Jump to content

Cheliceri ragni italiani


Recommended Posts

I cheliceri di maggiori dimensioni sono probabilmente in sequenza degli ordini Atypus e Cteniza (migalomorfi ) e fra i labidognati gli ordini Dysdera e Segestria.

Non vi è rapporto con la pericolosità del veleno, ma qualche rapporto con la dolorosità del morso senz'altro...

Cheliceri notevoli hanno poi i generi Tarentula e Hogna.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Non trascurerei affatto il maschio di Cheiracanthium punctorium...

http://norbert.verneau.free.fr/f_clubio.html

Guardare per credere (e in questo caso la "mostruosita'" nasconde anche un veleno molto attivo sull'uomo, come ben sa la mamma del nostro webmaster!).

Link to comment
Share on other sites

Guest emix73

vi state dimenticando di qualcuno...che in fatto di cheliceri non scherzano affatto...le tetragnatha.comunque anche i grossi esemplari di tegenaria si difendono bene

Link to comment
Share on other sites

Mmmm... in effetti ha ragione Ilic, ci siamo sbrodolati. Provo a fare un riassunto: Atypus e Cteniza, soprattutto il primo, sono quelli con i cheliceri piu' grandi ma dubito fortemente che li incontrerai mai, tessono una tela sotteranea cilindrica e non escono praticamente mai, dei frequentatori del forum Emix e' l'unico che sa dove trovarli ma credo ne abbia catturato soltanto un esemplare per specie, Segestria e' comune e molto aggressiva ma devi saperla cercare: la sua tela a imbuto, da cui si sporge di notte, puoi trovarla nelle vecchie case o sugli alberi, di solito gli ulivi, Dysdera e' abbastanza frequente sotto i sassi in ambienti umidi dalla primavera inoltrata in poi, ed e' il ragno tra quelli citati da cui e' piu' facile essere morsi (fa un male cane, esperienza personale, anche se il veleno non e' granche' attivo), Tetragnatha tesse delle tele orbicolari verticali, e' facilmente reperibile vicino ai corsi d'acqua e ai laghi, e non e' specie ne' mordace ne' pericolosa. Cheiracanthium e' mordacissimo e molto frequente, ma paradossalmente e' piu' facile essere morsi che vederlo, in quanto vive generalmente nell'erba alta dei prati incolti.

Tegenaria e' il ragno forse piu' comune tra i nostrani, raggiunge dimensioni considerevolissime e proporzionalmente al corpo non direi che abbia dei cheliceri molto grandi. Certo, quando si parla di un bestione di 10-12 cm legspan e' chiaro che in termini assoluti anche le "zanne" sono enormi, e comunque se manipolato questo "mostro" tende a mordere, seppur con effetti relativamente poco dannosi (eccezion fatta per T. agrestis, vedi scheda). Per finire con Hogna e L. tarentula, la prima e' piuttosto comune e tende a girovagare anche per le case, la seconda e' molto piu' rara e difficile da stanare dal suo buco sotterraneo. Sono specie relativamente aggressive se disturbate.

Fine dello sproloquio, attendo immancabili puntualizzazioni...

Link to comment
Share on other sites

Guest Francesco

Sicuramente la Latrodectus tredecimguttatus non ha chelicheri grandi, ma sicuramente è il ragno più pericoloso endemico in Italia.

 

Ci sono più cose in cielo e in terra che nella tua filosofia...

Link to comment
Share on other sites

Scusate per la domanda troppo secca e grazie delle risposte; anch'io sono stato morso dalla dysdera (a vederlo mangiare onischi non sembrava tanto doloroso!).

Ma gli Atypus che vivono in Italia sono pericolosi?

Link to comment
Share on other sites

Atypus non ha un veleno particolarmente attivo per l'uomo, e comunque spesso gli Ortognati per difendersi si accontentano di mordere senza inoculare la loro tossina. A proposito di Ortognati, abbiamo dimenticato Ischonoculus triangulifer, l'unico Teraphosidae italiano. Non l'ho mai visto neanche in foto, ma credo che anche i suoi cheliceri meritino una menzione.

Link to comment
Share on other sites

Io ho I. valentinus... niente di che... molto più "grossi" Atypus ecc...

Ciao

Ema

 

La natura è troppo immensa per farla stare tutta in una foto.

Link to comment
Share on other sites

Ahi ahi ahi l'I.triangulifer!!!

Mai che mi venga in mente la fauna della splendida Sicilia!

I 5 neuroni che mi sono rimasti non vanno bene niente col caldo....

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

  • 7 months later...

Non mi ha mai punto un ape e quindi non posso farti un paragone...

il morso di una dysdera è mooooolto fastidioso anche se il dolore persiste solo per un paio di giorni.

Non ti consiglio di provare[;)]

 

"Chi deve aver paura?"

 

10.gif PiErGy 41.gif

Link to comment
Share on other sites

Sono anche interessanti cheliceri di ragni piccoli o medii che sono sproporzionati (ipertrofizzati) paragonati alle dimensioni del ragno. Generalmente si trovano nel mascio. Alcuni esempi sono i maschi di Salticus sp. e di Myrmarachne sp. (Salticidae), di Enoplagnatha sp. (Theridiidae) e di alcuni Linyphiidae come Erigone e Linyphia.[:90]

 

 

 

Ciao

 

David

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.