Jump to content

Argiope bruennichi: la zona delle zitelle?


Recommended Posts

Valle dell'Erica - Santa Teresa Gallura (OT), in una zona di cannucce ed erba alta intorno ad uno stagno.

Quest'anno ho notato in questa zona una straordinaria abbondanza di Argiope bruennichi, al punto che era difficile inoltrarsi tra la vegetazione senza rompere qualche ragnatela. 

Una situazione simile l'avevo rilevata ben 12 anni fa.

La stranezza è che tutte queste femmine di Argiope erano presenti e adulte già a metà luglio, ed erano sostanzialmente ancora tutte lì a metà settembre, mentre, in aree vicine, erano sparite da tempo per conclusione del ciclo vitale.

Nel frattempo avevano catturato molte prede, e gli Argyrodes ospiti avevano deposto anche 5 ovisacchi.

Riflettendo su questa stranezza ho osservato che, in questi 2 mesi, non avevo visto un solo maschio.

Ritengo perciò probabile che tutte queste femmine, pur avendo accumulato cibo più che sufficiente, non si decidevano a deporre l'ovisacco (dopo di che sarebbero morte in breve tempo), perché non si erano accoppiate. Stavano ancora aspettando il principe azzurro, ma i principi, ormai, erano già morti tutti.

Forse erano arrivate a maturazione troppo tardi, quando i maschi non erano più in circolazione, oppure in quell'area erano nate quasi solo femmine?

2021_09_25-14_17_50_23b37.jpg

2021_09_25-14_18_38_57067.jpg

2021_09_25-14_19_08_1d32a.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Molto interessante la tua constatazione, mi sono concentrato su questo ragno da ben due anni e ci stò studiando sopra tutt'ora tenendo anche delle femmine in teca da settembre in poi per preservarle dai primi freddi e permetter loro di durare più possibile in casa, anche se come ben sai l'orologio biologico scorre comunque in avanti verso l'ora fatale.

Nel mio caso tutte quelle che ho tenuto sino ad ora (4 femmine in totale) hanno deposto l'ovisacco nella teca e quindi erano cicciotte in quanto gravide e non solo per troppo cibo consumato.

Sarebbe curioso catturarle ancora con addome gonfio e vedere se in teca depongono, dato che ho notato esserci in giro ancora qualche temeraria, rallentata dal freddo sulla propria ragnatela ormai malconcia e non più restaurata, eppure se ne stanno li nel centro anche senza mangiare nulla (lo sò per certo in quanto la ragnatela non subisce variazioni di grado estetico e le prede sono già diminuite sensibilmente dato che col freddo rallenta il metabolismo di ogni insetto o aracnide vivente).

Molte invece sono sparite già ad inizio settembre dopo aver deposto l'ovisacco ed aver accelerato ulteriormente il processo di deposizione e morte.  Infatti, come ho potuto constatare dalla Silk 21.1 che ha mangiato abbondantemente e nel giro di pochi giorni ha deposto e poi è morta, mentre quella che ho in teca tutt'ora Silk 21.2 ha fatto l'ovisacco ma non ho ha più fatto la ragnatela, si rifiuta di mangiare espressamente e beve dalle goccioline sull'addome quando nebulizzo dentro dell'acqua per inumidire l'ambiente interno alla teca, e son quasi 2 settimane che campa così, bevendo acqua e nient'altro, del resto niente ragnatela = niente proteine animali... alla faccia dell'orologio biologico!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.