso.

 

Ci sono più cose in cielo e in terra che nella tua filosofia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

se lo mangiano qualche ora dopo essersi rialzate......

tutto sta nel recuperare prima la muta........

 

Alvise

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 19/9/2019 at 19:29, Samuele Allocca ha scritto:

Cosa vuol dire che lancia peli urticanti? 

Ne vorrei prendere uno me lo consigliate? 

Se no che ragno dovrei prendere? 

@Samuele Allocca Tutte le migali sudamericane appartenenti alla sottofamiglia Theraphosinae possiedono delle setole urticanti che usano per difendersi dai predatori. Quando vengono disturbate loro lanciano le setole che sono presenti sull'addome sfregandole con le zampe. Ecco che le setole causano irritazioni nelle mucose del predatore disincentivandolo. Ma ovviamente causano delle irritazioni anche a noi uomini se ci colpiscono. 

Questa è comunque una scheda di allevamento. E' offtopic parlare qui di queste cose. Ti consiglio di rivolgere le tue domande nell'apposita sezione sulle MIgali.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.