Jump to content

D.L. 159/2003 - divieto aracnidi pericolosi


Recommended Posts

Pubblichiamo la Legge 213/2003 che ha convertito in Legge il Decreto di divieto di detenzione aracnidi pericolosi:id="navy">

 

 

DECRETO-LEGGE 3 luglio 2003, n.159

Divieto di commercio e detenzione di aracnidi altamente pericolosi per l'uomo.

(GU n. 153 del 4-7-2003)

testo in vigore dal: 5-7-2003

 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Considerato che si sono registrati casi di importazione di specie di aracnidi altamente pericolosi per l'uomo con conseguenti fenomeni di allarme sociale; Ritenuta la straordinaria necessita' urgenza di includere anche gli aracnidi potenzialmente pericolosi per l'uomo tra le specie animali per le quali sono vietati la detenzione ed il commercio in ragione della particolare pericolosita' per l'incolumita' e la salute pubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 giugno 2003; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, con il Ministro delle politiche agricole e forestali e con il Ministro dell'interno;

 

EMANA

il seguente decreto-legge:

 

Art. 1.

 

1. Sono da considerare potenzialmente pericolosi per l'incolumita' e la salute pubblica tutti gli esemplari vivi di aracnidi selvatici, ovvero provenienti da riproduzioni in cattivita', che possono arrecare, con la loro azione diretta, effetti mortali o invalidanti per l'uomo o che comunque possono costituire pericolo per l'incolumita' pubblica.

 

2. E' vietato a chiunque, detenere, commercializzare, importare,esportare o riesportare gli esemplari di cui al comma 1, salve le esenzioni previste dal comma 6 dell'articolo 6 della Legge 7 febbraio 1992, n. 150. In caso di inosservanza si applica la disciplina sanzionatoria di cui al comma 4 del medesimo articolo 6.

 

3. A coloro che, alla data di entrata in vigore del presente decreto, detengono esemplari vivi delle specie di cui al comma 1 si applicano le disposizioni di cui ai commi 3 e 5 dell'articolo 6 della legge 7 febbraio 1992, n. 150.

 

 

_______________________________

 

Alla legge aggiungiamo anche l'Articolo 6 (completo) della L.150/1992 che in parte viene richiamato dalla precedente, seppur in modo improprio (La L.150 infatti si riferisce unicamente a "mammiferi e rettili"). id="navy">

 

Legge 7 febbraio 1992, n. 150

Disciplina dei reati relativi all'applicazione in Italia della convenzione sulcommercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione, firmata a Washington il 3 marzo 1973, di cui alla legge 19 dicembre 1975, n. 874, e del regolamento (CEE)n. 3626/82, e successive modificazioni, nonché norme per la commercializzazione e la detenzione di esemplari vivi di mammiferi e rettili che possono costituire pericolo per la salute e l'incolumità pubblica.

(Pubblicato in G.U. n. 44 del 22.2.1992)

Testo coordinato ed aggiornato al D.Lgs. 300/1999

 

Art. 6

1. Fatto salvo quanto previsto dalla legge 11 febbraio 1992, n. 157, è vietato a chiunque detenere

esemplari vivi di mammiferi e rettili di specie selvatica ed esemplari vivi di mammiferi e rettili

provenienti da riproduzioni in cattività che costituiscano pericolo per la salute e per l'incolumità

pubblica.

2. Il Ministro dell'ambiente, di concerto con il Ministro dell'interno, con il Ministro della sanità e

con il Ministro delle politiche agricole e forestali, stabilisce con proprio decreto i criteri da applicare

nell'individuazione delle specie di cui al comma 1 e predispone di conseguenza l'elenco di tali

esemplari, prevedendo altresì opportune forme di diffusione dello stesso anche con l'ausilio di

associazioni aventi il fine della protezione delle specie (1).

3. Fermo restando quanto previsto dal comma 1 dell'articolo 5, coloro che alla data di pubblicazione

nella Gazzetta Ufficiale del decreto di cui al comma 2 detengono esemplari vivi di mammiferi o

rettili di specie selvatica ed esemplari vivi di mammiferi o rettili provenienti da riproduzioni in

cattività compresi nell'elenco stesso, sono tenuti a farne denuncia alla prefettura territorialmente

competente entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto di cui al comma 2. Il

prefetto, d'intesa con le autorità sanitarie competenti, può autorizzare la detenzione dei suddetti

esemplari previa verifica della idoneità delle relative strutture di custodia, in funzione della corretta

sopravvivenza degli stessi, della salute e dell'incolumità pubblica.

4. Chiunque contravviene alle disposizioni di cui al comma 1 è punito con l'arresto fino a tre mesi o

con l'ammenda da lire quindici milioni a lire duecento milioni.

5. Chiunque contravviene alle disposizioni di cui al comma 3 è punito con la sanzione

amministrativa da lire dieci milioni a lire sessanta milioni.

6. Le disposizioni dei commi 1, 3, 4 e 5 non si applicano: a) nei confronti dei giardini zoologici,

delle aree protette, dei parchi nazionali, degli acquari e delfinari, dichiarati idonei dalla

commissione scientifica di cui all'articolo 4, comma 2, sulla base dei criteri generali fissati

previamente dalla commissione stessa; ;) nei confronti dei circhi e delle mostre faunistiche

permanenti o viaggianti, dichiarati idonei dalle autorità competenti in materia di salute e incolumità

pubblica, sulla base dei criteri generali fissati previamente dalla commissione scientifica di cui

all'articolo 4, comma 2. Le istituzioni scientifiche e di ricerca iscritte nel registro istituito

dall'articolo 5-bis, comma 8, non sono sottoposte alla previa verifica di idoneità da parte della

commissione (2)(3).

 

(1) Vedi d.m. 18 maggio 1992.

(2) Comma così modificato dall'art. 4, l. 9 dicembre 1998, n. 426.

(3) Articolo così sostituito dall'art. 2, d.l. 12 gennaio 1993, n. 2, conv. in l. 13 marzo 1993, n. 59.

 

 

Matteoid="navy">

 

º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°

ARACNOFILIA.ORG -amministratore

º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°

Link to comment
Share on other sites

NOTA:

 

Al momento NON è ancora stata resa nota una lista degli aracnidi ritenuti pericolosi.

 

º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°

ARACNOFILIA.ORG -amministratore

º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°º¤ø,¸¸,ø¤º°`°

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.