Vai al contenuto
Faby

Report Argiope trifasciata Cagliari 2016/2017

Recommended Posts

27 novembre 2016 - situazione stabile. Esemplare sempre più debilitato, ormai evidentemente a fine ciclo vitale:

2017_10_04-16_49_43_723b8.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

27 novembre - ovisacchi ravvicinati e ancorati al ramo:

2017_10_04-16_51_11_e1cd6.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

27 novembre - un ovisacco vuoto, che preleverò subito dopo la foto:

2017_10_04-16_53_11_0d4e2.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

5 dicembre 2016 - andai lì pensando di non vederla più, ma con mia grande sorpresa, seppur malconcia e con una zampa anteriore mancante, era ancora lì, quasi ad attendere la mia visita settimanale:

2017_10_04-16_59_00_959c4.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

5 dicembre - ecco come si presentava il gruppo di ovisacchi, fra vuoti e ancora chiusi:

2017_10_04-17_00_43_f0789.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

​11 dicembre 2016 – la delusione fu grande quando scoprii che l’esemplare era scomparso. No, non per la sua scomparsa in sè, che anzi credevo avvenisse giorni prima, ad esser sinceri. Ma per un fatto che mi lasciò l'amaro in bocca: i rami attorno erano freschi di potatura. Non seppi mai con certezza se al momento del taglio dei rami era già morto o era stato cacciato via dagli operatori. Non ne rimase traccia, neppure della tela orbicolare. Per fortuna vidi che sia quattro cocoon che i fili di seta fitti ed irregolari tessuti attorno ad essi erano ancora presenti. Convinta che fosse ormai alle porte la stagione più fredda, decisi di smettere con le osservazioni settimanali, ripromettendomi di andare a ricontrollare dopo qualche settimana.

2017_10_04-17_14_21_74e4c.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

wow Grazie :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so a cosa sia dovuto quel colore, però la cosa che viene in mente per prima è che abbiano funzione criptica. Comunque a breve posterò il seguito del report, ieri non ho potuto terminarlo, ma arriverà :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

26 gennaio 2017 – cinque giorni dopo l’uragano che ha colpito la Sardegna sudorientale, andai a vedere se vi è ancora traccia degli ovisacchi. Con mia grande sorpresa li trovai lì, tre schiusi e vuoti, e uno in fase di schiusa, con degli spiderlings, da una veloce stima a prima vista sembravano una cinquantina, che stavano ammassati fuori dalla superficie dei cocoon, e alcuni che sostavano all’imboccatura delle aperture dei sacchi. Fra gli slings già colorati di giallo coi puntini neri, ne vidi uno ancora bianco, in piena muta. Probabilmente era la sua prima muta che lo avrebbe portato dalla fase di ninfa alla fase di spiderling attivo. Provocai un evento disturbante soffiando sugli slings, e facendo vibrare leggermente il ramo. Entrambe le volte si disperdevano, ma dopo pochi secondi tendevano a rientrare alla base, e a riformare l’aggregazione.

 

nella foto: cocoon schiusi

2017_10_05-14_34_10_6d5bc.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

26 gennaio - spiderlings

2017_10_05-14_37_32_21409.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

31 gennaio 2017 – mattina, ore 11.15. Una bella giornata di sole, brezza leggera, assenza di vento forte come scirocco o maestrale. Gli slings erano ancora presenti, e tendevano ancora ad essere ammassati attorno al cocoon, ma ce n'erano alcuni in esplorazione, nel raggio però di meno di 50cm. Stavano sulla stessa pianta di lentisco, o al massimo su quella confinante. Controllando nelle piante accanto non se ne vedeva traccia. Controluce si notavano diversi fili di seta segno del passaggio di ragni, ma era impossibile definire a quali specie appartenessero.

 

Sera, ore 19.30. Era completamente buio, l’illuminazione pubblica era spenta e dovevo aiutarmi con la torcia del cellulare. La situazione era invariata rispetto alla mattina. Prelevai una dozzina di slings riponendoli in un barattolo di vetro a chiusura ermetica. Notai che anche dentro il barattolo tendevano al comportamento gregario. Aggiunsi nel barattolo due piccoli rametti di lentisco, di pochi cm l’uno, che prima utilizzai anche per aiutarmi a prenderli.

 

2017_10_05-14_47_11_9d720.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

31 gennaio - slings dopo il "disturbo"

2017_10_05-14_50_49_b48f0.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

1 feb 2017 – gli slings dentro il barattolo sono prima andati verso il tappo, poi hanno scelto i due rametti sul fondo come base per tessere dei piccoli fili irregolari ed ammassarvici intorno, come facevano all’ingresso dei cocoon. Li ho osservati per qualche tempo, ma purtroppo non sono riuscita a farli interessare a nutrirsi e non ce l'hanno fatta :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi ha sorpreso che gli ovisacchi fossero "nudi".

Sia Argiope bruennichi che Argiope lobata li circondano di una rete intricata di fili collegati a maglie tridimensionali per tenere lontani i curiosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×

Informazioni importanti

Utilizzando questo sito, acconsenti ai nostri Terms of Use.