Jump to content

Cosenza (CS) - Lycosoides coarctata


Recommended Posts

è un maschio di Lycosoides coarctata.

Tutti i ragni (tranne la famiglia Uloboridae) sono velenosi, ma solo due specie sono considerate pericolose in Italia (Loxosceles rufescens e Latrodectus tredecimguttatus). Il veleno della specie che hai ritrovato tu è assolutamente innocuo ^_^

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
  • Topics

  • Similar Content

    • By Syrio
      Data: 11 settembre 2016, circa 9 di mattina
      Luogo: Piazzo (fraz. di Segonzano, TN), 500 mslm
      Posizione e microhabitat: interno casa, su una finestra
      Dimensioni: ehm, non l'ho misurato; cfr foto con la moneta da 2€
       
      Buongiorno! Questo bestione me lo sono trovato domenica scorsa in camera, appollaiato sulla finestra (a finestre chiuse e porta chiusa, ed è al secondo piano, non ho idea da dove possa essere venuto fuori, alla faccia del "ragno delle cantine"). Sul Forum Entomologi Italiani me l'hanno gentilmente identificato con sicurezza come una Tegenaria, ipotizzando poi che possa essere un maschio di T. parietina (ma l'utente che mi ha risposto non era sicuro); qualcuno può confermare o smentire?
       
      Grazie,
      Andrea
       








    • By Mary Gna
      Salve, l'Autunno scorso in una casa del Beneventano (150 m s.l.m. circa) ho visto, in un vaso di Spathiphyllum del diametro di circa 20 cm posto su un davanzale, una caratteristica tela bianca, piuttosto densa (non come un drappo di seta ma quasi), con al centro una struttura a imbuto del diametro di una matita che scendeva per 4-5 cm verso il terreno del vaso. Putroppo al momento non potevo scattare delle foto e successivamente non l'ho vista più, probabilmente danneggiata per trattare o annaffiare la pianta. Visto che il ritrovamento è avvenuto all'interno di un'abitazione, potrebbe trattarsi della tela di un Agelenidae o esistono altre famiglie che creano simili tele a drappo e imbuto (non in fessure, come Filistata o Segestria...)? Ad ogni modo in quella zona della casa non sono mai stati visti ragni degni di attenzione come la Tegenaria. Le immagini presenti su internet alla voce "ragnatela di Agelenidae" sono abbastanza coerenti con la tela che ho visto. Qualcuno ha un'idea?
    • By Silvio Pirata
      Data: 14/09/2016, verso le ore 14.
      Luogo: Casalzuigno (VA)
      Posizione: Trovato nel suo rifugio si seta semitrasparente sotto una corteccia, a terra su un suolo inclinato, in prossimità di un torrente. Ambiente boschivo umido e ombroso.
      Dimensioni: Circa 1 cm di BL.
       
      Non avevo a portata la macchina fotografica, così le foto le ho fatte col telefono.
      Confrontando questo esemplare con alcune foto e leggendo la descrizione sul libro "Guida ai Ragni d'Europa" , sembrerebbe corrispondere a Tegenaria silvestris.
      Potete confermare la specie ?
       
       
      Grazie!
       
      Silvio





    • By erfibeto
      SCHEDINA:

      Data: 30-04-2017, ore 19:30 circa, sereno.

      Luogo: Fontanile (AT), 276 m sopra il livello del mare, cortile di una casa, sotto un portico.

      Posizione e microhabitat: sotto una vecchia incudine dimenticata da molto tempo, bosco nel raggio di pochi metri, umidità media.

      Dimensioni del ragno: 15mm di corpo, 40 mm circa apertura delle zampe (misurato ad occhio)

      mi scuso per le misure imprecise ma il ragno in questione se ne stava tutto il tempo raggomitolato nella sua tana tenendo due zampette che uscivano leggermente e non sono riuscito a misurarlo. l'unica volta che è uscito è stato quando gli ho offerto una formica che ha ghermito con uno scatto fulmineo rientrando subito nella tana. è lì che ho stimato le dimensioni (che poi ho ridotto di un po' dato che i ragni e i pesci mi sembrano sempre più grossi di quello che sono in realtà ). mi scuso anche per la qualità schifosa delle foto ma è il massimo che il mio adattatore macro è riuscito a fare (se questa passione per i ragni si mostrerà duratura acquisterò un'attrezzatura fotografica più performante, promesso
      spero che la foto della ragnatela e lo pseudo primo piano del ragno siano sufficienti...
      grazie infinite per l'aiuto ​​​​
    • By Elena Regina
      Icod de los vinos, Tenerife (ES), III-2017, TBL 18 mm​. E. Regina legit.​




       
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use and Privacy Policy.